7.2 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022
Home Blog

Le forze armate ucraine hanno eliminato circa 48.350 soldati russi in Ucraina

dal 24 febbraio al 1 settembre,

Lo ha detto lo stato maggiore delle forze armate ucraine in una dichiarazione pubblicata su Facebook, riferisce Ukrinform.

dal 24 febbraio al 1 settembre, di cui 450 il 31 agosto.

Le perdite totali in combattimento del nemico includevano anche 1.997 carri armati (+3 nell’ultimo giorno), 4.345 veicoli corazzati da combattimento (+3), 1.115 sistemi di artiglieria (+24), 287 sistemi a razzo a lancio multiplo (+2), 153 guerra antiaerea sistemi (+1), 234 aerei da guerra (+0), 205 elicotteri (+1), 3.239 autoveicoli e serbatoi di carburante (+3), 15 navi da guerra/taglierine (+0), 851 velivoli senza pilota (+2), 104 unità di equipaggiamento speciale (+0). Un totale di 196 missili da crociera nemici (+0) furono abbattuti.

 

Estate Romana -Concerto spettacolo 03 Settembre 2022

Sabato 3 settembre 2022 alle ore 19 a Roma i D’Agostini Poetry Project, in seguito al notevole successo della precedente esibizione del gruppo tenutasi nella suggestiva cornice dello storico Parco di Ponte Nomentano il 9 agosto di un anno fa, a grande richiesta torna ad esibirsi nella Manifestazione Cinematografica Capitolina Arenaniene – ora giunta alla sua V edizione – presentando al pubblico il suo ultimo lavoro discografico: “Camerino di prova” (Ed. Cantartide Records).
Il gruppo ci regalerà anche stavolta uno spettacolo-concerto ricco di suggestioni che spaziano dalla musica d’autore, al jazz con influenze prog, alla poesia ed al teatro. La band fondata quattro anni fa dal noto poeta d’azione Alessandro D’Agostini, poeta-performer ed autore dei testi e dal chitarrista @Poverotroviero, autore della musica, eseguirà brani tratti dall’LP “Camerino di prova” nell’occasione in un ensamble arricchito dall’apporto del pianista M* Gianfranco Biancofiore e dall’oboista e cantante Crina Cruibus.
Alla realizzazione dell’LP della band capitolina hanno partecipato musicisti provenienti dalla scena musicale sia romana che internazionale come i due componenti della formazione Massimiliano e Simone Angelotti, rispettivamente contrabbassista e batterista, tutti e due di formazione jazzistica con alle spalle esperienze nella musica progressive (ex membri dei Venus Tebla).

Si segnala che alla registrazione discografica del primo disco del gruppo ha preso parte anche il flautista, polistrumentista e compositore Jerry Cutillo, leader degli O.A.K., molto stimato anche all’estero ed attivo nello scenario del nuovo prog. europeo e recentemente al fianco di David Jakson per l’incisione di un suo recente concept album sulla vita dello scienziato e inventore Tesla.
L’originale concerto-spettacolo si terrà nell’ambito del Festival Cinematografico ArenAniene.
La Manifestazione ArenAniene, attualmente alla V edizione, organizzata da Coop.Tamtam con la direzione artistica di Patrizia Di Terlizzi e quella organizzativa di Giulio Gargia, ha aperto quest’anno le porte del parco a speciali appuntamenti che precedono o seguono la visione del film: presentazione di libri, incontri di poesia, concerti.

INGRESSO LIBERO

Possibilità di mangiare sul posto a partire da 10 E.
Seguirà la proiezione di un film in programmazione

‘Ndrangheta blitz a Cosenza 202 arresti

De Ficchy Giovanni

Retata della Dda di Catanzaro nel capoluogo bruzio.

Nell’inchiesta coinvolti diversi gruppi criminali che operano in città.

In totale sono 254 gli indagati 

Le accuse sono: associazione di tipo ‘ndranghetistico, associazione a delinquere finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti, aggravato dalle modalità e finalità mafiose, associazione a delinquere finalizzata a commettere delitti inerenti all’organizzazione illecita dell’attività di giochi – anche d’azzardo – e di scommesse, delitti di riciclaggio, autoriciclaggio e trasferimento fraudolento di beni e valori, nonché in ordine ad altri numerosi delitti, anche aggravati dalle modalità e finalità mafiose.

 C’è anche il sindaco di Rende, Marcello Manna, finito agli arresti domiciliari, per una presunta corruzione politica-elettorale, risalente alle elezioni comunali del 2019.

Sono coinvolti l’assessore ai Lavori pubblici dello stesso comune, Pino Munno, e l’assessore alla manutenzione e al decoro urbano di Cosenza, Francesco De Cicco.

Tutti e due sono finiti ai domiciliari.

Gratteri e Manna

Contestualmente, i finanzieri del Gico del Comando Provinciale di Catanzaro e lo Scico di Roma, stanno eseguendo il sequestro preventivo d’urgenza disposto dal pm, che dovrà essere sottoposto al vaglio del gip, di beni immobili, aziende, società, beni mobili registrati, riconducibili a numerosi indagati, per un valore stimato in oltre 72 milioni di euro

L’UE limita l’ottenimento dei visti ai russi

Bruxelles sta anche studiando possibili misure contro i visti esistenti

Bruxelles sta anche studiando possibili misure contro i visti esistenti

I ministri degli esteri europei hanno deciso di sospendere l’ accordo di facilitazione del visto con la Russia firmato nel 2007 . 

L’annuncio è stato dato dall’alto rappresentante, Josep Borrell, al termine della riunione informale tenutasi a Praga. 

La decisione non comporterà l’eliminazione totale dei visti, ma renderà più difficoltose e costose le procedure che i cittadini russi devono formalizzare per ottenere un permesso per soggiorni di 90 giorni nel territorio comunitario.

L’Ucraina aveva chiesto all’UE un divieto di viaggio completo per i cittadini russi e diversi paesi, in particolare i paesi nordici e orientali confinanti con la Russia, hanno concordato con questa opzione.

 Altri, come la Germania e la Francia, credevano che non fosse necessario prendersela con i cittadini comuni. 

Il ministro tedesco Annalena Baerbock, arrivando all’incontro, ha affermato di ritenere essenziale “non punire i dissidenti che stanno cercando di lasciare la Russia”.

I ministri della Difesa europei avevano deciso il giorno prima di avviare una missione di addestramento per addestrare i soldati ucraini.

L’Economia in una lezione

Con oltre un milione di copie vendute, Economia in una lezione è 
una guida essenziale alle basi della teoria economica . 
Un’influenza fondamentale sul libertarismo moderno, Hazlitt difende il capitalismo e il libero mercato dai miti economici che persistono fino ad oggi.

Bisogna sempre guardare agli effetti complessivi, indiretti e di lungo periodo delle politiche economiche

Considerato tra i principali pensatori economici della “Scuola austriaca”, che comprende Carl Menger, Ludwig von Mises, Friedrich (FA) Hayek e altri, Henry Hazlitt (1894-1993), è stato un filosofo libertario, un economista e un giornalista . 

È stato il vicepresidente fondatore della Foundation for Economic Education e uno dei primi editori della rivista The Freeman , un’influente pubblicazione libertaria. 

Hazlitt ha scritto Economia in una lezione, il suo lavoro seminale, nel 1946.

Conciso e istruttivo, è anche ingannevolmente preveggente e di vasta portata nei suoi sforzi per dissimulare errori economici così diffusi da essere quasi diventati una nuova ortodossia.

Negli Stati Uniti Henry Hazlitt è stato, per più di ottant’anni, uno dei giornalisti e saggisti economici più autorevoli.

Nella sua lunga carriera scrisse migliaia di articoli e più di venti libri in uno stile esemplare per chiarezza e vigore, difendendo la libertà economica contro ogni intervento dello Stato nel sistema economico. Hazlitt si trovò spesso isolato nel panorama intellettuale americano, e fu proprio nell’anno in cui lasciò il New York Times per contrasti con la linea editoriale, il 1946, che pubblicò L’economia in una lezione, un insegnamento sul corretto ragionamento economico che vendette un milione di copie e venne tradotto in almeno dieci lingue.

Il metodo espositivo di Hazlitt, fondato sulla ferrea logica deduttiva e sul minimo ricorso ai dati, alla matematica e alle statistiche, ha reso L’economia in una lezione un libro perennemente attuale.

L’attenzione di Hazlitt sulle soluzioni non governative, la posizione anti-deficit forte e fortemente motivata e l’enfasi generale sul libero mercato, sulla libertà economica degli individui e sui pericoli dell’intervento del governo rendonEconomia in una lezione  tanto rilevante e prezioso oggi quanto è stato dalla pubblicazione.

Gli ucraini “sfondano” le linee Russe

De Ficchy Giovanni

La controffensiva Ucraina è stata lanciata

Le forze armate dell’Ucraina hanno lanciato operazioni offensive in molte aree del sud. Come ha detto a un giornalista dell’UNN Nataliya Humenyuk, portavoce delle forze di difesa del sud, i difensori ucraini hanno sfondato la prima linea di difesa dei russi.

 “Abbiamo lanciato azioni offensive su molti fronti nella nostra area di responsabilità e queste azioni sono attualmente in corso.

I dettagli dell’operazione militare non sono stati divulgati. Possiamo confermare che abbiamo sfondato la prima linea di difesa”, ha detto Humenyuk .

 Secondo Serhii Bratchuk, l’oratore dell’Odesa RMA, una fabbrica di macchine è in fiamme nel Beryslav catturato nella regione di Kherson e il capo del centro stampa delle forze di difesa del sud, Nataliya Gumenyuk, ha confermato le informazioni sui fallimenti di i Rashisti.

 “Nella regione di Kherson, il “109° reggimento” del cosiddetto “DPR” e i paracadutisti russi si sono allontanati dalle loro posizioni, ha riferito l’Accademia militare di Kakhovka.

Lo ha confermato anche a Suspilno il capo del centro stampa del Sud Forze di difesa Humenyuk”, ha poi riferito Suspilne su Telegram.

 Inoltre, il portavoce dell’Odesa RMA, riferendosi alle informazioni dell’OUV “Kakhovka” ha osservato che “nella regione di Kherson, le forze armate ucraine hanno distrutto quasi tutti i grandi ponti: il ponte ferroviario Antonivsky, il ponte stradale e il Ponte Novokakhovsky.

Sono rimasti solo i passaggi pedonali. L’esercito russo si è rivelato tagliato fuori dalla fornitura di armi e personale dal territorio della Crimea”.

Il Bit Coin la “valuta che non c’è”

De Ficchy Giovanni

La sua quotazione è caduta da quasi 70000$ a poco meno di 20000$

La caduta del Bit coin

Il crollo delle cripto-valute continua

 La diminuzione di prezzo ha interessato anzitutto Bitcoin (BTC), ma anche Ethereum (ETH), Ripple (XRP), Cardano (ADA), Solana (SOL) e Dogecoin (DOGE), che hanno tutti visto calare drasticamente il proprio valore nel giro di un paio d’ore.

El Salvador e il Bitcoin, altro rinvio

Il legame Bitcoin di El Salvador sarà ulteriormente ritardato, fino alla fine dell’anno, hanno detto a Fortune Paolo Ardoino, CTO di Bitfinex e Tether.

 El Salvador è diventato il primo paese a dichiarare corso legale di Bitcoin, il rinvio dimostra le sfide che devono affrontare l’impresa pionieristica della nazione centroamericana, con alcuni esperti che dubitano che il progetto si realizzerà mai.

Il progetto, chiamato “token Volcano” ha raccolto 1 miliardo di dollari dagli investitori, di cui la metà dedicata al finanziamento di progetti infrastrutturali e l’altra all’acquisto di Bitcoin. 

Bitfinex è stato selezionato come unico fornitore di scambio.

Molti esperti vedono la raccolta fondi di token Volcano come un modo per il governo di aggirare i problemi di debito prima di un  possibile  default. 

La prospettiva di un finanziamento dal Fondo monetario internazionale è debole , con l’organizzazione che esorta l’amministrazione Bukele a revocare la sua decisione di accettare Bitcoin come moneta a corso legale.   

Letta sà di aver già perso le elezioni

De Ficchy Giovanni

La campagna del Partito democratico per le elezioni politiche del 25 Settembre, quella con lo slogan ‘scegli’ e le due alternative secche, è sicuramente perdente.

Per questo la sua campagna di comunicazione è tutta in difesa, cerca di perdere il meno possibile.

E’ una comunicazione “di arrocco”, il Campo Largo è fallito e il Pd viene attaccato da sinistra, dal Movimento 5 Stelle, e dal centro da Azione e Italia Viva.

La sua campagna infatti non cerca di allargare la sua offerta politica, ma solo cerca di perdere il meno possibile, nei confronti dei veri competitors nel campo del Centro Sinistra.

Sa che non vince, parla ai suoi, scaldi i cuori a sinistra, motiva il suo elettorato, richiamando l’antifascismo, giocando su rosso e nero.

E’ una campagna identitaria, “o di quà o di là” , ma è chiaramente perdente.

Addio a Gorbaciov

De Ficchy Giovanni

MICHAEL GORBACIOV

E’ morto all’età di 91 anni , l’ultimo leader dell’Unione Sovietica, ha lasciato il segno nella storia della Federazione Russa e in quella mondiale.

Nato il 2 marzo del 1931 in una famiglia di agricoltori a Privolnoye, sotto il regime di Stalin, visse sotto l’occupazione tedesca nella Seconda guerra mondiale. 

La Perestroika,(ristrutturazione) e la glasnost (trasparenza), che portarono alla fine della guerra fredda ,al crollo del Muro di Berlino ,il disarmo con i trattati Salt, al ritiro dall’Afganistan, ha scritto pagine importantissime, per tutti noi, guidando un’epoca di cambiamenti epocali, demolendo piano piano tutti i punti fermi dell’equilibrio del terrore; del gli euromissili, le armi strategiche e quelle convenzionali, il patto di Varsavia, le aree di influenza.

Un leader di caratura mondiale, uno di quelli che raramente appaiono sulla scena, ha contribuito a rendere il mondo un posto più sicuro.

Per questo fù insignito del prestigioso Premio Nobel per la Pace.

Fallì però nel riorganizzare economicamente l’Unione sovietica nel suo obiettivo di migliorare le condizioni di vita nel Paese. 

Ha ricevuto in queste ore l’elogio funebre ed il riconoscimento del suo valore da tutti i leader mondiali, gli hanno reso omaggio ed onore .

Sarà sepolto vicino alla Moglie Raissa, nella tomba di famiglia ,nel cimitero di Novodevichy a Mosca.

Nessuno è profeta in patria

Uno scarno comunicato della Clinica ospedaliera Centrale di Mosca, l’ospedale della nomenclatura dove era ricoverato da tempo , annuncia la sua dipartita, senza nessun dettaglio.

 “Mikhail Sergeevich Gorbaciov è morto questa sera dopo una grave e lunga malattia”.

” E’ già il quarto politico deceduto direttamente coinvolto nel crollo dell’Urss”, commenta il deputato d Russia Unita Medved .

Le televisioni russe ignorano volutamente la notizia, partono i commenti impietosi, e un gelido commento di Putin .

Questo atteggiamento è dovuto alle sue dichiarazioni sulla situazione attuale, riguardante la guerra tra Russia e Ucraina, infatti il suo appello è stato monolitico e disarmante: “Fate il possibile per fermare Putin”.

In Italia

“Era dal 26 dicembre 1991 che avevo aspettato di stappare la migliore bottiglia che avevo…” è con queste parole che l’ex deputato Marco Rizzo, ha accolto la notizia della scomparsa dell’ultimo Segretario dell’Unione Sovietica

twitter di Rizzo

Ha dato la libertà all’Unione sovietica e ai popoli dell’Europa orientale.

Ci ha detto ‘siete voi gli artefici della vostra vita’, il modo in cui l’ha fatto ha cambiato la nostra vita”.

Su Rai Due nella trasmissione il “Cantacielo” in onda il prossimo 6 settembre, Angelica Loredana Anton ballerina

Alberto Calistri

Angelica Loredana Anton

Continua a far parlare di se, sempre in senso positivo, perché del suo talento “tout court” nel campo della cultura e dello spettacolo, che gli ha fatto conquistare meritatamente tanti riconoscimenti, e che gli sta dando tanto meritato risalto mediatico.

Bene ora vediamo Angelica Loredana Anton scrittrice, attrice e cantante, anche ballerina.

Eh già, per chi non lo sapesse Angelica è ballerina professionista con tanto di tessera e qualifica del CID – Consiglio Internazionale della Danza dell’UNESCO.

Più volte si è cimentata sui palchi di vari eventi a ballare dal rap al reggaeton, dalla danza orientale al ballo figurato di “The phantom of the opera”, fino ad essere stata chiamata, dall’amico fraterno, Giuseppe Lavore, ad affiancare il cantante “Maurizio In” per la canzone tormentone di questa estate 2022 “San Josè”, nella registrazione del programma su RAI DUE, il Cantacielo, che andrà in onda il prossimo 6 settembre.

Angelica ha voluto accanto a sé la brava ballerina e scrittrice Ilaria Di Roberto, per dare a lei la possibilità di riscatto di uscire fuori dalla brutta vicenda, che l’ha colpita tempo fa, di violenza di revenge porn.

“Ilaria è bravissima a ballare e ho chiesto a Maurizio In, con il sostegno di mio marito, il produttore Gennaro Ruggiero, di portarla con noi sugli schermi di Rai Due” – ha dichiarato Angelica.

Maurizio In, ha subito acconsentito e si è dimostrato di essere solidale e pronto a dare il suo aiuto per il riscatto di Ilaria Di Roberto.

Un anno davvero magico per Angelica Loredana Anton, un film bellissimo, “Anna Una voce umana”, finalista in molti festival internazionali, tanti eventi condotti e tanti premi e riconoscimenti ricevuti in questo 2022 tra cui anche un disco d’oro con la canzone “Con te vivrò”, e ancora altri premi a venire fino alla fine dell’anno.

Insomma, talento, generosità e bellezza dentro e fuori continuano a contraddistinguere l’artista, degna di questo nome, Angelica Loredana Anton che comincia il suo percorso sulle TV nazionali, come ballerina, attrice, e cantante, mentre sta lavorando a nuove canzoni firmate da autori di successo mondiale, e a nuovi film di produzione internazionale.

Case Popolari a Roma

Alloggi Popolari

De Ficchy Giovanni

Il Comune beffato anche sui canoni di affitto.

Il Comune di Roma sta usando dati sul reddito degli inquilini della case popolari , oramai vecchi di sette anni, per questo motivo i canoni per gli alloggi risultano in linea con quelli del 2015.

Non è mai stata effettuata una revisione dei redditi, in tutti questi anni, ma la cosa strana è che non vengono prese in considerazione le informazioni più recenti , risalenti infatti al censimento reddituale effettuato dallo stesso ente nel 2017.

I dati ci sono , ma non sarebbero stati lavorati, per cui Roma Capitale, potrebbe aver perso , in questo tempo rilevanti introiti.

Vengono additate le solite scuse riguardanti la pandemia, e i soliti ritardi dovuti al cattivo funzionamento della macchina Comunale.

Ed ora indovinate ?

Il Comune intende aprire il censimento anche a chi occupa abusivamente l’alloggio !!

Così verrà sanata la posizione di chi occupa l’alloggio di un altro assegnatario, ma

cosa volete che sia ?

Inchiesta sugli appalti al Ministero dell’istruzione.

De Ficchy Giovanni

Giovanna Boda

Coinvolti un ex capo dipartimento del dicastero ed un imprenditore.

l’indagine condotta e portata a termine dal pm Carlo Villani.

Si trattava, descrive Villani, di un piano ben studiato che agiva dall’interno dell’uffici del Miur per mettere le mani su appalti milionari di progetti scolastici.

 Al centro dell’inchiesta le gare per gli istituti scolastici, pari a decine di milioni di euro.

La procura di Roma ha notificato agli indagati l’atto di chiusura delle indagini, iniziativa che di solito anticipa la richiesta di rinvio a giudizio. 

Rischiano il processo quindici persone,  tra cui l’imprenditore Federico Bianchi di Castelbianco e l’ex capo dipartimento del ministero dell’istruzione.

L’ex Capo delle Risorse Umane Giovanna Boda era indagata, per aver preso tangenti e affidato appalti in seguito a regali di ogni sorta, Boda aveva tentato il suicidio , lanciandosi da una finestra del Ministero a Trastevere.

Da una Mercedes con autista a un appartamento, oltre che a diverse migliaia di euro in mazzette.

In totale gli appalti avevano un valore di 23 milioni di euro, mentre il guadagno di Giovanna Boda si assestava intorno ai 3.20 milioni di euro

La corruzione è il delitto che nel quale un pubblico ufficiale accetta denaro o altre utilità in funzione delle proprie mansioni.

 i magistrati contestano i reati di corruzione per un atto contrario ai doveri d’ufficiocorruzione per l’esercizio della funzionerivelazione e utilizzazione di segreti d’ufficio.

Gli Indagati rimangono presunti innocenti fino a sentenza definitiva.

Il New York Times stronca la Capitale

De Ficchy Giovanni

Il quotiano statunitense dedica un articolo all’immondizia della capitale, ma soprattutto al sindaco che vuole il termovalorizzatore, “sicuro che  qualcosa cambierà”

Spazzatura a Roma

“Mentre Roma brucia (o almeno la sua immondizia), un sindaco osa sognare”

Il giornalista del quotidiano newyorkese, racconta la situazione della nostra città: “Da anni ormai niente simboleggia la caduta di Roma più della sua crisi dei rifiuti.

Un serraglio spazzatura di cinghiali, gabbiani violenti e topi si riunisce per banchettare con i detriti traboccanti della capitale. “

Il sogno di Gualtieri

Come riporta il quotidiano statunitense, “entro la fine dell’anno la città assumerà circa 650 persone per pulire le strade e per reprimere l’esercito dei perdigiorno.

Nella seconda fase, entro due anni, il Comune dovrebbe mettere nuovi cassonetti nelle strade di Roma, mentre la terza fase inizierebbe nel 2025, verso la fine del suo mandato quinquennale, quando dovrebbe entrare in funzione il termovalorizzatore”.

Un progetto lontano non cinque anni, se non cinque anni luce , visto l’attuale stato di degrado.

Nel suo articolo il collega newyorkese, non lesina stoccate a noi romani , ad esempio riguardo al comportamento dei ristoratori, che usano i cassonetti destinati ai cittadini, e questi ultimi gettano i sacchetti in terra, sicuramente non facciamo una bella figura.

Ma il degrado non si esaurisce con i rifiuti, c’è anche il grave problema delle numerosissime  buche, delle  strade dissestate, degli autobus in fiamme.

Il Sindaco sognatore Gualtieri

la speranza è che i rifiuti non rimangano in eterno, che le bestie moleste vengano eliminate

E finalmente l’immagine cambi i, che sulle pagine dei giornali di tutto il mondo Roma torni a essere quella degli anni sessanta, quella della “Dolce Vita”.  

Le truppe ucraine iniziano una controffensiva su larga scala a Kherson

Il 27 luglio il ponte Antonovski sul fiume Dnepr, situato alla periferia della città di Kherson, ha dovuto essere 
chiuso al traffico dopo essere stato bombardato la notte prima dalle truppe ucraine nell’ambito di una controffensiva per recuperare l’intera regione che è stato fatto aspettare un mese.

La maggior parte dei ponti chiave è fuori servizio, il che ostacola la fornitura di armi pesanti russe alla regione occupata, hanno aggiunto fonti ucraine

L’esercito ucraino ha annunciato lunedì di essere riuscito a sfondare le linee di difesa russe nella regione di Kherson.

truppe Kajovka
truppe a Kajovka

 I rappresentanti del gruppo operativo delle truppe Kajovka, nome che prende dalla cittadina situata sulla sponda sinistra del fiume Dnepr e al centro della regione di Kherson , hanno pubblicato sulla propria pagina Facebook un video, in cui un militare apparentemente russo con il faccia sanguinaria assicura che le truppe ucraine “hanno rotto la prima linea di difesa (…) stanno attaccando con tutto quello che hanno, carri armati, aerei, artiglieria…”.

 La registrazione sarebbe stata trovata sul cellulare del soldato russo, di cui non è stata data alcuna informazione sul luogo in cui si trovava, se fosse riuscito a fuggire, se fosse stato arrestato o ucciso.

La stessa fonte militare ucraina sosteneva che, durante i combattimenti, il 109° reggimento dell’autoproclamata Repubblica popolare di Donetsk (DNR) doveva ” abbandonare le proprie posizioni così come i paracadutisti russi che gli stavano dando appoggio”.

 La pubblicazione “Gromadske” ha sottolineato che le informazioni sull’avanzata e il ritiro del reggimento 109 sono state confermate da tre delle sue fonti in diverse unità dell’esercito ucraino nel sud del paese.

Braceria ” La scottona” a Villa San Giovanni

De Ficchy Giovanni

Si mangia benissimo … cucina in maniera particolarmente curata….e sopra tutto super abbondante 

La seconda cena

Siamo stati a cena , il locale a due passi dagli imbarcadero molto fine ed elegante.

Cucina eccellente come i vari tagli di carne, tutto molto buono.

Il locale molto accogliente arredato con semplicità, porzioni molto abbondanti e di prima qualità.

Antipasti buonissimi , la carne ottima sia per qualità che per cottura unità alla cordialità de proprietario e del personale.

Il Sig. Cotroneo padrone di casa cordiale e squisito, ha voluto la seconda cena, farci assaggiare le carbonara con il suo guanciale di maialino nero della Sila, allevato da lui.

Locale semplice e gradevole…

Gli investitori Esteri scommettono contro il debito Pubblico italiano

De Ficchy Giovanni

29 agosto 2022 – 11.58

Gli hedge fund scommettono contro l’Italia, i fondi speculativi prendono d’assalto il Nostro Paese,

scommettono sul fallimento dell’Italia.

È quanto riporta il Financial Times, sulla base di alcuni dati raccolti dalla società di servizi finanziari americana S&P Global Market Intelligence. 

il rendimento del BTP decennale italiano scambia a 3,58%, in ribasso di 8 punti base in una

giornata di moderazione per tutti i benchmark dell’Eurozona.

gli investitori esteri hanno alleggerito la propria esposizione sul debito pubblico italiano vendendo ad un prezzo vantaggioso; la strategia è stata quella di anticipare lo stop del Quantitative Easing (Qe) e del programma speciale pandemico Pepp che garantivano la presenza sul mercato di un compratore sicuro e prevedibile

Il disimpegno degli investitori esteri nel 2022 eguaglia quanto successo nel periodo turbolento 2018-2019, quando il mercato accolse sfavorevolmente il nuovo governo “giallo-verde”.

Fuga di Liquidità

La lettura dei dati della bilancia dei pagamenti di giugno 2022 evidenzia il quadro contabile dei fattori che hanno determinato un imponente trasferimento di liquidità transfrontaliero.

la metà del debito pubblico italiano è nelle mani del settore privato italiano cioè banche, assicurazioni e fondi + famiglie .

Il debito in mano agli investitori esteri si aggira intorno al 30%.

La metà dei detentori esteri di Btp sono hedge fund, fondi pensione/assicurativi e altri gestori.

Questi creditori hanno  un approccio molto dinamico e solitamente non tengono i titoli in portafoglio fino alla scadenza ma li vendono non appena il mercato si gira facendo salire i tassi.

Più è alta la quota di debito pubblico in mano a soggetti stranieri più il rendimento del debito pubblico è esposto alle influenze dei mercati.

Concludendo ritengo che la situazione politica che si prefigura in Italia, sia solo un pretesto per gli “speculatori”,

Anche per il fatto che la BCE ha in portafoglio gran parte del Nostro debito pubblico, ed al momento non intende vendere, nè tantomeno cessarne l’acquisto.

Ma “Libertà” non era “Partecipazione”?

Ricusate le nostre liste in tante circoscrizioni,

corriamo al Senato in Emilia Romagna

manifestando il nostro diritto di tribuna.

Gaber

Roma, 28 agosto 2022.

Abbiamo sempre condiviso le parole di Giorgio Gaber, laddove esortava ad abbandonare il menefreghismo (“libertà non è stare su un albero”), laddove distingueva tra diritto e licenza (“libertà non è uno spazio libero”) e – soprattutto – laddove spronava all’impegno civile, ricordando che “libertà è partecipazione”!

Sulla partecipazione e sul buon senso del padre di famiglia, senza gli artifizi o i raggiri di quanto siamo ormai obbligati ad assistere quotidianamente dai politicanti che strillano su tutti i “mainstream media”, abbiamo fondato le “Destre Unite” e il progetto della “Nuova Italia Unita”: un’unità di area tra visioni diverse ma accomunate da un interesse largamente superiore, l’interesse nazionale.

Con piccoli ma significativi radicamenti territoriali abbiamo così scritto – tutti insieme – la vita politica del nostro partito, senza padrini né padroni, e con coerenza, determinazione e assoluta linearità abbiamo (ormai da oltre otto anni) camminato e raccontato la nostra proposta.

Più volte la rabbia e il disgusto hanno virtualmente evocato ad alcuni nostri militanti e dirigenti anche ragionamenti più radicali, ma mai ci siamo abbandonati alla sterile protesta e (con quell’alto senso dello Stato che ci contraddistingue e che vorremmo trasmettere a tutti gli Italiani) ci siamo sempre mossi nell’alveo del pieno rispetto delle leggi e delle Istituzioni, convinti (come siamo) che si possa cambiare, che ci sia bisogno di cambiare, ma che il processo debba sempre avvenire “dall’interno”, attraverso sane evoluzioni intrinseche alla nostra democrazia matura.

Così nel 2018 partecipammo alle Elezioni politiche (forti dell’allora “nuovo” collegamento con il nostro partito europeo di riferimento, l’Alleanza Europea dei Movimenti Nazionali) e nel 2019 alle Elezioni europee, correndo con il nostro simbolo in tutte le circoscrizioni nazionali, presenti su tutte le schede elettorali, da Vipiteno a Pantelleria.

Poi fu la pandemia, poi fu l’emergenza permanente (pandemica, energetica, ambientale o militare, sceglietene la qualificazione che più vi aggrada) e il “governo dei migliori”, quell’accrocchio parlamentare tra pseudo-maggioranza e finta opposizione che – di fatto – ha esautorato la dignità e i doveri delle nostre Camere avvallando, nella salvaguardia di una “casta morente”, qualsiasi azione governativa, largamente oltre ogni forma di rispetto dei dettami costituzionali e delle prassi istituzionali.

Eccoci quindi all’estate del 2022, con il guizzo della suddetta “casta morente” (un tempo forse si sarebbe chiamato “golpe”) e l’ennesima batosta ad ogni possibile forma di partecipazione attiva alla vita politica del Paese.

Con la fine di giugno vengono ratificate le nuove norme correttive della legge elettorale: norme minimali, si badi bene, atte esclusivamente a limitare il gioco e contenere l’evidente e immane manifestazione di malcontento, che si teme potrà emergere dalle urne la sera del prossimo 25 settembre.

Ad esempio viene introdotta l’esenzione dalla raccolta delle firme per coloro che siano costituiti in gruppo parlamentare “al 31 dicembre 2021” (una chiara norma “ad personam” e/o “contra personam”) e soprattutto, nello specifico e per quanto ci compete, viene re-introdotta l’esclusione della validità all’esenzione per chi – come noi – ha conseguito eletti con il proprio partito europeo, ma non nella cosiddetta “quota parte italiana”.

Un vero e proprio assurdo, una palese e reiterata violazione del diritto! Vediamo il perché.

Nel 2014 i Verdi italiani, dopo precedenti pronunce del TAR in tal senso, rivolgendosi alla Corte Europea chiedono e ottengono l’eliminazione della definizione di “quota parte italiana” dalla normativa nazionale: un eletto in Europa è e rimane un eurodeputato (che non può essere discriminato per la sua nazionalità) e come tale può agire su tutto il territorio dell’Unione, non esclusivamente nel suo Paese di elezione.

Grazie a tale “correttivo” in senso di ampliamento partecipativo e democratico, corriamo così ANCHE noi alle elezioni europee del 2019.

Pienamente e compiutamente.

In Italia e in tutti gli altri paesi dell’Unione in cui l’AEMN è presente.

La strada è aperta, l’inghippo è superato.

Così almeno pare. Ma il guizzo del giugno 2022 riporta indietro le lancette dell’orologio e, nell’inserire varie “esenzioni ad personam” non corre rischi per i propri “bravi” (o “migliori”) e reintroduce la norma limitativa, in aperta e palese violazione delle norme europee e delle precedenti pronunce.

Il governo cadrà da lì a pochi giorni, questa volta in fretta e furia il Presidente ci manda tutti al voto (pare quindi che non ci siano più le emergenze che impedirono il voto nella primavera del ’21) e nessuno ha più modo e tempo di impugnare la norma o esprimersi.

Nonostante la violazione in atto, il Ministero dell’Interno manifesta però chiaramente la propria “apertura alla partecipazione”, leggendo in senso più ampio possibile ogni norma: con il deposito dei simboli del 14 agosto scorsi i nostri delegati vengono quindi autorizzati a “depositare e sottoscrivere” le nostre liste, espressione “tecnica” per indicare che siamo autorizzati a correre senza raccolta di sottoscrizioni (cioè senza firme). 

In tal senso ci siamo quindi mossi in queste settimane, accogliendo il più possibile ogni “forza d’area” per offrire a tutti  il proprio spazio e il proprio legittimo “diritto di tribuna” e abbiamo così legittimamente e correttamente presentato liste in dodici regioni italiane, in diciotto circoscrizioni elettorali su ventiquattro.

Il responso è però stato sconvolgente: solo in Emilia Romagna la nostra esenzione viene riconosciuta e le nostre liste accolte.

Altrove la norma da noi invocata non trova riscontro, ritenendo i locali Uffici elettorali regionali presso le Corti di Appello di dover pedissequamente applicare la nuova norma, ritenuta iniqua da noi, dal TAR, dalla Corte Europea, dal Parlamento Europeo e due volte dal Parlamento Italiano.

Nulla vale il successivo ricorso in Corte di Cassazione la quale, a stretto giro, si esprime rigettando le nostre istanze e sostenendo che non si possano evocare regole precedenti laddove nuove regole le hanno modificate.

Normativamente ineccepibile. Largamente opinabile sotto il profilo del diritto.

Nonostante tutto saremo comunque presenti sulle schede elettorali. Tutti gli elettori del Senato dell’Emilia Romagna troveranno il nostro contrassegno e, attraverso questa piccola ma significativa presenza, testimonieremo la nostra esistenza, il nostro legittimo diritto di tribuna, la nostra volontà di partecipazione e il nostro desiderio di cambiamento.

Sosterremo la nostra squadra in loco in ogni modo e, siamo certi e così come in tutte le elezioni precedenti, il responso delle urne segnerà, seppur in minima parte, lo scenario che verrà.

La sfida di questo mese di agosto è stata incredibile. Abbiamo assistito ad alcuni dei più gretti e bassi istinti dell’uomo, come a taluni tradimenti dell’ultimo secondo che hanno anche ostacolato e limitato il deposto delle liste.

Ma più che a negatività, abbiamo soprattutto assistito ad alcune libere, forti e fiere presenze e partecipazioni, a collaborazioni disinteressate e a disponibilità umane commoventi e quasi eroiche, che testimoniano la grandiosità di quella comunità che vuole raccogliersi interno a idee e valori profondi. La mia personale gratitudine va innanzitutto a costoro!

Continuiamo a credere che “libertà sia partecipazione” e, anche nel deserto o lontano dai riflettori dei teatrini e dei teatranti, continuiamo a raccontare fieramente le nostre proposte per una nuova Italia unita, una nuova stagione risorgimentale che ci affranchi “dagli stranieri” (oggi la grande finanza internazionale e gli interessi nazionali altrui) e ci faccia ritrovare “libere le Alpi e le sponde”. Noi siamo sempre pronti “ad unirci a coorte” perché “uniti, per Dio, chi vincerci può”.

Con assoluta determinazione continuiamo con fierezza a ribadire “noi siamo presenti alle elezioni, noi saremo presenti alle elezioni”.

Verrà il momento di ascoltarci, perché non ci arrenderemo mai!

Massimiliano Panero

Segretario nazionale

Destre Unite

Email: segreterianazionale@nuovaitaliaunita.it

Villa Princi a Villa San Giovanni

De Ficchy Giovanni

Con la Signora Francesca

Siamo stati ospiti di questa splendida struttura , situata a 15 Kilometri da Reggio Calabria

La proprietaria, ci ha ricevuto nel migliore dei modi, servendoci ogni mattina una colazione a buffet o all’italiana.

Ci è piaciuto molto i punti forti sono stati Pulizia, personale e servizio, e dotazioni della struttura

Comodissimo per la vicinanza all’imbarco, e per la cortesia e gentilezza del personale.

Dalla terrazza abbiamo potuto assistere la sera al famoso effetto “fata Morgana” nel canale dello stretto di Messina.

La reception di Villa Princi

Le stanze possiedono un bagno privato con doccia e asciugacapelli,

Villa Princi è in un’area di Villa San Giovanni con collegamento a un centro commerciale.

Fontana di Orione e Palazzo Calapaj- d’Alcontres sono due dei più importanti punti di riferimento della zona.

Trionfo biancoceleste all’Olimpico

De Ficchy Giovanni

Trionfano i padroni di casa, ( 3 a 1 ) che trascorrono una notte in vetta

Una grande iniezione di fiducia da un lato, un brusco ritorno sulla terra dall’altro.

La Lazio di Sarri, dopo la deludente performance di Torino, si riscopre grande contro una delle principali candidate al titolo.

Lautaro risponde a Felipe Anderson, ma il tecnico biancoceleste la decide con i cambi.

La scelta vincente si rivela quella del tecnico toscano, perché alla mezzora sono i due spagnoli a imbastire il gol del 2-1: appoggio di Pedro al limite, siluro all’incrocio di Luis Alberto.

L’ex Barcellona, poi, si prende la scena all’86’, quando trova il destro a giro sul secondo palo che mette al sicuro il risultato.

La Russia spia l’addestramento dei soldati ucraini in Germania

Il servizio di controspionaggio militare ha prove che Mosca si intrufola nelle basi tedesche, usando i droni

Una delle misure per aiutare l’Ucraina attuate dal governo tedesco è l’ accoglienza e l’addestramento dei soldati ucraini , che sono addestrati nel suo territorio a utilizzare armi più moderne e sofisticate di quella sovietica su cui contava il loro esercito. 

Il servizio di controspionaggio militare ha prove che la Russia ha spiato queste sessioni di addestramento nelle basi tedesche.,

iniziata poco dopo l’invasione, utilizzando droni. Secondo un rapporto a cui ha avuto accesso il settimanale ‘Der Spiegel’, il Servizio di protezione militare (MAD) ha rilevato veicoli sospetti poco dopo l’inizio dei corsi per soldati ucraini nelle vicinanze dei siti militari di Idar-Oberstein, nella Renania -Palatinato, e Grafenwoehr, in Baviera, da dove partono le strade di accesso.

A Idar-Oberstein, la Bundeswehr addestra i soldati ucraini all’uso del Panzerhaubitze 2000 , mentre a Grafenwoehr i militari statunitensi addestrano gli ucraini nei sistemi di artiglieria occidentali. 

Secondo il servizio di intelligence militare, le aree di addestramento sono state sorvolate più volte con piccoli droni per osservare l’attività e si sospetta negli ambienti di sicurezza che i servizi russi possano anche aver tentato di accedere ai dati dei telefoni cellulari dei soldati ucraini con scanner radio .

Lo stesso rapporto rileva che i membri dell’opposizione fuggiti dalla Russia in Germania sono potenzialmente a rischio e potrebbero essere presi di mira dai servizi segreti russi. 

Lo stesso vale per i soldati russi disertori e gli agenti di sicurezza che potrebbero fuggire in Germania con il progredire della guerra.

Nella Repubblica di Moldavia il discorso pubblico deve essere sincronizzato
con quello europeo

Antonio Martin

Antoniu Martin

Ovviamente, uno dei primi passi che la società della Repubblica di Moldavia deve
compiere è l’adeguatezza del discorso pubblico agli imperativi europei.

Sebbene forse pochi di noi siano consapevoli dell’importanza del corretto uso di certi concetti,
nozioni o termini a carattere socio-politico, culturale e identitario.

Il modo in cui i cittadini interiorizzano il linguaggio istituzionale europeo è e sarà determinante per
l’evoluzione la Repubblica di Moldavia, per la sua traiettoria europea.
Indubbiamente, ci sarà molto da fare in questa direzione.

Non a caso, l’Unione
Europea offre alla Repubblica di Moldavia diversi programmi che mirano, in
definitiva, l‘adeguatezza del discorso pubblico a quello comunitario.
Per essere più espliciti, è estremamente importante, anzi fondamentale, che ciò che
un cittadino della Repubblica di Moldavia intende per concetti come “nazione”,
“popolo”, “etnia” o “cittadinanza” sia simile ai significati attribuiti nei paesi dell’UE a
queste nozioni.

Per riassumere in alcuni esempi.

Solo così il discorso pubblico a Chisinau sarà uno rilevante a livello europeo e avrà davvero l’impatto atteso.

Se l’intellighenzia della Repubblica di Moldavia si formerà in questo spirito, vi sono serie
premesse affinché l’europeità si rifletta autenticamente a livello dell’intera società.
In questo senso, gli intellettuali, sopratutto quelli di formazione umanistica, potranno
dare un contributo consistente.

I giornalisti, in quanto opinion maker, avranno un ruolo speciale nella corretta diffusione della terminologia nella società. Non deve
essere escluso da questo sforzo neanche il sistema educativo, che potrà influenzare
le nuove generazioni in uno spirito europeo.
Penso che anche nella prospettiva di cui sopra, gli intellettuali rumeni possano
contribuire in modo significativo allo sforzo, per niente facile, della integrazione
europea della Repubblica di Moldavia.

La crisi economica e politica provoca il più grande esodo nella storia di Cuba

De Ficchy Giovanni

Da ottobre oltre 177.000 persone sono fuggite dal regime di Castro negli Stati Uniti attraverso il Messico

Le cause più evidenti sono la pandemia e la guerra in Ucraina che, tagliando drasticamente i flussi turistici, ha fatto venire meno uno dei pilastri dell’economia cubana.

Il fenomeno è diventato incontrollabile a partire dal novembre 2021, quando i dittatori di Cuba e Nicaragua hanno eliminato i visti sino ad allora necessari ai cubani per andare a Managua con l’obiettivo di facilitare il meccanismo di uscita ed abbassare così la tensione che si era creata sull’isola con le manifestazioni di massa e la successiva feroce repressione.

Il governo del presidente Miguel Diaz-Canel ha finora minimizzato la portata del malcontento, lamentando manipolazioni e sostegno da parte del governo degli Stati Uniti. Il ministro degli Esteri, Bruno Rodríguez Parrilla, ha detto che fino a oggi si sono verificati “disordini di scala limitata”, alimentati da “coloro che stanno approfittando delle difficoltà provocate dall’embargo” economico imposto a Cuba dagli Usa da oltre 60 anni.
Il governo del presidente Miguel Diaz-Canel ha finora minimizzato la portata del malcontento, lamentando manipolazioni e sostegno da parte del governo degli Stati Uniti.
Il ministro degli Esteri, Bruno Rodríguez Parrilla, ha detto che fino a oggi si sono verificati “disordini di scala limitata”, alimentati da “coloro che stanno approfittando delle difficoltà provocate dall’embargo” economico imposto a Cuba dagli Usa da oltre 60 anni.

Ma perché i cubani scappano da Cuba?

Cercando di rispondere a questo interrogativo, andando a vedere cosa succede realmente sull’Isola della rivoluzione permanente.

Nell’immaginario fatto di luoghi comuni , creati ed alimentati da una propaganda , che vedono Cuba come un’isola paradisiaca dove il puro socialismo è fiorito.

Dove scuola e sanità sono per tutti, dove si trascorrono giornate placide e festose, fatte di salsa, sigari, rum, cayos e mare cristallino

Trovandosi invece di fronte al “vero inferno”, dell’Isola Caraibica, dove manca la corrente elettrica, dove mancano i farmaci, e non vi è nulla da mangiare per giorni interi.

Si potrebbero capire (forse) le motivazioni che spingono alcuni a lasciare la propria terra e i propri affetti per affrontare un lungo e periglioso esodo verso gli Stati Uniti alla ricerca di una vita migliore, comunque senza garanzie. 

Il viaggio può durare diversi mesi, durante i quali uomini, ragazzi, donne, bambini, intere famiglie, giorno dopo giorno, devono sopravvivere a pericoli naturali.

Sopportare mancanza di cibo e acqua e, soprattutto, gli assalti di ladri, la disonestà degli spalloni, le azioni repressive di soldati e polizia, alle violenze sessuali e fisiche.

Una diaspora che crea lunghissime carovane di profughi in direzione Stati Uniti, considerata terra di sogni, promesse e libertà.

Per giungere alla “terra promessa” però ci sono ancora Costa Rica, Nicaragua, Honduras, Salvador, Belize, Guatemala, Messico.

Carovana di profughi

I cubani che cercano di raggiungere la Florida via mare lo fanno anche usando delle barche in grado appena di stare a galla.

Dall’inizio della Rivoluzione castrista, nel 1959, oltre un milione di cubani, l’equivalente di poco più del 10% della popolazione dell’isola, sono emigrati dal loro Paese natale, in maggior parte verso gli Usa.

La morte del castrismo

Mentre gli occhi del mondo restano fissi sulla drammatica realtà dell’invasione russa dell’Ucraina, cosa sta accadendo sull’isola di Cuba, dove una crudele dittatura sta dando i suoi ultimi colpi sotto forma di repressione contro la popolazione che cerca di non morire di fame . 

Il numero di cubani che sono fuggiti dal loro paese finora quest’anno supera la cifra combinata delle due precedenti crisi migratorie del 1980 e del 1994

proteste a cuba
MANIFESTAZIONE DI OPPOSITORI A CUBA

. Nel solo mese di luglio sono state registrate più di 20.000 persone, un volume paragonabile a quelli che può verificarsi in uno scenario di guerra, che dà un’idea del grado di disperazione dei cubani di fronte all’incapacità dei responsabili del regime di soddisfare i loro bisogni primari.

Come è successo in passato, la dittatura ritiene che questa valvola di sfogo servirà a ridurre le pressioni interne e per questo non si vergogna del fatto che la maggioranza dei cubani sia disposta a lasciare il proprio Paese in cerca di migliore fortuna. 

Miguel Díaz-Canel, l’ineffabile successore dei Castro, crede forse che, come potrebbe accadere in precedenti occasioni, solo i più disamorati del regime e coloro che altrimenti potrebbero causare problemi interni lascino Cuba, quando in questo momento il sentimento generale della popolazione è che il paese è paralizzato e non ha futuro finché rimarrà al potere.

DIaz Canel

 Chi ha la possibilità di farlo se ne va, anche se questo significa lasciarsi dolorosamente alle spalle la propria terra e la propria famiglia.

Infatti, all’interno di Cuba la situazione è drammatica in tutti i sensi ei suoi leader non hanno né le risorse né i mezzi né il modo per raddrizzare la situazione. 

I cubani soffrono letteralmente la fame e alla fine dipendono dagli aiuti alimentari inviati da un’altra delle dittature più crudeli della zona, come il Nicaragua, nonostante sia uno dei paesi più poveri del mondo. 

Con pochissima elettricità e con l’intero sistema energetico che va in pezzi a causa della sua stessa vecchiaia e della scarsa qualità della tecnologia sovietica con cui è stato costruito, i cubani vivono all’inferno senza alcuna prospettiva di soluzione se non quella di lasciare il paese.

Costi per cercare di ritagliarsi un futuro dignitoso ovunque possano essere liberi.

Le proteste spontanee dello scorso anno e la brutale repressione che ne è seguita possono essere considerate il punto di rottura irreversibile tra i cubani e la dittatura. 

Più di 60 anni sperando invano che le stravaganti promesse del castrismo si realizzino hanno posto fine a qualsiasi miraggio di fiducia nel potere e in questo momento i cubani aspettano solo la fine di questa tragicommedia politica che ha devastato milioni di vite e proprietà in nome di un miraggio che divenne addirittura un modello per molti illusi fuori Cuba.

 Basta passare attraverso i social network per vedere fino a che punto i cubani si siano lasciati alle spalle quell’obbligatoria venerazione del regime e insultare apertamente il dittatore che non ha altri argomenti che la forza bruta.

Ciò che Díaz-Canel e il suo popolo chiamano difendere la rivoluzione non è altro che uno slogan disperato per proteggere lui e gli scagnozzi del regime. 

Tuttavia, farebbe bene a considerare la situazione in modo più realistico perché da un momento all’altro potrebbe scoppiare un’ondata di malcontento cubano, costringendo lui e i resti della dittatura a seguire anche la via dell’esilio.

La Commissione europea finanzia un’organizzazione che la Francia considera vicina all’islamismo

indipendenza energetica dalla russia
Ursula von der Leyen, Presidente della Commissione Europea
 

I portavoce ufficiali del Forum, dal canto loro, accusano la Francia di essere una “matrice di islamofobia” in Europa

La Commissione Europea , l’organo esecutivo dell’Ue, trasmette e promuove, in un video ufficiale, un’organizzazione che la Francia considera vicina ai Fratelli Musulmani , molti dei cui leader, militanti e simpatizzanti sono solitamente considerati vicini all‘islamismo jihadista.

In occasione della celebrazione della Giornata Internazionale della Gioventù, celebrata il 12 agosto, dal 1999 la Commissione Europea trasmette, attraverso Instagram, un video che celebra i giovani europei , salutando «lo spirito di una nuova generazione di europei».

Tra le prime immagini del video della Commissione ci sono diversi membri del FEMYSO (Forum of European Muslim Youth and Student Organizations), che riunisce 33 organizzazioni , presenti in 20 paesi europei e la Francia considera vicini ai Fratelli Musulmani.

FEMYSO ha già beneficiato lo scorso autunno/inverno della pubblicità e degli aiuti finanziari di una campagna  del Consiglio d’Europa ,

promuovendo l’uso di alcune forme del velo musulmano.

 Le proteste ufficiali dalla Francia hanno posto fine alla campagna, esacerbando una crisi e tensioni che hanno radici molto più profonde.

Il Prezzo della Benzina è sceso sotto i $ 4 a Gallone

Ritirandosi al livello più basso da marzo in mezzo a un calo globale dei prezzi del petrolio.

De Ficchy Giovanni

Prezzo del Petrolio in discesa

Il crollo del petrolio oggi è dovuto (prima causa che ha scatenato le vendite sui futures) all’andamento del cambio Euro Dollaro.

Il recupero del biglietto verde, con conseguente indebolimento delle altre divise, ha inevitabimente portato a un calo del prezzo del petrolio.

 bisogna poi considerare anche l’impatto della produzione oil Usa sul corso dei prezzi.

Non è un mistero che gli alti livelli produttivi americani hanno sempre messo a dura prova la politica dell’Opec tesa a ridurre la produzione di petrolio con l’obiettivo di equlibrare domanda e offerta.

Il costo medio nazionale di un gallone di benzina normale ora è di $ 3,99, secondo AAA. 

È più alto di un anno fa, ma è ancora ben al di sotto di un picco di quasi $ 5,02 a metà giugno.

I costi energetici confluiscono in ampie misure dell’inflazione, quindi il calo è anche una buona notizia per i politici che hanno lottato per contenere gli aumenti dei prezzi e per il presidente Biden, che si è impegnato a ridurre i costi del gas.

Nel Lazio quanti detenuti definitivi hanno avuto un colloquio con il proprio magistrato di sorveglianza?

Vincenzo Comi

Vincenzo Comi

I magistrati del Tribunale di Sorveglianza di Roma leggeranno l’intervista sul Dubbio di oggi (ieri ndr) di Vincenzo Semeraro?

Semeraro è il Giudice di Sorveglianza del Tribunale di Verona , che ha scritto una lettera diffusa ai funerali di Donatella Hodo, giovane suicida nel carcere femminile di Verona.

Il magistrato interpreta la funzione del giudice di sorveglianza secondo l’ordinamento penitenziario vigente.

E’ ha il coraggio di esprimere pubblicamente le sue idee e i sentimenti di chi esercita una delle funzioni più importanti riconosciute da uno stato democratico.

Per Semeraro; “Quando sei magistrato dell’Esecuzione e gestisci le varie vicende carcerarie e detentive, non hai a che fare solo con un detenuto ma innanzitutto con una persona.

Uomini, donne con storie diverse.

Non vanno trattati come numeri, come pedine di un ingranaggio, ma come individui differenti l’uno dall’altro.

Sono persone, certo recluse in cella, ma pur sempre persone.”

C’è una premessa a monte delle dichiarazioni di Semeraro.

IL MAGISTRATO DI SORVEGLIANZA DEVE INCONTRARE E CONOSCERE IL DETENUTO ATTRAVERSO I COLLOQUI IN CARCERE.

Si può esercitare la funzione se si assolve a questo compito certamente impegnativo e a volte defaticante, ma pur sempre uno degli aspetti più importanti della funzione.

Nel Lazio quanti detenuti definitivi hanno avuto un colloquio con il proprio magistrato di Sorveglianza?.

Quanti magistrati dl Tribunale di Sorveglianza si recano periodicamente a colloquio con i propri detenuti?

Quanti magistrati potrebbero rispondere con le stesse frasi di Semeraro sul rapporto con il detenuto?

Dice Semeraro” Forse l’ultima volta che sono andato a farle visita nel penitenziario, lo scorso giugno, avrei potuto dirle die parole in più? Perché , nonostante la conoscessi da quando aveva 21 anni, non ho captato che il malessere era divenuto per lei così profondo?”

La realtà è che manca totalmente questo rapporto tra magistrato e detenuto e questo pregiudica il rapporto trattamentale, l’accesso alle misure extramurarie e i temoi di decisione delle istanze.

Dice Semeraro” Ogni volta che una persona detenuta in carcere s toglie la vita, significa che tutto il sistema ha fallito.

Sovraffolamento Carceri

Nel caso di Donatella, io ero parte del sistema visto che seguivo il suo caso da sei anni”.

Speriamo che il dibattito faccia comprendere ai magistrati laziali l’importanza degli incontri con i detenuti per il progresso trattamentale e il loro reinserimento sociale.

E speriamo di non ascoltare in futuro nelle pubbliche assemblee giudiziarie che i magistrati del Tribunale di Sorvaglianza di Roma non si recano a fare visita ai detenuti negli istituti per mancanza….di autisti addetti.

Gli Stati Uniti ufficialmente in recessione

De Ficchy Giovanni

 “Quando gli Usa starnutiscono, il mondo prende un raffreddore”

Cattive notizie per il presidente Biden, per la seconda volta consecutiva il Pil degli Stati Uniti si contrae, questa volta dello 0,9% , mentre tre mesi fà la contrazione era stata del 1,6%.

 A dimostrarlo ci sono anche il calo dei prezzi del petrolio, il calo dei rendimenti dei titoli di Stato Usa e altri fattori come “la crescita del costo del lavoro per unità di prodotto e l’inflazione di fondo”.

Le Molteplici Cause della Recessione

Incremento nei prezzi del petrolio,

l’aumento dei prezzi delle materie prime e dell’energia a causa del conflitto geopolitico e anche a causa della pandemia in vari modi.

Cinque delle recessioni dell’economia statunitense dalla metà degli anni Settanta sono state precedute da un ripido aumento nei prezzi del petrolio, la storia si ripete: i prezzi dell’oro nero hanno volto al rialzo dall’ottobre 2020 in seguito alle riaperture, per poi aumentare nuovamente dopo che la Russia ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022.

Guerra Commerciale alla Cina

All’inizio della presidenza Biden,  gli Stati Uniti d’America hanno iniziato una guerra commerciale e tariffaria contro la RP della Cina, che si è ritorta contro se stessi.

E’ stato stimato da importanti istituti di ricerca economica che la guerra commerciale con la RP della Cina ha provocato la perdita di 245mila posti di lavoro negli Stati Uniti d’America.

La pandemia è stata proprio uno shock

La pandemia di Coronavirus è una delle maggiori concause dell’attuale recessione, l’amministrazione Biden, ha cercato di risolvere il problema della enorme disoccupazione che si era generata, con la politica dei sussidi, il tesoro americano aveva fatto stampare una quantità enorme di carta moneta, la qual cosa ha generato un aumento del medio circolante che ha determinato una inflazione a due cifre.

 Si può quindi affermare che è in arrivo una recessione e che è sicuramente la conseguenza di un errore di politica monetaria.

Rialzo dei tassi di interesse da parte della Federal reserve

 La banca centrale statunitense ha avuto successo solamente due volte (nel 1983 e nel 1994) nell’aumentare i tassi di interesse senza spingere l’economia americana in una fase di recessione nei successivi due anni.

In bilico tra il domare l’inflazione e non frenare troppo la crescita, la grande domanda ora è se i tassi di interesse dovrebbero continuare a essere aumentati al punto da soffocare l’intera economia generale ?

 

Le Carte del Presidente

De Ficchy Giovanni

immagine di Donald Trump che parla al telefono da Mar-a-Lago, la sua residenza in Florida

La Casa Bianca ha fornito a un giornalista del ‘New York Times’ fotografie che mostrano documenti in un gabinetto nella residenza ufficiale dell’ex presidente degli Stati Uniti

Gli archivi nazionali hanno chiesto per mesi che Trump restituisse 15 scatole di materiali che aveva portato a Mar-a-Lago.

 Lo ha fatto solo quando è stato minacciato di azione legale se non avesse consegnato.

l personale della Casa Bianca ha confermato di aver trovato regolarmente mazzette di carta che ostruiscono i servizi igienici , portandoli a credere che Donald Trump abbia cercato di sbarazzarsi di documenti ufficiali.

 Questa è un’altra delle cattive pratiche dell’ex presidente degli Stati Uniti, dal momento che gli Archivi Nazionali hanno chiesto a Trump per mesi di restituire quindici scatole con materiali che ha portato a Mar-a-Lago , la sua residenza in Florida. 

Infatti, questo lunedì l’FBI è entrata nella villa in cerca di prove.

Questa informazione è venuta alla luce grazie a Maggie Haberman, giornalista del ‘New York Times’ che rivela nel suo prossimo libro immagini che mostrano diverse note ufficiali che Trump avrebbe buttato nel water .

 Al contrario, l’ex presidente ha sempre negato di non aver mai distrutto documenti.

In una delle fotografie si legge la parola “qualificato” in un gabinetto della Casa Bianca e nell’altra, riferendosi a un bagno di un viaggio di Trump all’estero, compare “Stefanik”, cognome della deputata repubblicana Elise Stefanik .

Il recupero delle scatole ha sollevato interrogativi sulla conformità di Trump alle leggi sui documenti presidenziali emanate all’indomani dello scandalo Watergate degli anni ’70, che richiedono ai presidenti di conservare i documenti relativi all’attività della loro amministrazione .

Gli archivi nazionali hanno quindi chiesto al Dipartimento di giustizia di aprire un’indagine sulle pratiche di Trump.

La Russia sta bruciando il gas che non invia in Europa

La guerra in Ucraina perseguita la centrale nucleare di Zaporizhia e aumenta la preoccupazione per un “potenziale disastro”

De Ficchy Giovanni

Brucia il gas al confine con la Norvegia

Mosca ha ridotto significativamente la fornitura di gas all’Europa, attualmente arriva appena il 20% di quello che stava arrivando prima dell’invasione dell’Ucraina. 

Apparentemente gli impianti di stoccaggio del gas russi sono  pieni da almeno un mese, ma…

La Russia sta bruciando il gas in eccesso che non esporta nei paesi europei.

Lo riporta El Mundo, secondo cui le immagini satellitari del sistema di monitoraggio degli incendi della Nasa, mostrano le fiamme nella stazione di compressione di Portovaya, di proprietà di Gazprom.

Secondo la televisione finlandese Yle , le immagini satellitari del sistema di monitoraggio degli incendi della NASA mostrano che le fiamme bruciano nella stazione di compressione di Portova, appartenente alla società russa Gazprom, ogni giorno dal 17 giugno.

Mosca utilizza la più grande centrale nucleare d’Europa come base militare e lanciamissili mentre Kiev bombarda nelle vicinanze

La situazione della centrale nucleare di Zaporizhia , la più grande d’Europa , concentra questo lunedì le maggiori preoccupazioni legate alla guerra in Ucraina .

 Da venerdì scorso kyiv e Mosca si sono accusate a vicenda di bombardare i dintorni di questa stazione situata sul suolo ucraino controllato dalle truppe russe. 

Sabato l’Agenzia internazionale per l’energia atomica ha avvertito del “rischio reale” rappresentato dagli attacchi in quella zona.

La guerra in Ucraina perseguita la centrale nucleare di Zaporizhia e aumenta la preoccupazione per un “potenziale disastro”

IL CARRO DEI TESPI

Dario Miccheli

; il montaggio di un teatro itinerante dell’opera nazionale dopolavoro ; il teatro è destinato a spettacoli di musica lirica ; uomini al lavoro con teloni e funi ; la grande tenda del palcoscenico già montata ; sul frontale viene montata una stella ; la tenda per la veranda del proscenio ; sul frontale la scritta O.N.D. ; totale del teatro con in platea le sedie per il pubblico ; gli attori seduti ai tavolini all’aperto del bar dell’albergo ; gli attori escono in gruppo dall’albergo Kursaal

Attori, saltimbanchi, acrobati, musici e cantanti, giravano l’Europa con i loro spettacoli recitando le loro commedie nelle piazze dei borghi e nelle ville signorili che ne facevano richiesta.

Queste compagnie di giro avevano sempre una particolarità, non esisteva un copione scritto e si recitava a soggetto.

I personaggi principali erano il vecchio saggio o a seconda dei casi il burbero vecchio, l’ingenua, la furba servetta e i rodomonte o il capitan fracassa, contornato da maschere più o meno comiche a seconda dalla possibilità della compagnia essendo in maggioranza di provenienza Italiana , erano maschere regionali, come brighella, scapino,ecc.

Sono certo che queste prossime elezioni politiche hanno una certa verosimile attinenza con quel tipo di spettacolo.

Quello che è accaduto in Italia con la strana, grottesca caduta del Governo Draghi, non ha nulla di divertente, se non l’incapacità di capire, tipo rebus , chi ha ucciso chi e perché , neanche i più grandi investigatori riuscirebbero a spiegarlo, se non motivato dalla immensa paura del crollo dell’elettorato per taluni, e la necessità di arginare lo spostamento per altri, verso un altro partito all’interno della coalizione.

I tempi tecnici per presentare le liste e rendere possibile alle coalizioni di competere fra di loro , è brevissima e complicata.

Chi ha trovato la quadra è il centro destra che sta già definendo gli ultimi dettagli.

Chi è in vera difficoltà è il centro sinistra, incapace di trovare una vera coesione sui programmi e sulla dislocazione sul territorio dei candidati.

Se a sinistra manca un programma condiviso e definito, a destra è tutto già scritto, l’unico problema è la preoccupazione dei nostri partener europei e d’oltre oceano sulla figura di Giorgia Meloni, troppo di destra per alcuni, ma le ricerche operate a livello demoscopico la danno prima come voti e presenza sul territorio, vedremo quello che sarà e che scenari si apriranno.

A proposito, Rodomonte Renzi corre solo, il padre nobile Calenda dovrebbe rientrare con i DS, ma non ama alcuni compagni di viaggio, che in effetti non hanno nulla in comune con il suo programma centrista, come Sinistra Italiana e i verdi, ed è recalcitrante e chiede numi al capocomico Letta il qual aspetta e non risponde più di tanto.

Di Maio come Remi , è orfano e cerca casa con Letta, ma è difficile perchè è tutto da redistribuire con i seggi , un caos che non è facile da governare ,e la sinistra , se non vuole un governo di destra deve trovare un programma comune e assemblare tutti i tasselli e le caselle rimaste scoperte.

Certo non c’è da invidiare Letta ,ma anche Salvini ha problemi non sarà facile recuperare il gap con la meloni, e Berlusconi dopo tutte le fuoriuscite all’interno di Forza Italia, dovrà trovare una nuova zampata da Giaguaro, come diceva Bersani, che guarda caso non si ricandida dimostrando intelligenza politica, gli spazi sono talmente stretti che non ci può essere posto per tutti.

Conte dov’è, sperso in un partito che non è più suo, o forze non lo è mai stato ,in balia a lo spettro di tutte le scelte che ha fatto e che cerca con Di Battista una nuova linfa rigenerante.

Venite pubblico, la farsa sta per cominciare, accomodatevi e siate pronti a ridere e a piangere, mentre i saltimbanchi si muovono sulla scena, stavolta il finale potremmo scriverlo noi, ma dopo tutto che possiamo pretendere da una recita a soggetto?

Diciassette dispersi e più di 60 feriti in un grande incendio a Cuba

Giovanni De Ficchy

Questo sabato a mezzogiorno è stato confermato il primo cubano morto durante il tragico incendio denunciato nella provincia di Matanzas.
L’informazione è stata pubblicata sul suo account Twitter dall’attivista per i diritti umani Jorge Castro, il quale ha anche affermato che il defunto era un membro dei vigili del fuoco.

È iniziata venerdì dopo una scarica elettrica che ha colpito un serbatoio di olio da 50.000 metri cubi nella città di Matanzas.

Almeno 17 persone sono disperse e 67 ferite, tre delle quali in condizioni critiche, è il bilancio dell’incendio di grande entità scoppiato venerdì sera alla Base Supertanker di Matanzas, Cuba, a seguito di una scarica elettrica che ha colpito un cisterna da 50.000 mc di greggio.

Rigel Rodríguez Cubells , direttore della Divisione Marketing Territoriale dei Carburanti di Matanzas, ha spiegato che la Base Supertanker, che ha otto serbatoi, ha un sistema di parafulmini, ma a quanto pare lo scarico era più alto di quello che poteva proteggere.

Finora le autorità non sono riuscite a estinguere l’incendio, che si è esteso a un quarto serbatoio di stoccaggio del carburante. 

“Le forze delle fiamme sono ancora forti e possono essere viste da vari punti della città”, ha affermato il quotidiano Girón, un media locale.

Le autorità cubane hanno schierato diverse unità di salvataggio. 

In diverse immagini si vedono elicotteri caricare acqua dalla baia per cercare di raffreddare i serbatoi che si trovano vicino all’area bruciata.

 Tuttavia, il lavoro non ha avuto successo, l’incendio è ancora fuori controllo e, per questo, il governo cubano ha chiesto aiuto e consigli a paesi con esperienza nel settore petrolifero.

“Serve un aiuto internazionale. 

Le immagini mi ricordano Chernobyl. Consiglio a tutte le persone di Matanzas di stare lontano dal posto per salvarsi dai gas tossici”, ha avvertito Pentón, un giornalista cubano con sede a Miami.

Si presume che gli scomparsi siano, per la maggior parte, giovani tra i 17 ei 19 anni, che hanno svolto il servizio militare nelle unità di soccorso e soccorso, e sono stati mandati a spegnere l’incendio.

I vigili del fuoco cubani continuano a lavorare per spegnere l’incendio a Matanzas

ENNESIMO SUICIDIO IN UN CARCERE DEL LAZIO

De Ficchy Giovanni

Vincenzo Comi Presidente Camere Penali di Roma

La Camera Penale di Roma denuncia l’ennesimo suicidio in carcere avvenuto ieri a Frosinone.

Un ragazzo italiano di 26 anni detenuto nel carcere di Frosinone ieri 4 agosto 2022 si è tolto la vita. Dall’inizio del 2022 sono 6 i suicidi nelle carceri del Lazio a cui si aggiungo altri 5 i morti per altre cause.
Domenica scorsa altro suicidio di una donna detenuta nel carcere femminile di Rebibbia.
È di oggi la notizia della visita di una delegazione del garante nazionale presso il carcere di Regina Coeli che ha accertato l’esistenza di un c.d. “cella liscia” in condizioni di assoluto e intollerabile degrado (con servizi igienici rotti, acqua stagnante nel lavabo della cella, finestre sigillate, materasso ricoperti da fogli di giornale e in condizioni igieniche disastrose, colonie di formiche e materiale organico alle pareti).

La Camera Penale approfondirà rapidamente presso la Direzione di Regina Coeli tale specifico episodio, per conoscere quali iniziative sono state intraprese per ripristinare condizioni di agibilità, se la situazione fosse stata denunciata al DAP e, ion caso contrario, perché.
È sempre di oggi è l’allarme lanciato dall’associazione Antigone sulle condizioni insopportabili raggiunte all’interno del carcere Sant’Anna di Modena, che, a causa di temperature straordinarie, mettono a rischio la salute dei detenuti.
Continuiamo a denunciare nel silenzio e nel disinteresse delle istituzioni e della politica.
La situazione nella quale versano le carceri italiane è da tempo insostenibile e, tuttavia, al di là dalle ingenue velleità dei precedenti governi destinate a infrangersi sulla cruda realtà che da tempo denunciamo, non trova cittadinanza nell’agenda dei partiti politici proiettati in una campagna elettorale a tratti surreale, ma sempre lontana dalla tutela degli ultimi, affidati alle cure e persino alla protezione dello Stato.
Tutto ciò non è più tollerabile: stiamo parlando di persone, di esseri umani affidati alla cura dello Stato e costrette a vivere in condizioni di degrado assoluto.
Servono iniziative forti per dire basta morti nel carcere e basta all’esecuzione di una pena disumana in spregio ai principi costituzionali.
Servono interventi immediati che, per il carattere dell’urgenza che rivestono, non possono subire altri rinvii.

È ora che si metta al centro del dibattito politico il tema dell’esecuzione della pena e delle condizioni degli istituti penitenziari perché solo quando saranno tutelati i diritti anche degli ultimi si potrà parlare di Stato di diritto.
La Camera Penale di Roma sollecita le autorità competenti a intervenire per accertare anche eventuali responsabilità negli ultimi drammatici episodi dei suicidi in carcere perché un essere umano non può morire nelle mani dello Stato che lo deve custodire.
Roma 6 agosto 2022

Semiconduttori taiwanesi nel mirino di Pechino

De Ficchy Giovanni

Con il numero uno di Taiwan Semiconductor la presidente della Camera Usa ha discusso del Chips and Science Act

L’isola controlla il 65% del mercato mondiale di questa industria tecnologica, li assembla e li trasporta .

La Storia della contrapposizione

Attualmente, Taiwan, le Penghu, Kinmen, le Matsu e alcune altre isole minori formano la giurisdizione dello stato con il nome ufficiale di Repubblica di Cina, ampiamente conosciuto  come “Taiwan”

La continua disputa tra la Cina continentale e l’isola di Taiwan, nasce alcuni secoli fà, nel 1800 le potenze europee si rendono conto dell’importanza strategica dell’isola sita nel mar cinese meridionale, che consente di muoversi con estrema rapidità in quei mari.

Il Giappone la conquista alla fine del 1800 nella guerra Cino- Giapponese, e durante la Seconda Guerra mondiale è colonia del Giappone , dopo la sconfitta dell’impero del Sol Levante, si afferma al potere il generale Chiang Kay shek

Nel 1925, il generale dopo la morte di Sun Yat-sen, assunse la guida del Kuomintan, dando alla fazione politica un orientamento nazionalista, e una filosofia economica di tipo liberal capitalista,

con metodi duri ,una politica forte e repressiva, una dittatura durissima.

Nel 1947 vi furono anche dure repressioni, e cominciò la guerra civile con il partito comunista cinese, una guerra estremamente dura con massacri terribili.

I nazionalisti del Kuomintan fuggirono sulle isole, e fondarono “Taiwan”.

La Contrapposizione per i “semiconduttori” ai giorni nostri

Una crisi che ha avuto il primo importante impattato sui produttori di prodotti per l’elettronica per poi arrivare ai produttori di automobili, la cui produzione è legata per il 60% ai semiconduttori

Silicio, germanio e gallio sono alla base dei microchip che consentono il funzionamento di circuiti e display che caratterizzano le automobili moderne, gli smartphone, le tv così come i notebook.

Si tratta quindi di una fetta enorme dell’economia mondiale, dipende da questa tecnologia, i governi occidentali, e principalmente gli Stati Uniti , vedono i Colossi tecnologici importare da Taiwan questi componenti.

Cina e Usa guardano al futuro, cercando di rendersi più indipendenti. 

La attuale crisi diplomatica , non ferma comunque l’interscambio di tecnologie fra le due cine, infatti  il 40% delle merci esportate da Taiwan sono dirette nella vicina Repubblica popolare cinese.

La Cina proprio per questo motivo sta cercando di smarcarsi dalla dipendenza estera, investendo nella produzione di ‘qualità’ di semiconduttori. 

Chip

Tutta questa situazione si và a delineare nel quadro di un’altra crisi mondiale, quella tra Ucraina e Russia, e gli Stati Uniti si sono mossi con molta prudenza, la presidente della Camera Usa, Nancy Pelosi, ha infatti incontrato diversi leader dell’industria dei semiconduttori di Taiwan.

con il presidente di Taiwan Semiconductor, Mark Liu, ha discusso proprio del “Chips and Science Act”, un provvedimento legislativo statunitense da 280 miliardi di dollari, che include 52 miliardi di dollari a sostegno proprio dell’industria dei semiconduttori, e che diventerà legge dopo la firma del presidente Biden.

Taiwan è arrivata la Nancy

De Ficchy Giovanni

La Cina invia due portaerei nell’area e mobilita carri armati e veicoli d’assalto sulle spiagge di Xiamen

La presidente della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Nancy Pelosi, è sbarcata questo martedì a Taipei, capitale di Taiwan.

Nonostante gli avvertimenti del governo cinese, che in questi giorni ha insistito affinché prenderà misure “vigorose” in caso di politica statunitense passaggio al suolo taiwanese.

Al momento dell’atterraggio, il funzionario statunitense ha condiviso una dichiarazione ufficiale sui suoi social network:

“La visita della nostra delegazione a Taiwan onora l’ impegno incrollabile degli Stati Uniti a sostenere la vibrante democrazia di Taiwan”.

 “Le nostre discussioni con i leader di Taiwan riaffermano il nostro sostegno al nostro partner e promuovono i nostri interessi condivisi, incluso il progresso di una regione indo-pacifica libera e aperta”

La Storia dei rapporti Usa con Taiwan e Cina

Cinquant’anni fa la Missione Marco Polo di Henry Kissinger riallacciò, in piena Guerra fredda, le relazioni tra Stati Uniti e Pechino

Nel luglio del 1971 l’allora Consigliere per la Sicurezza Nazionale,

Henry Kissinger, compie il suo primo viaggio in Cina.

Un viaggio di cui tutto il mondo è all’oscuro.

Una delle condizioni poste dai cinesi è il riconoscimento di Pechino come unico governo legittimo dell’intera Cina, compresa l’isola di Taiwan.

Nel 1971 il rappresentante del governo nazionalista di Taipei viene cacciato dal suo seggio alle Nazioni Unite, al suo posto subentra il rappresentante di Pechino.

Il 21 febbraio del 1972 Nixon atterra a Pechino.

Il 28 febbraio viene emesso quello che passerà alla storia come il “Comunicato di Shanghai” che getterà le basi nelle relazioni tra i due paesi.

 Alla luce di tali premesse, ogni tentativo di riavvicinamento tra le due potenze sembrava destinato a un sicuro fallimento.

Se tale obiettivo fu infine raggiunto, gran parte del merito va invece attribuito alla personale determinazione e lungimiranza di due uomini: il Grande Timoniere della Cina comunista Mao Zedong e il controverso presidente americano Richard Nixon.

Giunti alla comune conclusione che, di fronte alle minacce della guerra fredda e della crescente potenza sovietica, le differenze ideologiche dovessero essere accantonate per il bene delle loro nazioni.

Mao e Nixon sfidarono l’opposizione delle rispettive classi politiche e opinioni pubbliche e avviarono uno storico rapporto di collaborazione che si rivelò di capitale importanza per la costruzione dell’odierno assetto politico ed economico mondiale.

Gli Stati Uniti avvertono la Cina di non trasformare il previsto viaggio di Pelosi a Taiwan in una “crisi”

DE FICCHY GIOVANNI

La speaker Nancy Pelosi, falco cinese di lunga data, non ha confermato che intende visitare Taiwan, ma tutte le indicazioni suggeriscono che farà tappa sull’isola autonoma senza preavviso.

Con le tensioni in aumento alla vigilia dell’arrivo anticipato della signora Pelosi a Taipei, la Casa Bianca ha affermato di essere preoccupata che la Cina possa lanciare missili nello Stretto di Taiwan, inviare aerei da guerra nella zona di difesa aerea di Taiwan o organizzare attività navali o aeree su larga scala che attraversano linee tradizionali.

“Non c’è motivo per cui Pechino trasformi una potenziale visita coerente con la politica statunitense di lunga data in una sorta di crisi o conflitto, o la usi come pretesto per aumentare l’attività militare aggressiva dentro o intorno allo Stretto di Taiwan”, John F. Kirby, un Il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale, ha detto ai giornalisti.

 “Nel frattempo”, ha aggiunto, “le nostre azioni non sono minacciose e non aprono nuovi orizzonti. Niente di questa potenziale visita – potenziale visita, che, tra l’altro, ha precedenti – cambierebbe lo status quo”.

Ma Pechino ha chiarito di non essere rassicurata. “Vorremmo dire ancora una volta agli Stati Uniti che la Cina è in attesa, l’Esercito popolare di liberazione cinese non resterà mai a guardare e la Cina adotterà risposte risolute e forti contromisure per difendere la sua sovranità e integrità territoriale”, Zhao Lijian,

Il portavoce del ministero degli Esteri, ha detto ai giornalisti. “Quanto a quali misure, se ha il coraggio di andare, allora aspettiamo e vediamo”.

Un’eventuale arrivo a Taiwan porterebbe sicuramente a un incontro con la presidente Tsai Ing-wen che, da parte sua, non ha confermato né rilasciato dichiarazioni in merito alla visita della speaker statunitense.

A Washington, intanto, il portavoce del Consiglio per la sicurezza nazionale, John Kirbyha dichiarato in conferenza stampa come “niente sia cambiato nella politica degli Stati Uniti verso Taiwan, non ne sosteniamo l’indipendenza.

Questo però non significa che Pelosi non possa avere il diritto di visitare Taipei: Pechino sa che negli Stati Uniti vige la separazione dei poteri e la Camera è un ramo indipendente”.

Fonti americane sostengono che sia il Pentagono che la Casa Bianca siano contrari alla visita di Pelosi a Taiwan, visti i recenti contatti del presidente Joe Biden con l’omologo cinese Xi Jinping e la richiesta americana a Pechino di non intervenire nel conflitto in Ucraina.

Tuttavia gli statunitensi sono pronti ad ogni evenienza: per questo la portaerei Usa Ronald Reagan e il suo gruppo d’attacco si sono riposizionati nelle ultime ore nei pressi dell’isola nel Mar delle Filippine, a est del Canale di Bashi.

Una posizione che, secondo il Liberty Times di Taipei, può garantire un’adeguata copertura alla visita di Pelosi.

Eliminato Ayman al Zawahiri, il numero Uno di Al Queda

DE FICCHY GIOVANNI

L’uomo ucciso sabato a Kabul da un drone mentre era sul terrazzo nella sua casa.

 Era uno dei 22 terroristi più ricercati dagli Stati Uniti nel mondo con una taglia da 25 milioni di dollari sulla testa.

Aveva 71 anni, aveva assunto il comando dell’organizzazione terroristica alla morte di Bin Laden.

L’attacco statunitense è stato un missile aria-terra Hellfire lanciato da un drone, o aereo senza pilota, che è esploso alle 06:16 la mattina del 31 luglio a Kabul. 

Il ” Medico” capo dell’organizzazione terrorista Al queda, uno degli ideatori dell’11 Settembre e viveva a Kabul da diversi anni è stato così eliminato.

” La giustizia è stata servita e abbiamo sconfitto questo leader terrorista”, ha affermato il presidente Biden.

 “Non importa quanto tempo ci vorrà, non importa dove si nasconda, se qualcuno è una minaccia per il nostro popolo, gli Stati Uniti lo troveranno e lo toglieranno di mezzo “,

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden , ha così annunciato questo lunedì, 1 agosto, la morte lo scorso fine settimana in Afghanistan del leader di Al Qaeda, Ayman al Zawahiri , considerato uno degli ideologi degli attentati in mezzo mondo contro obbiettivi statunitensi il più famoso quello dell’11 settembre e anche dalla grande ondata di violenti attentati contro le nazioni occidentali, che hanno scosso anche Londra e Madrid negli anni 2000.

Perchè vanno abbassate le imposte e riformato il fisco

De Ficchy Giovanni

Serve una nuova riforma del sistema fiscale e, in particolare, dell’Irpef.

una riforma tributaria dovrebbe affrontare, oltre alla scala delle aliquote, il tema delle basi imponibili — riportandole a tassazione più o meno piena,

L’attrattività di una Nazione verso gli investitori, i soggetti esteri è influenzata da molti e differenti fattori, primo fra tutti è la stabilità economico politica.

La Capacità di accesso al mercato dei capitali è fondamentale, in un paese che abbia aspirazioni di sviluppo reale, e capace di creare buona e nuova occupazione.

Altra voce molto rilevante per gli investitori è rappresentato dall’efficacia del sistema giudiziario, e dalla imparzialità dello stesso, infatti l’investitore , vuole che qualora sorgano divergenze con il governo possa adire ad un giudice imparziale.

Il livello della complessità burocratica è un altro importante tassello, come il livello di sviluppo delle infrastrutture e la presenza di risorse umane qualificate.

Purtroppo il Nostro paese negli ultimi anni ha evidenziato un ritardo, soprattutto nella pubblica amministrazione e specificatamente nel sistema fiscale che risulta essere ferraginoso, caratterizzato da una pressione fiscale eccessiva, molte imposte con aliquote elevate.

Gli analisti finanziari giudicano oramai da alcuni anni il Nostro paese all’ultimo posto in termini di competitività fiscale tra i paesi Ocse.

Ciò determina una diminuzione dell’attrattività nei confronti degli investitori esteri, con conseguente carenza di capitali di rischio.

Il Pnrr, ha evidenziato nelle sue analisi, questa carenza e richiede di modificare e semplificare il sistema tributario, al fine di evitare una fuga degli investitori verso sistemi fiscali giudicati più evoluti.

Un raggruppamento politico che voglia vincere le elezioni dovrebbe tener ben presente questo aspetto e cercare di riformare al meglio il Nostro fisco .

Orrore !!

di Salvatore Sfrecola

Si sentono alcuni dei testimoni urlare frasi come “così lo ammazzi” e “chiamo le guardie”, ma nessuno è intervenuto per fermare la colluttazione.

Certamente per l’aggressione gratuita e brutale fino alla morte ad uno straniero, un nigeriano che sbarcava il lunario offrendo lungo le strade di Civitanova Marche pacchettini di fazzoletti ed accendini, e che forse ha avuto l’unico “torto” di insistere nel sollecitare un’elemosina, nel chiedere una moneta, un aiuto per la propria famiglia.

Orrore per la violenza perpetrata con particolare efferatezza, col bastone della stessa vittima che lo usava per sorreggersi.

Orrore, dunque, per l’aggressione di una persona debole, che non ha potuto difendersi mentre l’omicida, non contento di averlo ripetutamente percosso, lo ha agguantato alla gola per spegnere le sue grida di aiuto e, insieme, il respiro vitale.

E potremmo ancora a lungo diffonderci sulla barbarie che questa aggressione ha portato all’attenzione dell’opinione pubblica, anche se accertassimo che l’aggressore fosse effettivamente, come si è sentito dire, affetto da noti e pregressi disturbi mentali.

Un orrore lungo quattro minuti, filmato dai presenti con i telefonini, quasi che la sofferenza e la violenza fossero un episodio di cronaca da conservare ed esibire.

Orrore nell’orrore. Perché i presenti non hanno fatto nulla per frenare la violenza, per intervenire, magari con delle urla per richiamare soccorsi.

Posso capire il timore di esporsi fisicamente. Abbiamo tutti a mente episodi nei quali volonterosi intervenuti a dividere due contendenti sono stati, a loro volta, aggrediti subendo lesioni gravi.

Vorrei poter credere che, non essendo capaci di opporsi fisicamente alla violenza, coloro che hanno filmato l’aggressione lo abbiano fatto per mettere a disposizione delle Forze dell’Ordine la prova del reato e consentire l’accertamento delle responsabilità.

Mi auguro che sia così.

Eppure, la prima sensazione è stata quella del disgusto per il disinteresse mostrato nei confronti dell’aggredito, per una mancanza di pietà che non appartiene alla nostra civiltà che, invece, si gloria sovente di ritenere che l’aiuto ai deboli è un dovere morale, che fa parte del nostro modo di pensare, di quella che chiamiamo identità e che spesso richiamiamo, a ragione, per dire che gli altri, anche coloro che vengono in Italia da lontano, devono rispettarla.

L’ambulante nigeriano era un nostro ospite e noi avremmo dovuto sentire il dovere di difenderlo per dimostrare a tutti e al mondo che siamo gli eredi della civiltà del diritto, quella che per prima ha individuato la rilevanza giuridica del concetto di “persona”, poi irrobustita dall’insegnamento cristiano, che si identifica nel “buon Samaritano” variamente interpretato nel tempo dal Cavaliere medievale, tenuto a difendere i deboli, o dai santi della carità, da Camillo de Lellis a Madre Teresa.

Infine, l’orrore non ha sollecitato solamente pensieri di pietà per la vittima e condanna per l’aggressore.

Infatti, c’è stato chi si è inserito nel clima preelettorale per agitare lo spettro del razzismo, una merce avariata nel dibattito politico, se non altro per gli effetti che può produrre in un contesto nel quale la presenza di un numero crescente di immigrati privi di fonti di sostentamento crea naturalmente problemi di sicurezza che possono in alcuni contesti rendere difficile la convivenza.

Gettare benzina sul fuoco, da qualunque parte provenga, non è un buon servizio reso alla comunità.

( Salvatore Sfrecola )

MADURO REGALA ALL’IRAN UN MILIONE DI ETTARI DI SEMINATIVI

De Ficchy Giovanni

Iran e Venezuela hanno rafforzato sostanzialmente i loro legami per anni, poiché la loro cooperazione è stata parte di iniziative congiunte di fronte alle sanzioni statunitensi.
Iran e Venezuela hanno rafforzato sostanzialmente i loro legami per anni, poiché la loro cooperazione è stata parte di iniziative congiunte di fronte alle sanzioni statunitensi.

Il regime degli Ayatollah si radica in Venezuela per garantire la sicurezza alimentare.

L’operazione è stata condotta alle spalle del Parlamento del Paese sudamericano e senza che fosse stato rivelato il compenso

Le relazioni tra Teheran e Caracas risalgono agli anni ’60, ma è dalla vittoria della Rivoluzione Bolivariana (1999) che la solidarietà e la fratellanza tra le due nazioni si sono approfondite.

I due paesi si sostengono a vicenda nel loro sviluppo sovrano e di fronte alle pressioni degli Stati Uniti. 

Hanno infatti firmato diversi accordi nei settori energetico, scientifico, petrolifero, della difesa, culturale, economico e alimentare, tra gli altri.

L’accordo agricolo tra Venezuela e Iran prevede la coltivazione di un milione di ettari da parte di Teheran sul suolo venezuelano, ha sottolineato il viceministro dell’Interno per gli affari economici iraniano, Mohsen Kushki Tabar.

L’accordo agricolo fa parte del piano di cooperazione ventennale firmato a giugno durante la visita a Teheran dal Presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, in un atto con il suo omologo iraniano Seyed Ebrahim Raisi.

Tabar ha affermato che questo accordo, che arriva nel mezzo della crisi strategica mondiale delle riserve alimentari, mostra che “il grande e forte Iran ha raggiunto un livello di condivisione delle conoscenze a cui arrivano altri paesi”.

Ha anche sottolineato che mette in evidenza l’elevata conoscenza tecnica delle società iraniane basate sulla conoscenza a livello internazionale, ha riferito HispanTV.

L’Iran ha bisogno di 7 milioni di ettari di terreni agricoli all’estero per garantire la sua sicurezza alimentare.

Oltre al Venezuela, la Russia ha recentemente offerto 100.000 ettari, secondo l’agenzia IRNA, per progetti agricoli iraniani.

Il direttore dell’Associazione delle colture transterritoriali dell’Iran, Ali Rezvanizade, ha assicurato questo mese che il Venezuela può fornire un’opportunità migliore rispetto al Brasile e alla Russia per i progetti agricoli iraniani all’estero, compresa la coltivazione di soia e mais.

Il più grande vantaggio della coltivazione d’oltremare per l’Iran è la conservazione delle sue preziose risorse idriche. L’agricoltura iraniana utilizza circa l’85% di tutte le risorse idriche disponibili.

Dopo aver firmato i nuovi accordi con l’Iran, il presidente Maduro ha messo in luce i progressi dell’agricoltura iraniana, dopo aver fatto riferimento al fatto che producono cibo nonostante il paese sia composto per quasi il 70% da territorio desertico.

In quell’occasione, Maduro ha affermato che gli accordi agricoli privilegiano due aspetti chiave: la cooperazione tecnologica “per produrre più cibo in Venezuela” e i progetti congiunti “Iran-Venezuela per esportare in Iran e nell’intera regione asiatica”.

Il Venezuela ha firmato più di 250 documenti di cooperazione con l’Iran nel corso delle sue relazioni diplomatiche.

Carrello della spesa +9,1% record dal 1984

L’ Inflazione a luglio scende a 7,9% grazie a energetici

A luglio l’inflazione tendenziale ripiega di un decimo di punto percentuale dal record di giugno (+8,0%) a +7,9%, mentre l’indice dei prezzi al consumo registra un aumento dello 0,4% su base mensile.

E’ quanto risulta dalle stime Istat di luglio.

A influire sul rallentamento il calo dei beni energetici (da +48,7% di giugno a +42,9%) grazie soprattutto ai beni energetici regolamentati (da +64,3% a +47,8%) e solo in minima misura dagli energetici non regolamentati (da +39,9% a +39,8%). L'”inflazione di fondo”, al netto di energetici e alimentari freschi, accelera da +3,8% a +4,1% e quella al netto dei soli energetici da +4,2 a +4,7%.

Forte accelerazione dei prezzi del cosiddetto “carrello della spesa”, che si porta al livello record di +9,1%, registrando così un aumento che non si osservava da settembre 1984.

Lo segnala l’Istat nelle sue stime preliminari di luglio.

Accelerano, infatti, sia i prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona (da +8,2% a +9,1%) sia quelli dei prodotti ad alta frequenza d’acquisto (da +8,4% a +8,7%).

L’inflazione acquisita per il 2022, ovvero quella che si otterrebbe ipotizzando una variazione nulla nella restante parte dell’anno, è pari a +6,7% per l’indice generale dei prezzi, e del +3,3% per la componente di fondo, (al netto degli energetici e degli alimentari freschi). 

L’inflazione nell’Eurozona tocca un nuovo record: a luglio è salita all’8,9%, dall’8,6% di giugno, livelli mai registrati dalla nascita dell’Unione economica e monetaria.

Lo rende noto Eurostat nella sua stima flash. La corsa dell’inflazione media continua a essere trainata dalla dinamica dei prezzi dell’energia: +39,7% a luglio, rispetto al +42% di giugno. Seguono alimentari, alcol e tabacco (9,8%, rispetto all’8,9% di giugno), beni industriali non energetici (4,5%, contro il 4,3% di giugno) e servizi (3,7%, contro il 3,4% di giugno).

Demonizzare l’avversario

De Ficchy Giovanni

capuano e salvini
Capuano e Salvini

Prosegue a pieno ritmo da parte dei media nostrani il tentativo di criminalizzazione del centrodestra, stamane il giornale di Giannini, con un articolo di Jacopo Iacoboni intitolato ” Ombre russe dietro la crisi; così gli uomini di Vladimir Putin s’interessano alla possibile caduta del Governo Draghi”

Il giornalista cita presunti legami, tra Antonio Capuano ex Forza Italia, ed attualmente consulente di Salvini, e il funzionario dell’ambasciata russa in Italia, Igor Kostyukov.

La fonte sarebbe un documento riservato della Nostra Intelligence, dove sarebbero contenuti i colloqui segreti delle parti.

Secondo il giornalista, si sarebbe discusso di far ritirare i ministri del Carroccio , e far cadere il Governo Draghi.

Il pezzo era ripreso subito dal Leader Pd Letta, che non perdeva l’occasione per battere la grancassa, ed accusare la Lega di aver fatto cadere il governo Draghi.

Il sottosegretario di Stato Franco Gabrielli, delegato alla Pubblica Sicurezza, interveniva smentendo la notizia apparsa sul quotidiano , e faceva presente che già in occasione dell’audizione al Copasir, questa ipotesi era priva di ogni fondamento.

Dall’inizio della campagna elettorale, i mezzi di informazione cercano di criminalizzare i leader del centrodestra , ritengo che tale strategia, contribuirà , in realtà ad aumentare la visibilità dei leader di cdx, ed aumentare ancora di più il vantaggio alle prossime elezioni

Meloni: «Dall’Italia pieno sostegno al popolo ucraino»

De Ficchy Giovanni

Giorgia Meloni

Meloni: «Dall’Italia pieno sostegno alla battaglia del popolo ucraino»

«Vogliamo difendere gli interessi nazionali e dobbiamo essere chiarissimi sulla guerra. Saremo garanti senza ambiguità della collocazione italiana e dell’assoluto sostegno all’eroica battaglia del popolo ucraino».

Così la presidente di Fratelli d’Italia Giorgia Meloni, nel corso della direzione nazionale del partito in merito al conflitto tra Kiev e Mosca.

«Posso dire che un’Italia guidata da Fratelli d’Italia e dal centrodestra sarà un’Italia affidabile sui tavoli internazionali».

Così la leader di Fdi ai suoi.

Il pifferaio Calenda

Risorgimento Liberale

“Calenda. Beh, non è male questo Calenda. ‘Diamogli un occhio’, si dice in una parte elitaria ma esistente del centrodestra…”

Il pifferaio Calenda getta la maschera dichiarandosi pronto a discutere con la sinistra del programma e dell’alleanza elettorale.

Una grande ammucchiata dal PD a Di Maio, da Leu a +Europa passando per la CGIL di Landini.

Questa volta almeno lo fa prima delle elezioni e non dopo come avvenuto a Roma dove, da bravo specchietto per le allodole, illuse l’elettorato liberale per poi, 5 minuti dopo l’esito del primo turno, invitare i propri elettori a confluire sul candidato della sinistra.

Calenda è il cavallo di troia della sinistra, quella giustizialista, e statalista, quella delle tasse e dello stato di polizia fiscale, quella delle limitazioni delle libertà individuali, per cercare consensi nell’area liberale da portare a sinistra.

Calenda è tutto fuorché liberale; sarà riformista, socialista, socialdemocratico, ma non liberale. L’apertura ai liberali dell’europarlamentare eletto nel PD, esponente del PSE (ora S&D) aderente all’Internazionale Socialista sembra oggettivamente inadeguata e da respingere al mittente.

Calenda, resti pure con il PD ed i suoi alleati dell’estrema sinistra, ma lasci stare i liberali che sono stati già abbondantemente presi in giro, spesso per la loro totale ininfluenza politica, ma ancor più spesso per aver delegato l’affermazione delle proprie idee al socialista e statalista di turno.

Ma cosa potrebbero avere in comune dei veri liberali con Fratoianni , Speranza e Landini ??

Questa volta non fatevi intortare dal pifferaio Calenda !!!

Mosca rischia di perdere pure il Donbass.

mosca perderà anche il donbass
Carro armato russo

Controllare l’intero oblast di Donetsk è per la Russia «l’obiettivo politico minimo della campagna del Donbass» ma sta diventando «sempre più improbabile»

In pochi mesi le cose sono radicalmente cambiate: l’invasione-lampo dell’Ucraina, la conquista di Kiev e l’imposizione di un governo fantoccio è fallita.

Poi la conquista del Donbass e del sud dell’Ucraina si è fermata.

E adesso la Russia ha «definitivamente» perso l’iniziativa nella battaglia del Donbass ed è improbabile che possa conquistare l’intera regione orientale Ucraina «nell’immediato futuro».

E’ quanto affermano fonti occidentali citate dalla Press association e rilanciate dal Guardian.

Ai primi di luglio le fonti occidentali riferivano che Mosca stava facendo «genuini progress«i verso l’obiettivo sbandierato come causa dell’invasione, ovvero la supposta liberazione del Donbass.

Ma anche se nella guerra vi sono state avanzate e ritirate, e la Russia ha capacità di «aggiustamento e adattamento», ora Mosca ha «definitivamente perso l’inizativa» nella battaglia per la conquista di questa regione.

Secondo gli esperti, Kiev potrebbe recuperare l’intera regione di Kherson in poche settimane: i russi hanno esaurito uomini e munizioni e adesso sono obbligati a difendersi, non potendo più avanzare.

Gli strateghi ucraini hanno lasciato che i russi consumassero risorse in un confronto di attrito, mentre si riorganizzavano nelle retrovie con le nuove armi occidentali (che raggiungono le retrovie russe, non più sicure dunque per gli invasori).

Sfumano così pure i sogni di conquista dell’intero Donbass con l’Ucraina orientale.

Putin aveva negato di voler conquistare tutto il paese e oggi si troverà costretto a negare di voler annettere la sola area contesa.

I filorussi ovviamente si berranno l’ennesima bufala del Cremlino, che in realtà, umiliato, viene obbligato a ridimensionare ulteriormente le proprie ambizioni.

De Ficchy Giovanni

Di Mascio, necessarie riforme strutturali per risanare l’economia del Paese

Arturo Di Mascio

In questa intervista il parere di noto economista esperto di finanza internazionale su come è possibile arginare problemi dell’economia del nostro Paese. 

Dottor Di Mascio esiste una chiave di volta, secondo lei per arginare i problemi dell’economia del nostro Paese? 

Gli strumenti classici per stimolare gli investimenti sono le politiche monetarie e le politiche fiscali. Senza un adeguato piano di riforme strutturali che agisca in profondità sul sistema socio-economico italiano, gli interventi di politica economica messi in campo dall’Unione Europea potrebbero essere insufficienti per far uscire l’Italia dalla situazione di crisi.

Sono quindi necessarie riforme strutturali in grado di eliminare le inefficienze di sistema che allontanano gli investitori e frenano la crescita.

Gli effetti della crisi pandemica sulla situazione economica e finanziaria delle imprese sono stati ampi ed eterogenei tra i settori economici.

Calo della redditività.

La diminuzione del fatturato è stata significativa. La leva finanziaria è cresciuta a causa dell’incremento del debito, specialmente nei settori più colpiti dalle misure di prevenzione dei contagi. 

Una crisi finanziaria che ha fortemente colpito le imprese. Che fare?

Gli effetti sulla situazione finanziaria sono stati più marcati per le imprese piccole e medie e per quelle localizzate nel Mezzogiorno La quota di debito ‘a rischio’ è aumentata; anche in uno scenario macroeconomico particolarmente avverso.

Bisogna incentivare il rafforzamento della struttura finanziaria delle imprese; favorire e sostenere il riavvio degli investimenti non appena la ripresa economica si consoliderà; far sì che ad adeguati flussi di credito si accompagnino prudenti politiche di provisioning da parte delle banche, a beneficio della stabilità economica e finanziaria.

Ma con il calo della crisi pandemica, qualcosa è cambiato?

Con il calo della crisi pandemica a livello globale, si sono manifestati diversi segnali di shock di offerta, a causa della forte ripartenza dell’economia internazionali.

Ma poi è arrivata la guerra tra Russia e Ucraina, iniziata il 23 febbraio, oltre a enfatizzare alcuni fenomeni già in corso, ha indotto un ulteriore shock economico-finanziario che si esplica attraverso molteplici canali di trasmissione: 

  • l’ulteriore aumento dei prezzi energetici (in particolare gas e petrolio) e dei beni agricoli, che erode significativamente i margini operativi delle imprese, con riflessi negativi sull’attività economica; 
  • il peggioramento delle difficoltà nel reperimento di materie prime e materiali, in particolare quelli provenienti dai paesi coinvolti. 

Si è verificata una situazione alquanto complessa, Cosa si dovrebbero fare sullo scacchiere internazionale, secondo lei, per tornare a una situazione di normalità? 

Ritengo che sia necessario che tutti i paesi, dall’UE agli USA, agli alleati della Federazione Russa, anziché continuare ad alimentare la guerra con pericolose sanzioni, e armamenti dovrebbero fortemente spingere su una soluzione negoziale e consentire che il mondo segua una via di pacificazione globale che punti al benessere degli individui e all’eliminazione della fame nel mondo, altra triste situazione in forte peggioramento dopo il blocco dei cereali nei porti del Mar Nero.

Alla fine di una disastrosa guerra non ci sarebbero vincitori, ma solo vinti. Tragedie irreparabili e la fine dell’umanità. “ (GR COM)

De Ficchy Giovanni

Daily Telegraph: Boris Johnson potrebbe diventare il prossimo segretario generale della NATO

Boris Johnson

 Boris Johnson, che ora si dimette dalla carica di Primo Ministro britannico, potrebbe assumere la carica di Segretario generale della NATO dopo che l’attuale capo dell’alleanza Jens Stoltenberg lascerà il suo posto il prossimo settembre, secondo quanto riportato mercoledì dal Daily Telegraph.

Secondo il giornale, i conservatori di alto livello stanno sostenendo Boris Johnson come prossimo segretario generale della NATO.

 Prima di Johnson, il segretario alla Difesa britannico Ben Wallace, così come gli ex primi ministri del Regno Unito Theresa May e David Cameron, erano stati presi in considerazione per il ruolo, osserva il giornale.

Il Daily Telegraph ha sottolineato che il posto di Segretario generale della NATO era stato a lungo offerto a un rappresentante britannico a causa della sfiducia degli Stati Uniti nei confronti dei politici europei che avevano ripetutamente annunciato i loro piani per creare un nuovo esercito dell’Unione europea.

Johnson ha annunciato il 7 giugno che si sarebbe dimesso dalla carica di leader del Partito conservatore poiché circa 60 funzionari, inclusi diversi ministri, sono stati salvati dal suo governo.

 Johnson ha anche detto che avrebbe lasciato la carica di primo ministro non appena fosse stato eletto un nuovo leader del partito.

 Il nome del nuovo primo ministro del Paese dovrebbe essere noto il 5 settembre, sarà il ministro degli Esteri Liz Truss o l’ex cancelliere dello scacchiere Rishi Sunak.

La decisione sarà presa da quasi 200.000 membri del partito al governo.

L’Ucraina presto lancerà grande una controffensiva

De Ficchy Giovanni

La Controffensiva punta a liberare tutti i territori occupati dai Russi

Ammonterebbero a 40.070 i soldati della Russia morti in guerra dal giorno dell’attacco di Mosca all’Ucraina, lo scorso 24 febbraio.

Lo rende noto il bollettino quotidiano dello Stato Maggiore delle Forze Armate ucraine, appena diffuso su Facebook, che riporta cifre che non è possibile verificare in modo indipendente.

I russi avrebbero abbandonato la città di Kherson in seguito a un attacco ucraino su un ponte strategico della zona.

Lo hanno annunciato le autorità di Kiev.

Il ponte è stato colpito da una raffica di razzi dalle forze di Kiev che sembrano voler intensificare le operazioni per isolare la città.

Secondo il resoconto dei militari ucraini, a oggi le perdite russe sarebbero di circa 40.070 uomini, 1.738 carri armati, 3.971 mezzi corazzati, 883 sistemi d’artiglieria, 258 lanciarazzi multipli, 117 sistemi di difesa antiaerea.

Stando al bollettino, che specifica che i dati sono in aggiornamento a causa degli intensi combattimenti, le forze russe avrebbero perso anche 222 aerei, 190 elicotteri, 2.847 autoveicoli, 15 unità navali e 726 droni.

La Tetra Pack abbandona la Russia

Dopo 62 anni di operazioni nel Paese, Tetra Pak lascia la Russia e vende la produzione a un rivenditore locale.

Secondo l’azienda multinazionale che produce sistemi integrati per il trattamento e il confezionamento di alimenti, sono state le sanzioni economiche imposte dall’Ue alla Russia, dopo l’invasione dell’Ucraina, a rendere impossibile il commercio con Mosca, si legge in un comunicato riportato dal quotidiano locale Sydsvenskan.

«L’effetto cumulativo delle restrizioni delle esportazioni verso la Russia ha portato a una catena di forniture insostenibile, che ha portato l’azienda a non avere alternative che quella di lasciare il Paese», 

Elezioni Politiche, il movimento “Nuovo Italia unita” apre alle candidature

Chiunque sia interessato a sottoporre la propria candidatura può farlo, inviando documento d’identità, certificato elettorale e penale, ed indicando la circoscrizione per la quale vorrebbe essere candidato.

Riprendiamoci l’identità sottratta, affinché possano essere valorizzati e curati tutti gli ambiti della vita sociale,  alla difesa dei diritti del nostro Popolo e soprattutto delle sue fasce più deboli; al rilancio del senso civico e del senso dello Stato; al miglioramento delle funzionalità e dell’efficienza del sistema Paese.

Oltre agli steccati ideologici, con lo scopo di ripensare e definire un rinnovato spirito di unità nazionale e avviare un percorso di attiva partecipazione civica e politica per la costruzione dell’Italia del domani.

Muore a 83 anni Paul Sorvino, attore di One of Ours

Conosciuto anche per aver interpretato il sergente di polizia Phil Cerretta nella serie televisiva “Law & Order”, ha lavorato nel cinema e in televisione per più di 50 anni.

Paul Sorvino , il venerato attore specializzato nell’interpretazione di criminali e poliziotti come Paulie Cicero in “One of Us” e il sergente di polizia di New York Phil Cerretta in “Law & Order “, è morto in Florida all’età di 83 anni.

 Il suo addetto stampa Roger Neal ha annunciato che l’attore è morto lunedì per cause naturali alla Mayo Clinic di Jacksonville, in Florida. 

Sorvino aveva dovuto affrontare negli ultimi anni alcuni problemi di salute. 

” I nostri cuori sono spezzati , non ci sarà mai un altro Paul Sorvino, è stato l’amore della mia vita e uno dei più grandi artisti ad aver mai abbellito lo schermo e il palcoscenico”, ha detto sua moglie, Dee Dee Sorvino in una dichiarazione.

Nei suoi oltre 50 anni nel mondo dello spettacolo, Sorvino è stato un pilastro del cinema e della televisione , interpretando un comunista italo-americano in “Reds” di Warren Beatty, Henry Kissinger in “Nixon” di Oliver Stone e il boss della mafia Eddie Valentine in “The Razziatore’. 

Diceva spesso che, sebbene fosse noto per interpretare i gangster, le sue vere passioni erano la poesia, la pittura e l’opera: “La maggior parte delle persone pensa che io sia un gangster o un poliziotto o qualcosa del genere. 

La realtà è che sono scultore, pittore, il migliore… autore che vende , molte, molte cose: poeta, cantante d’opera, ma nessuno di loro è gangster.

Sarebbe bello averlo scritto nella mia eredità piuttosto che nell’immagine di un duro”.

Nato a Brooklyn nel 1939 da madre che insegnava pianoforte e padre che faceva il caposquadra in una fabbrica di abiti, Sorvino ha sentito la chiamata all’esibizione sin dalla giovane età.

e ha frequentato l’American Musical and Dramatic Academy di New York, dove si è innamorato del teatro. 

Ha fatto il suo debutto a Broadway nel 1964 in “Bajour” e il suo debutto cinematografico in “Where’s Daddy?” di Carl Reiner nel 1970.

Con un’altezza di oltre sei piedi, Sorvino ha fatto una presenza straordinaria a Hollywood. Negli anni ’70, ha recitato insieme ad Al Pacino in “Panic in Needle Park” e con James Caan in “The Gambler”, tornando a lavorare con Reiner in “Oh, God!” e faceva parte del cast della commedia di rapina in banca di William Friedkin “The Brink’s Job”.

 Nel seguito di “Rocky” di John G. Avildsen, “Slow Dancing in the Big City”, Sorvino ha interpretato un ruolo romantico e ha utilizzato la sua formazione di danza insieme alla ballerina professionista Anne Ditchburn.

È stato particolarmente prolifico negli anni ’90, iniziando il decennio interpretando Lips in “Dick Tracy” di Warren Beatty e Paul Cicero in “One of Us” di Martin Scorsese, basato sul mafioso Paul Vario nella vita reale, e la serie TV “Law”. e Ordine’. 

Beatty si rivolgeva spesso a Sorvino, uno dei suoi grandi amici, reclutandolo di nuovo per la sua satira politica “Bulworth”, poi nella sua lettera d’amore a Hollywood “The Exception to the Rule”. È apparso anche in “The Immigrant” di James Gray.

Sorvino ha avuto tre figli dal suo primo matrimonio , tutti attori : la maggiore, Mira Sorvino, ha vinto un Oscar. La seconda, Amanda Sorvino, è attrice e regista, così come il più giovane dei suoi figli, Michael Sorvino.

 Era così orgoglioso della figlia maggiore che pianse come un bambino quando vinse l’Oscar come migliore attrice non protagonista per “Mighty Aphrodite” nel 1996.

Quella notte disse al Los Angeles Times che non aveva parole per esprimere come si sentiva.

 Anni dopo, quando Paul venne a sapere che Mira era stata tra le donne presumibilmente molestate sessualmente e bandite da Harvey Weinstein durante la resa dei conti #MeToo, disse a TMZ che se l’avesse saputo, Weinstein “non starebbe camminando, ma su una sedia a rotelle”.

L’abiura dei forzisti ingrati

Occorre tornare alla politica, ad ideali forti al confronto sui programmi superando la mentalità proporzionalistica che nasce dalle nostre leggi elettorali le quali hanno alimentato la frammentazione politica e moltiplicato micropartiti, i c.d. “cespugli”, alla ricerca di un ruolo soprattutto per i loro leader che altrove non avrebbero nessun credito.

di Salvatore Sfrecola

Mariastella Gelmini, poi Renato Brunetta, Andrea Cangini, Giuliano Ferrara, forse Mara Carfagna.

E sembra che l’esodo da Forza Italia non si fermi a questi.

Palese dimostrazione dei limiti dell’azione politica di Silvio Berlusconi che ha raccolto nel tempo giovani simpatici e belle ragazze, spesso senza arte né parte, quasi sempre del tutto privi di esperienza politica, prevalentemente provenienti dalla sinistra snob, in origine gli ex amici di Craxi, pensando che costituire un partito e portarlo al successo elettorale sia sufficiente per gestire poi il governo del Paese.

Un obiettivo clamorosamente fallito nella legislatura 2001 – 2006,  nonostante lo straordinario consenso elettorale.

Fu “Un’occasione mancata”, e quell’allegra brigata di persone, con una buona dose di arroganza, tenute insieme solo dal collante Berlusconi, fu mandata a casa per una manciata di voti nelle elezioni del 2006.

Poi ancora successivamente quella coalizione, quando vince le elezioni, dimostra di non saper governare.

Ora, dunque, rischia di sfaldarsi come un castello di carte quella comunità di persone non sorrette da una visione in qualche modo ideologica o comunque da un quadro di idee importante, per cui oggi i giornali, nel richiamare questo esodo e nel riferire le giustificazioni addotte da coloro che hanno fatto questo passo, essenzialmente la caduta del Governo Draghi, parlano soprattutto di ingratitudine nei confronti di Berlusconi.

Come fa Alessandro Sallusti su Libero, a proposito di Ferrara e della Pascale, persone che “pur non avendo mai lavorato un giorno in vita loro sono diventati milionari grazie alla generosità di Silvio Berlusconi e ora, dopo essere stati foraggiati e mantenuti tanto da essere a posto per qualche generazione, sputano con gusto nel piatto dove hanno banchettato”.

Certo, c’è anche dell’ingratitudine nei Berlusconi Boys che lasciano il partito, ma è la mancanza di ideali politici che li ha indotti ad una iniziativa probabilmente meditata da tempo, da quando il partito ha cominciato a perdere consensi nelle intenzioni di voto, facendo intravedere il pericolo di una sua dissoluzione anche in ragione dell’età del leader e delle sue ricorrenti difficoltà di salute.

È evidente, infatti, che la rottura col governo Draghi è solo una scusa, come la prospettiva di una vittoria della destra, considerato che Berlusconi si è assunto da sempre il ruolo di federatore di quell’ampia fetta di elettorato che va dalla Lega a Fratelli d’Italia del quale Forza Italia ritiene di esprimere l’anima centrista.

“Lascio l’Italia se vincono i sovranisti”, avrebbe detto Francesca Pascale.

E Brunetta si esibisce con Lucia Annunziata in una patetica denuncia per le offese ricevute in ragione della sua altezza (“mi dicono nano e soffro per questo”).

Un attacco certamente volgare ad un Ministro per l’amministrazione non amato dai pubblici dipendenti che, nel suo ruolo, avrebbe dovuto motivare e valorizzare ai fini del buon esercizio dell’azione di governo. Invece, ha solamente creato malumori.

E questo deve far riflettere sulla debolezza dei partiti politici che non siano sorretti da un riferimento a valori forti, partiti che danno credito a persone senza esperienza politica, opportunisti, pronti a cambiare casacca alla prima, più favorevole occasione, come dicono i numeri di una transumanza che ha caratterizzato le ultime due legislature.

Ed è noto il caso della parlamentare che nel corso della precedente ha cambiato ben sei formazioni politiche.

Occorre tornare alla politica, ad ideali forti al confronto sui programmi superando la mentalità proporzionalistica che nasce dalle nostre leggi elettorali le quali hanno alimentato la frammentazione politica e moltiplicato micropartiti, i c.d. “cespugli”, alla ricerca di un ruolo soprattutto per i loro leader che altrove non avrebbero nessun credito.

In un sistema elettorale che si basi su un rapporto diretto tra elettorato ed eletto, come quello del Regno Unito, persone come Calenda, Renzi o Speranza non avrebbero nessuno spazio politico.

Perché non possiamo uscire dall’Europa

La globalizzazione ha cambiato le carte in tavola. In un periodo antecedente al commercio globale, il mercato si basava sulla vendita di beni finiti.

E sbagliato fare il paragone, con la Gran Bretagna, la Nostra realtà è completamente diversa da quella inglese.

La Gran Bretagna infatti non ha risentito che in minima parte, per l’uscita dall’Unione Europea, il fatto che disponga di una valuta sovrana, di una Banca Centrale, e grazie soprattutto all’appartenenza al Commonwealth, ha potuto benissimo far fronte alla separazione.

Uscire dall’Unione vorrebbe dire per invece il Nostro Paese perdere circa un anno e mezzo del Pil del nostro Paese .

Ne risentirebbe circa il 40 per cento delle nostre banche.

Dovremmo istituire la “Nuova Lira

Essendo l’Italia un Paese altamente indebitato e che da anni soffre di problemi di bassa crescita, la sua “Nuova Lira” perderebbe subito e rapidamente valore nei confronti di una moneta come l’Euro, che è invece la moneta di un gruppo di 19 Paesi molto ricchi e tra i più solidi al mondo.

La globalizzazione ha cambiato le carte in tavola.

In un periodo antecedente al commercio globale, il mercato si basava sulla vendita di beni finiti.

Oggi invece le “catene del valore” , vengono in parte costruite fuori dal nostro paese

A quel punto, una crisi economica sarebbe inevitabile, perché come sappiamo, l’Italia è un Paese molto indebitato per via delle sue politiche orientate alla ricerca del consenso che negli anni si sono sovrapposte.

Al punto che la strada del fallimento (o default) sarebbe quella più percorribile se l’Italia non riuscisse ad onorare il proprio debito alle varie scadenze.

Con la conseguenza di essere definita come “cattivo debitore” e la subentrante estrema difficoltà ad ottenere soldi in prestito dal resto del mondo.

l’Italexit andrebbe a svantaggio dei detentori di titoli di Stato.

I mercati finanziari guarderebbero con sospetto l’acquisto di Btp, facendo così aumentare i tassi d’interesse richiesti a copertura di un rischio maggiore.

L’Italia, che ha fatto dell’export il suo punto di forza, non ha potuto che guadagnare dalla libera circolazione delle merci.

Dal 2008 le esportazioni sono state in costante aumento.

Nel 2017 più della metà erano dirette verso l’Unione europea, soprattutto verso Germania e Francia.

Nel 2018 le nostre esportazioni hanno registrato ancora un incremento del 3%, ma per i paesi Extra Ue abbiamo registrato soltanto un +1,7%. 

l’Italia continuerebbe a commerciare con il resto dell’Europa che manterrebbe l’Euro, si ritroverebbe a dover pagare di più per i prodotti esteri con ciò che si tradurrebbe in maggiori costi per le imprese che dunque correranno al riparo alzando i prezzi.

l’ inflazione, eroderebbe rapidamente il potere d’acquisto, perché il nostro stipendio si adeguerebbe molto lentamente ad un aumento dei prezzi, facendoci comprare con 20 mila Nuove Lire anziché 7 litri di benzina, per fare un esempio 4 litri

Sul Fronte Immigrazione

L’immigrazione diventerebbe uno dei nostri problemi principali .

Siamo la scialuppa di salvataggio di milioni di disperati.

Uscire dall’Europa ci espone al rischio di una chiusura dei confini con gli altri stati membri. 

Tutta la pressione si scaricherebbe sul nostro Paese

In conclusione  converrebbe davvero vivere in un Paese in cui da ciò non ne beneficerebbero export e turismo, ma i viaggi ed i prodotti esteri sarebbero un lusso, lo spettro del default sempre presente ed una svalutazione dei nostri risparmi sempre dietro l’angolo?

De Ficchy Giovanni

L ‘INPS

I Numeri del disastro

Ossia la storia di una catastrofe annunciata,

Nel bilancio del 2021 dell’ente previdenziale risultano queste cifre 237 miliardi di entrate contributive e 385 miliardi di uscite.

La genesi

L’INPS nasce oltre centoventi anni fa, nel 1898 con la fondazione della Cassa Nazionale di previdenza per l’invalidità e per la vecchiaia degli operai, allo scopo di garantire i lavoratori dai rischi di invalidità, vecchiaia e morte.

Durante il ventennio fascista, il regime potenzia molto l’ente , trasformandolo quasi in una compagnia di assicurazione privata, infatti i contributi versati dai lavoratori, erano gestiti con il “sistema a capitalizzazione”, ossia il grande capitale accumulato, veniva investito e le riserve matematiche , sarebbero bastate a pagare le pensioni dei lavoratori.

l’Ente gestiva in quel periodo stabilimenti termali, industrie ed aveva, un grande patrimonio immobiliare.

L’Autunno Caldo

Nel 1968 il governo Rumor, che temeva le agitazioni delle piazze, diede la direzione generale ai sindacati confederali CGIL ,CISL E UIL a turnazione.

L’ente fù trasformato nel sistema di gestione da “capitalizzazione ” a “ripartizione”, con la conseguenza che i contributi versati non capitalizzavano più, ma servivano per pagare le pensioni.

Inoltre vennero assegnati altre prestazione come la cassa integrazione, le pensioni di invalidità, la mobilità e le pensioni sociali, tutte prestazioni giustissime ma dovrebbero essere sostenute con la fiscalità generale e non con i soldi dei lavoratori.

Venendo agli anni recenti , l’unificazione con Inpadai, che ha portato solo uscite, il reddito di cittadinanza, e l’erogazione di vari e creativi bonus, ha creato l’enorme voragine, che è sotto i nostri occhi.

Un governo serio deve immediatamente mandare a pascolare l’attuale management di incapaci, che hanno lasciato un problema enorme, sulle spalle delle generazioni future.

Giovanni De Ficchy

La Russia amplia la lista dei paesi “ostili”

Putin prende di mira i "paesi ostili" nelle controsanzioni

Putin prende di mira i “paesi ostili” con delle controsanzioni

La Russia ha ampliato la sua breve lista di nazioni cosiddette “ostili”, aggiungendo cinque stati europei che secondo Mosca hanno intrapreso azioni “ostili”.

L’elenco dei paesi “ostili”, stabilito per la prima volta nel maggio 2021 per includere gli Stati Uniti e la Repubblica Ceca, limita il numero di personale locale che può essere assunto presso le missioni diplomatiche delle nazioni designate in Russia.

Grecia, Slovenia, Croazia, Slovacchia e Danimarca sono ora nell’elenco, secondo l’elenco aggiornato del governo russo pubblicato venerdì.

Tutti e cinque i paesi hanno espresso un fermo sostegno all’Ucraina dopo l’invasione russa del suo vicino occidentale il 24 febbraio.

La Grecia è ora limitata a 34 dipendenti locali, la Danimarca a 20 e la Slovacchia a 16 nelle rispettive ambasciate e consolati.

“Slovenia e Croazia non potranno assumere dipendenti nelle loro missioni diplomatiche e negli uffici consolari”, afferma il decreto del governo.

Questa è la prima espansione nell’elenco dei paesi “ostili” della Russia in più di un anno.

Il governo russo ha avvertito che potrebbe ampliare ulteriormente la sua lista “tenendo conto delle azioni ostili in corso di stati stranieri contro le missioni russe all’estero”.

Un elenco separato di paesi “ostili” impone limiti economici a 48 paesi per lo più occidentali in risposta alle sanzioni imposte alla Russia per l’invasione dell’Ucraina quest’anno.

Mosca ha ordinato ai paesi di quella lista di effettuare pagamenti in rubli sui debiti e ottenere l’approvazione del governo per accordi aziendali oltre a imporre restrizioni sui visti ai loro cittadini.

Il presidente russo Vladimir Putin a maggio ha vietato le relazioni economiche con individui sanzionati provenienti da “paesi ostili” in risposta ai sequestri di beni occidentali all’estero.

Fonte the Moskov Time

De Ficchy Giovanni

Le vedove di Draghi

Draghi ride

Molti colleghi su testate importanti, piangono la caduta del governo Draghi, cercando di attribuire al Centro Destra , la caduta del governo di Unità Nazionale dimenticando che la crisi di governo è stata provocata dal partito di Conte.

Era evidente che il M5S , non potesse rimanere in una coalizione di governo dove era presente anche il partito di Di Maio , suo naturale concorrente dopo la scissione.

Il partito di Conte ha eliminato Draghi con la scusa di non voler votare la norma “dell’inceneritore” di Roma, riprendendo a cavalcare, tutti i suoi vecchi “cavalli di battaglia”, e ritornando ad essere il partito populista di un tempo.

Conte

La crisi in Italia quindi è stata provocata in modo folle e sconsiderato, in uno spettacolo con sfumature di tragedia e farsa politica.

Il PD di Enrico Letta ha enormi responsabilità per aver tentato di forzare la mano, presentando disegni di legge divisivi, quali ad esempio Cannabis libera e Ius Scolae, con il chiaro pretesto di ricavare in forte “posizionamento identitario” a sinistra

Nella crisi a mio avviso spiccano tre vincitori: Matteo Salvini , leader della Lega, e Giorgia Meloni , presidente di Fratelli d’Italia, e il buon Silvio Berlusconi .

In questi mesi Salvini, ha agito con un piede dentro e l’altro fuori dal governo, volendo apparire come un politico di lotta e di governo. 

In questo modo intendeva recuperare voti e consensi.

Al suo apice politico, come ministro dell’Interno, ha raggiunto il 38% di intenzioni di voto, dopo aver vinto le ultime elezioni europee, con il 34%.

 Oggi non arriva al 15%.

È stato ampiamente superato da Giorgia Meloni.

Il leader della Lega ha dato a Draghi un ultimatum, sapendo che era inaccettabile per il presidente del Consiglio: “O nuovo governo senza M5E, o elezioni”. senza dirlo.

Draghi nel suo discorso di giovedì al Senato ha mostrato la sua irritazione nei confronti di Salvini, tra le altre ragioni per il suo sostegno ai tassisti, che hanno compiuto scioperi e dure manifestazioni davanti a Palazzo Chigi.

 Questo il rimprovero che Draghi ha rivolto a Salvini, che si è opposto alla riforma liberalizzante che introduce un decreto sulla concorrenza o sulla concorrenza: “Serve un fermo sostegno all’azione esecutiva, non un sostegno alle proteste non autorizzate e, talvolta, violente contro la maggioranza del governo «.

meloni salvini
Salvini e Meloni

 L’obiettivo di Salvini è quello di prendere la guida della destra ed essere presidente del Consiglio, se la destra vincerà le elezioni.

Una norma non scritta sulla destra italiana indica che il presidente del Consiglio sarebbe il leader del partito che ottiene più voti. 

Se così fosse, quella posizione corrisponderebbe a Giorgia Meloni , ma Salvini spera di imporre la sua candidatura, aggiungendo i voti di Lega e Forza Italia.

Meloni raggiunge il suo obiettivo: elezioni immediate

La vincitrice è stata anche Giorgia Meloni, leader di Fratelli d’Italia, l’unico importante partito di opposizione, che lo ha fortemente favorito nelle urne, al punto da essere la prima forza politica del Paese, con oltre il 23% di intenzione di votare.

 Meloni ha costantemente opposto una durissima opposizione all’Esecutivo Draghi, definendolo regolarmente un “Governo degli incapaci”. 

Meloni chiede da mesi le elezioni generali.

 Li chiede infatti da quando Draghi è entrato in carica come presidente del Consiglio nel febbraio 2021, considerando che l’Italia non poteva continuare con capi di governo che non avevano avuto la legittimità delle urne. 

 Meloni mercoledì ha accusato Mario Draghi di rivendicare pieni poteri: “Draghi viene in Parlamento e infatti chiede pieni poteri, sostenendo che lo chiedessero gli italiani – ha commentato Meloni -.

 Ma in una democrazia la volontà popolare si esprime solo attraverso il voto».

Draghi si è espresso contro tale interpretazione in una breve replica al Senato, alzando la voce riferendosi alla dichiarazione di Meloni: “Il sostegno che ho riscontrato nel Paese mi ha portato a proporre un patto di coalizione e sottoporlo al vostro voto, decidete voi. 

Non c’è richiesta di pieni poteri”, ha detto Draghi. 

Il leader di Fratelli d’Italia, ha l’obiettivo di vincere le elezioni ed essere la prima donna capo di governo in Italia. 

Per accreditarsi come leader affidabile nelle cancellerie occidentali, Meloni si è chiaramente posizionato in linea atlantista, nel campo dei paesi che condannano la Russia per l’invasione dell’Ucraina. 

Allo stesso tempo, non risparmia continui attacchi contro l’attuale assetto dell’Unione Europea, perorando gli interessi dell’Italia.

Berlusconi a suo tempo nominò Draghi alla Banca Centrale Europea, e oggi nega di aver cercato di far cadere il governo, ha dichiarato; “era lui che era stanco ” e ritengo sia la spiegazione più ragionevole.

Dentro i palazzi della Politica

De Ficchy Giovanni

caduta del governo draghi
Mario Draghi

Un dietro le quinte sui fatti politici della settimana

“Ricostruire da capo questo patto”, chiedeva ieri in parlamento il Premier Draghi, ma non è andata esattamente così, ed il governo Draghi è caduto.

Il Presidente Mattarella ha firmato il decreto di scioglimento delle camere, ed ha fissato la data delle consultazioni politiche nazionali, al 25 Settembre.

Sono stati giorni un pò difficili per i comunicatori politici, ora ci dedicheremo per qualche giorno ad altri temi, magari andrò a Pontida, o forse no.

Qualcuno non ha tenuto conto di molti fattori, tra cui la scissione del m5s ma la storia non si fà con i se e tantomeno , con i ma.

Tutte queste provocazioni lanciate dal PD ad esempio, lo Ius Scolae, la Cannabis, hanno sicuramente minato la compattezza dell’ Esecutivo.

Dal punto di vista strategico, la caduta di un governo non fà bene al Nostro paese.

I questi giorni tutto si riposizionerà, sicuramente ma quello che è successo non è bene per l’immagine del nostro paese la caduta del governo, diamo l’impressione di un paese che non riesce ad organizzarsi ,ed avere una linea di governo di lungo periodo.

Una politica che possa durare nel tempo questo sicuramente non attira gli investitori, non è mai un buon segnale,

Gli investitori internazionali, vedono i governi cadere speso ed avere, uno dopo l’altro orientamenti diversi, giallo rossi, Giallo verdi, etc.

Non è sicuramente buono per l’enorme debito pubblico che abbiamo, per la congiuntura economica che si sta creando, vedi l’inflazione.

Il prossimo parlamento dovrà avere una maggioranza coesa, dovrà avere un programma condiviso, ed un orizzonte verso cui andare.

Quello che conta in politica è la strategia, il radicamento sul territorio e soprattutto i voti, il Centro Destra sè sarà unito, sicuramente sbancherà all’uninominale maggioritario.

La battaglia elettorale è ancora tutta da giocare, alcuni forzisti moderati hanno lasciato Forza Italia, perché non sono contenti dell’avvicinamento del partito alla Lega di Salvini.

Queste persone comunque hanno sempre vissuto di luce riflessa, e non credo che siano in grado di brillare di luce propria.

Non credo che ci sarà un area Draghi, perché non credo che Lui ci stia , mi risulta che Draghi prenderà un incarico di livello internazionale, Onu o la Nato.

Siamo sicuri che lo stesso Draghi non abbia voluto lui stesso andare via ?

Liz Truss: ‘Devi farti avanti… Nessun altro lo farà’

De Ficchy Giovanni

La deputata Tory Liz Truss ha combattuto contro il sessismo, lo scandalo e ha affrontato molti topi di Westminster. 

La speranzosa leadership conservatrice Liz Truss ha affermato che la lite irrisolta con l’ UE sul protocollo dell’Irlanda del Nord mostra come “porta a termine le cose”.

Il ministro degli Esteri ha indicato l’attuale disputa sulla Brexit come un esempio della sua consegna, nonostante il suo mancato raggiungimento.

I media la danno in vantaggio per la corsa alla leadership del partito Conservatore e della carica di Primo Ministro

Proprio per la sua adorazione quasi messianica della “Lady di Ferro” potrebbe fare breccia proprio nell’elettorato tory più anziano e tradizionalista.

Secondo l’Europa, è il candidato peggiore

Rishi Sunak e Liz Truss, si disputano il posto di Johnson

La corsa per diventare il nuovo 'premier' britannico raggiunge una fase cruciale
Rishi Sunak e Liz Truss nel dibattito televisivo di domenica
 

 Alla guida dei conservatori britannici

Il favorito della folla Penny Mourdant è stato escluso dalla gara nonostante fosse arrivato secondo in tutti i round precedenti

La corsa per diventare il prossimo Primo Ministro del Regno Unito sta volgendo al termine.

 Dopo essere arrivato primo in tutti e cinque i turni di votazione dei parlamentari del Partito conservatore, l’ex ministro delle finanze britannico Rishi Sunak affronterà il ministro degli esteri britannico, Liz Truss , per succedere all’ancora primo ministro Boris Johnson alla guida dei conservatori, come annunciato mercoledì da Sir Graham Brady , presidente del Comitato 1922.

Il vincitore sarà deciso da un voto tra gli oltre 200.000 membri del partito politico e sarà annunciato il 5 settembre.

I parlamentari conservatori hanno votato tra i numerosi candidati nei turni eliminatori successivi, fino a mercoledì con solo due. 

Truss ha così chiuso lo stretto svantaggio che lo separava da Penny Mordaunt , il favorito degli elettori secondo i sondaggi , assicurandosi un posto al secondo turno con 113 voti contro 105.

Ora affronterà Sunak, che ha guidato la votazione finale con 137 dei 357 voti.

 Entrambi i candidati hanno combattuto in questi giorni per assicurarsi l’appoggio dei membri Tory che avevano sostenuto Kemi Badenoch, che era stata eliminata nel round precedente.

Il preferito dei ‘Tories’

Sunak ha ricevuto milioni di applausi per la sua gestione del coronavirus nel Regno Unito. Tuttavia, la sua popolarità è diminuita con l’aumento della crisi economica nel Regno Unito.

 A quel punto, la sua popolarità aveva già toccato il fondo quando è stato multato dopo lo scandalo “partygate” e dopo che si è scoperto che sua moglie non aveva domicilio fiscale in Gran Bretagna.

La maggior parte dei conservatori è entusiasta delle sue opinioni a favore della Brexit, anche se sospettano anche che abbia deliberatamente accelerato la caduta di Johnson dimettendosi da ministro delle finanze il 5 luglio .

 Inoltre, alcuni parlamentari conservatori temono che il suo ricco passato possa diventare un facile bersaglio di critiche da parte del partito laburista nelle imminenti elezioni generali del 2024. Al contrario della Penny Mordaunt recentemente eliminata, la sua immagine distaccata sta contribuendo ai suoi bassi livelli di popolarità con elettori – i sondaggi suggeriscono che perderà l’ultimo round – anche se la sua esperienza nella gestione dell’economia britannica potrebbe aiutare a cambiare le cose.

Si è ripetutamente scontrato con Truss sulla politica economica durante la campagna politica. Ha anche definito “favola” i tagli alle tasse promessi dal ministro degli Esteri.

 A differenza dei suoi rivali, si descrive come qualcuno che non taglierebbe le tasse finché l’inflazione non sarà sotto controllo: “Non credo che la cosa più responsabile da fare in questo momento sia andare su un’ondata di prestiti inesigibili e più debiti”, ha preso Truss to task la scorsa settimana nel primo dibattito televisivo sulla leadership conservatrice sul “Canale 4”.

corsa accelerata

La campagna del ministro degli Esteri ha preso slancio alla fine, riprendendosi dopo un inizio lento e mettendo fuori combattimento il segretario al commercio Penny Mordaunt.

 La sua posizione appassionata sulle riforme post-Brexit e sui programmi di soccorso per le persone a basso reddito ha funzionato a suo vantaggio per ottenere il sostegno dei suoi colleghi di partito.

 “È ora di essere audaci, di non applicare un approccio “business as usual”, ha detto martedì, riferendosi chiaramente a Sunak, che ha affermato che non avrebbe tagliato le tasse immediatamente.

L’anno scorso, Truss è diventata la seconda donna ministro degli esteri del Regno Unito in tutta la sua storia.

 In breve tempo ha ricoperto diversi incarichi e si è occupato di temi di rilievo nazionale ed internazionale. In qualità di ministro degli Esteri, ha cercato di risolvere la spinosa questione del protocollo dell’Irlanda del Nord, eliminando parti di un accordo UE-Regno Unito post-Brexit, una mossa aspramente criticata dall’UE.

Ora deve affrontare i circa 200.000 “tories”, che dovrà conquistare per diventare il prossimo leader del Partito conservatore britannico e nuovo primo ministro il 5 settembre .

” Plata o plomo” arrestato il boss latitante Gallace

Deve scontare la pena di 20 anni, 11 mesi e 10 giorni di reclusione per associazione mafiosa, traffico di stupefacenti e altri reati

I carabinieri del Ros, con il supporto dello Squadrone Eliportato Cacciatori Calabria e delle Aliquote di Pronto Intervento del Comando Provinciale di Roma, hanno arrestato il latitante Antonio Gallace, 59enne esponente della cosca “Gallace di Guardavalle” operativa da anni sul litorale romano.

Era latitante da novembre 2020, dal momento in cui era stato condannato definitivamente per i reati di 416 bis, associazione mafiosa e associazione finalizzata al traffico di stupefacente.

 L’uomo si nascondeva in un vano di un armadio.

Questo è stato possibile grazie a indagini serrate, ad attività tecniche e di osservazione prolungate nel tempo, che di fatto hanno messo la parola fine alla sua latitanza. 

Si tratta di un vero e proprio boss, allo stile dei ” narcos” colombiani, aveva creato una vera e propria “locale ” di ‘ndrangheta nel litorale romano , ed era quasi arrivato ad uno scontro con il clan Spada.

La ministra Luciana Lamorgese

“Grazie alla professionalità e all’impegno dei carabinieri del Ros, con il supporto del personale dello squadrone Eliportato Cacciatori Calabria e del comando provinciale di Roma – ha aggiunto la titolare del Viminale -, è stato assicurato alla giustizia il pericoloso esponente di una organizzazione criminale che opera anche sul territorio romano mantenendo uno stretto legame con la struttura calabrese.

Ancora una volta l’azione determinata di magistratura e forze di polizia ha inflitto un duro colpo ai sodalizi che, con metodi illeciti, aggrediscono il tessuto economico e sociale della Capitale”.

A seguito delle perquisizioni eseguite è stato rinvenuto materiale di interesse investigativo che sarà sottoposto ad analisi.

De Ficchy Giovanni

Chi comanda a Washington ?

De Ficchy Giovanni

Joe Manchin

Il luogo dove sono state prese le decisioni più importanti dell’anno di presidenza di Joe Biden non è, contrariamente a quanto potrebbe sembrare, lo Studio Ovale. 

In realtà quel posto dista cinque chilometri dalla Casa Bianca e solo tre dal Campidoglio.

È una nave ancorata nel porto turistico di Washington , bianca con una linea scura su entrambi i lati e una bandiera a stelle e strisce che pende a poppa. 

In quella parte posteriore, sotto la bandiera, si legge il nome della nave, che non lascia dubbi su chi sia il suo illustre abitante: «Quasi il cielo» .

Le due parole in inglese significano “quasi in paradiso”, e sono l’inizio di una canzone…

La barca è di Joe Manchin , Almost Heaven, ha attirato molta attenzione nei media nelle ultime settimane.

 Si dice che la barca di Washington del senatore democratico del West Virginia sia una vacanza politica rustica dove troverai birra e pizza ma nessuna pretesa.

Secondo quanto riferito, è stato il luogo dei negoziati del gruppo centrale sul disegno di legge bipartisan sulle infrastrutture che è stato appena firmato in legge dal presidente Biden a novembre. 

Il senatore invita regolarmente i senatori di entrambi i lati del corridoio per le crociere la sera.

Manchin ha detto a TIME che è sorprendente ciò che le persone trovano di avere in comune.

Ha nominato l’attuale leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer di New York un fan della barca, sostenendo che gli piace l’atmosfera della barca. 

È più probabile che tu veda magliette e pantaloncini nell’atmosfera rilassata di Almost Heaven che abiti e cravatte.

Manchin ha interrotto i piani per eliminare o ridurre l’ostruzionismo o approvare il Build Back Better Act da 3,5 trilioni di dollari e, più recentemente, ha rifiutato di sostenere nuove spese per raggiungere gli obiettivi ambientali.

Manchin, venerdì, ha affermato di non poter sostenere una rapida considerazione del clima e delle ambizioni fiscali dell’amministrazione come parte di un più ampio conto di spesa interna.

I democratici per questo sono furiosi per quello che consideravano l’ultimo atto di sabotaggio di Manchin, incolpandolo di aver spostato i pali della porta e fatto saltare in aria elementi chiave di un pacchetto economico in preparazione da mesi.

Ha anche rafforzato la frustrazione per il fatto che il senatore non volesse mai arrivare a un sì su una serie di grandi questioni, non importa come l’amministrazione si senta nei confronti del legislatore, avranno bisogno del suo voto in un Senato 50-50 ancora e ancora e ancora.

Almost Heaven

La Russia aumenta il suo appoggio alla dittatura cubana

DE FICCHY GIOVANNI

La petroliera Aframax battente bandiera della Liberia Suvorovsky Prospect scarica olio combustibile dalla Russia al terminal di Matanzas, a Matanzas, Cuba, il 16 luglio 2022.

Mosca invia 700mila barili di olio combustibile all’Avana per combattere la crisi energetica

Nel mezzo di una crisi energetica senza precedenti a Cuba e delle proteste popolari, la Russia si rivolge al regime cubano. 

Giovedì scorso , la petroliera Aframax Suvorovsky Prospect, battente bandiera liberiana, è arrivata al porto della città di Matanzas , a circa 100 chilometri dall’Avana, con circa 700.

000 barili di olio combustibile (imbarcato nel porto russo di Ust-Luga) il cui valore è stimato in circa 70 milioni di dollari a prezzi di mercato.

Il database marittimo “Equasis” indica che la nave è di proprietà del principale conglomerato marittimo russo Sovcomflot, che è soggetto a sanzioni da parte del Regno Unito, degli Stati Uniti e del Canada a causa dell’invasione russa dell’Ucraina.

 Questa sospensione delle vendite di carburante

Cuba ha aumentato le importazioni di carburante negli ultimi mesi, con l’obiettivo di integrare la produzione interna e le importazioni dal suo alleato politico Venezuela, che sta lottando per produrre abbastanza carburante.

Il ministero degli Esteri cubano non ha risposto a una richiesta di commento. 

Il presidente Miguel Diaz Canel ha criticato gli alti prezzi globali del carburante, che stanno diventando quasi inaccessibili per il Paese.

Un precedente carico di carburante dal porto russo di Vladivostok sull’Oceano Pacifico, sulla petroliera Eco City of Angels, è stato ricevuto a febbraio nello stesso porto cubano.

 Cuba ha anche importato almeno due carichi di greggio russo da marzo, secondo i dati Eikon.

Da marzo gli Stati Uniti e il Canada hanno imposto sanzioni al petrolio e al carburante russi per l’invasione dell’Ucraina, mentre Europa e Gran Bretagna si stanno muovendo verso un embargo di fine anno sulle importazioni di greggio russo.

Ma alcuni paesi dell’America Latina e dei Caraibi hanno continuato a consentire alle petroliere russe di attraccare nei porti o di ricevere importazioni di greggio, carburante e prodotti petrolchimici russi.

 Il governo brasiliano questo mese ha affermato che il paese importerà quanto più diesel possibile dalla Russia per rifornire i conducenti e l’industria agricola.

Bill Browder: “Putin è il leader di un’organizzazione criminale”

Bill Browder ha denunciato le pratiche di corruzione del Cremlino per più di un decennio

Oggi Bill Browder (Princeton, Stati Uniti, 1964) è uno dei principali nemici di Vladimir Putin.

Ha promosso la norma che consente il congelamento dei beni degli oligarchi russi all’estero, la legge Magnitski, che, insieme alle sue indagini, lo hanno reso un punto di riferimento nella lotta alla tirannia del presidente russo.

È stato anche protagonista nel caso dell’ingerenza russa alle elezioni americane del 2016, quando Donald Trump ha considerato la sua estradizione a Mosca per presunti ricatti legati a video con contenuti sessuali.

Prima di essere espulso dal paese quando ha cominciato ad acquistare azioni della Gazprom e di altri colossi energetici.

Il “Sistema Putin” che ha potuto osservare dall’interno, su cui ha scritto alcuni libri.

Racconta del momento dell’ascesa di Vladimir Putin, quando la Russia “era in ginocchio: la ricchezza era concentrata nelle mani di 22 oligarchi, ovunque c’erano squallore, violenza e corruzione, e la durata media della vita era di 57 anni”; sottolinea di non essersi però reso conto di che persona stesse guidando il Cremlino. 

La trama del suo ultimo libro, ‘Embargo Order’ , ritrae lo stato russo come un’organizzazione criminale 

Tutti gli eventi che racconta, non importa quanto sorprendenti ; “una storia vera di riciclaggio, omicidio e sopravvivenza all’ira di Putin.”

Dopo Red Notice, il suo esplosivo bestseller del New York Times, Bill Browder torna con un altro avvincente thriller che racconta di come è diventato il nemico numero uno di Vladimir Putin esponendo la sua campagna per rubare e riciclare centinaia di miliardi di dollari… e uccidere chiunque sia entrato nel suo modo.

Quando il giovane avvocato russo di Bill Browder, Sergei Magnitsky, è stato picchiato a morte in una prigione di Mosca, Browder ha deciso di perseguire i suoi assassini e assicurarsi che fossero assicurati alla giustizia.

Il primo passo nella sua missione è stato scoprire chi c’era dietro la cospirazione per il rimborso delle tasse da 230 milioni di dollari che ha ucciso Magnitsky.

Mentre Browder e il suo team hanno rintracciato i soldi che lasciavano la Russia attraverso il Baltico e Cipro verso l’Europa occidentale e le Americhe, sono rimasti sbalorditi nello scoprire che lo stesso Vladimir Putin stava traendo profitto dal crimine.

Quando le agenzie di sicurezza hanno iniziato a congelare i soldi, Putin ha iniziato a reagire.

Lui e i suoi tirapiedi organizzarono trappole, ingaggiarono giornalisti per inseguire Browder in varie città, assassinarono altri suoi alleati russi e arruolarono alcuni dei migliori avvocati e politici americani per abbatterlo.

Ma Putin non si fermerà davanti a nulla per proteggere i suoi soldi.

la repressione violenta di chiunque si metta sulla sua strada e la manipolazione continua della verità.

“Questi tre elementi sono intrecciati”, racconta via zoom dall’Inghilterra, dove vive sotto scorta “e oggi in Russia si vive in un regime dominato dal terrore”.

Come rivela l’ordine di embargo, è stata la campagna di Browder per smascherare la corruzione di Putin che ha spinto la Russia a intervenire nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016.

Un crimine finanziario, un’avventura internazionale e un’appassionata richiesta di giustizia, Repossession Order è un avvincente racconto ammonitore su come un uomo può affrontare uno dei cattivi più spietati del mondo… e sconfiggerlo.

De Ficchy Giovanni

Le sanzioni stanno funzionando

Metà dei russi lavora solo per il cibo, un quarto ha smesso di pagare i mutui, l’industria automobilistica sta morendo, i farmaci a prezzi convenzionati stanno scomparendo. Continuiamo a seguire l’ascesa trionfale dell’economia russa, resa possibile dalle azioni sagge e risolute del nostro governo, riportandovene un resoconto ogni settimana.

Resoconto settimanale dell’economia russa

*Metà dei russi lavora solo per il cibo, un quarto ha smesso di pagare i mutui, l’industria automobilistica sta morendo, i farmaci a prezzi convenzionati stanno scomparendo.

– Le compagnie petrolifere e del gas ExxonMobil e Shell, da cui dipende l’economia di Sakhalin, stanno lasciando l’isola.

– Non ci sono soldi per spegnere le foreste in fiamme. Le autorità hanno deciso di rinunciare a spegnere alcuni incendi boschivi in Siberia e nelle regioni dell’Estremo Oriente.

Nel distretto autonomo di Chukotka, 22,1 mila ettari di foreste, in Yakutia – 5,8 mila ettari, nella regione di Magadan – 2,2 mila ettari, nel territorio di Krasnoyarsk – 5,6 mila ettari.

Le autorità della Regione di Krasnojarsk hanno spiegato questo fatto con la non convenienza economica, sebbene all’inizio di giugno avessero stanziato altri 200 milioni di rubli per combattere gli incendi.

Dall’inizio dell’anno nelle regioni siberiane sono andati a fuoco circa 364 mila ettari di foresta.

– In Russia, la copertura di Internet si sta deteriorando.

Gli operatori di rete mobile stanno smantellando i router 4G nelle aree scarsamente popolate per spostarli nelle grandi città dove vi è carenza di questi dispositivi.

– I salari dei russi sono crollati del 7,2% ad aprile, come riferisce il Rosstat nel suo rapporto mensile “Sulla situazione socio-economica” del Paese.

– La produzione di automobili in Russia è stata nel mese di maggio 2022 pari al 3,3% di quella del maggio 2021. Dopo l’abbandono da parte delle aziende occidentali, 18 stabilimenti su 20 si sono fermati.

– La metà dei russi spende la maggior parte dei propri soldi per il cibo, il 39% non ha soldi sufficienti per le spese essenziali e un altro 38% fatica ad arrivare a fine mese.

Il 54% dei lavoratori in Russia fa gli straordinari, secondo un sondaggio di HeadHunter.

– Nella maggior parte delle farmacie ospedaliere c’è una carenza di farmaci convenzionati, soprattutto di quelli costosi.

Solo il 22% delle cliniche mediche non ha problemi, hanno dichiarato i medici in un sondaggio condotto da Aktion Medizinna.

– Il 26% dei crediti al consumo in Russia è in sofferenza da oltre tre mesi, ha dichiarato l’Ufficio nazionale delle statistiche sul credito.

– Secondo il servizio Aktion Education, più della metà delle scuole (61%) deve fare i conti con una carenza di carta e un altro 12,9% lamenta la mancanza di cibo per la mensa a causa delle difficoltà di approvvigionamento.

– 1 giorno di guerra costa quanto 1,5 milioni di stipendi medi di un medico

Fonti: Rosstat, RBC, Kommersant, The Moscow New Times, Taiga.info

Il New York Times : ” Roma è sporca e piena di gabbiani”

De Ficchy Giovanni

Gabbiani a Roma

Quando a Roma i gabbiani fanno ciò che più gli piace”

Roma è una città sporca, assediata da gabbiani, attratti nel cuore della capitale da rifiuti che abbondano ad ogni angolo della città eterna.

E’ il gabbiano reale il nuovo padrone de Romape’ l’aria o pe’ tera, lui sta dovunque! 

Forti, aggressivi e determinati ingaggiano quotidianamente lotte feroci con piccioni e altri piccoli animali presenti in città.

Non hanno alcun timore di avvicinarsi alle persone, le attaccano e sembrano i padroni del territorio.

Sembra quasi ambientata nel celebre film di Hitchcock “Gli Uccelli” .

La Roma raccontata dal New York Times, tra i più autorevoli e seguiti giornali statunitensi, che alla capitale d’Italia ha dedicato un lungo e dettagliato articolo, non per celebrarne le bellezze, ma semmai per ricordare come i monumenti, le strade e l’atmosfera dell’intera città siano sotto minaccia di una perenne patina di degrado e lassismo, secondo la testimonianza del giornalista americano autore dell’articolo .

La colpa però non è degli ospiti alati, sottolinea l’articolo del New York Times,

“loro seguono l’ istinto di sopravvivenza e attaccano per difendere i propri piccoli, il problema, semmai, è che Roma è diventata il più grande “all you can eat” per volatili d’Italia”.

Ma se il suo habitat naturale sono i posti di mare, che ce fanno 100 mila gabbiani a Roma?

In che modo la Romania può contribuire all’integrazione europea della
Repubblica di Moldavia?

Antoniu Martin

Antoniu Martin

Come accennato in un precedente articolo, la Romania non può mancare al
capitolo dell’adesione della Repubblica di Moldavia all’Unione europea, capitolo aperto
una volta ottenuto lo status di candidato.
L’adesione all’U.E. è un processo lungo e complesso, una vera sfida per la
società moldava nel suo insieme.

Le riforme che dovranno essere attuate in tutti gli
ambiti della vita economica, sociale, amministrativa, giuridica, convergono verso un
unico obiettivo: innalzare il tenore di vita del cittadino.

Nel prossimo periodo, gli
organismi europei aspettano dalla Repubblica di Moldavia importanti passi, soprattutto
nel campo della giustizia, che riflettino chiaramente la volontà e la determinazione
politica nella lotta contro la corruzione e generino implicitamente l’aumento della fiducia
dei cittadini nell’atto di giustizia.

È un capitolo in cui la Romania può sostenere la
Repubblica di Moldavia, fornendo consulenza.
Un altro aspetto è la necessità di attuare l’acquis comunitario.

In questo senso,
è gradita anche la proposta di un eurodeputato rumeno di fornire alla Repubblica di
Moldavia tutta la documentazione che la Romania possiede e che ha, anche Lei,
implementato a quel momento, nella lingua rumena.
Al di là del sostegno a livello governativo, a carattere finanziario, fornito dalla
Romania, è molto importante approfondire la collaborazione a livello amministrativo tra
entità simili dei due paesi.

Sono già numerosi gli accordi di cooperazione amministrativa
che possono accelerare la crescita della professionalizzazione dell’amministrazione
della Repubblica di Moldavia.

Nel prossimo periodo, l’Unione europea punta ad
aumentare la competitività e la trasparenza amministrativa nella Repubblica di
Moldavia, nonché la capacità di attrarre fondi europei.
La società civile in entrambi i paesi può svolgere un ruolo significativo. Il livello
di coinvolgimento di questo settore nelle questioni generali di un paese è un barometro
rilevante per la maturità democratica.

Anche qui la Romania sarà un riferimento
importante per la Repubblica di Moldavia, tanto più che il suo processo di integrazione
europea sperimenterà, come tutti ci aspettiamo, una dinamica particolare.

“Colosseo d’oro 5.0”: Roma premia le eccellenze

Gennaro Ruggiero

Il premio intende dare il giusto riconoscimento alle eccellenze in vari settori dell’imprenditoria, della creatività e del sociale.

Giunto alla trentunesima edizione, ha avuto un seguito notevole.

A guidare la kermesse è stato il produttore cinematografico Gennaro Ruggiero,

Il premio Colosseo d’Oro 5.0  rappresenta un prestigioso riconoscimento destinato a coloro che hanno contribuito, in Italia ed all’Estero, allo sviluppo ed alla diffusione dell’italianità in ogni settore culturale e/o sociale e dell’imprenditoria, e alle eccellenze amiche dell’Italia, con l’obiettivo principale di una cooperazione tra i popoli per lo sviluppo di un mondo migliore.

In questa edizione, che ha avuto come slogan “Il passato si rinnova” si è cercato di incoraggiare nuove generazioni talentuose e anche se meno giovani, ma con un comprovato talento, anche se queste eccellenze non hanno il giusto risalto mediatico.

A presentare l’evento l’attrice e cantante Angelica Loredana Anton e l’attore e voce narrante Claudio Germanò.

Inoltre l’evento ha visto le esibizioni della cantante venezuelana Gisela  Josefina  Lopez Montilla, il cantautore Tony Riggi, la cantautrice Nico, la cantante Tiziana Raciti,

Angelica Loredana Anton e per terminare con la danza del ventre con Samar e musica araba da sempre fiore all’occhiello della location.

Il premio è stato organizzato sotto l’egida dell’Accademia Cicerone, ente appartenente al Comitato internazionale cooperazione sviluppo (Cics), presieduto da Stefan Cernetic.

La cerimonia di premiazione si è tenuta, in occasione di un pranzo di gala a Roma, nel ristorante “Le mille e una notte” di via Toscana 41, a due passi da Via Veneto.

La serata è stata presentata dall’attrice, scrittrice e cantante Angelica Loredana Anton,

La Redazione

Rai sanzionata e da sanzionare ancora

Canali Rai

Il Comitato Media e Minori ha sanzionato la RAI per aver trasmesso lo scorso 7 gennaio

RAI sanzionata 1,5mln per oscene mancanze di correttezza e pluralismo, se ci trovassimo in un paese civile i direttori delle testate e i vertici sarebbero stati cacciati a pedate, invece qui ;

 scene di inaudite violenza (…) senza l’adozione di opportuni accorgimenti rafforzati”.

Si tratta della puntata Luna Piena della serie tv 9-1-1 trasmessa su Rai 2 il 7 gennaio alle ore 19:40 (a ridosso della fascia protetta per i minori), durante la quale si sono viste queste oscenità:

1. uno psicopatico nudo coperto di sangue abbattuto dalla Polizia mentre divora un uomo
2. un gruppo di donne incinte (una tramite utero in affitto) partoriscono improvvisamente mentre sono in palestra
3. una donna si intrattiene morbosamente a letto con un’altra donna prima di tradirla con l’amante
4. il partner di una coppia gay si contorce con dolore mentre un vigile gli estrae dall’ano un lungo verme…

I cittadini, che mantengono l’azienda attraverso il canone, devono subire , senza che nessuno prenda sul serio questo problema di inaudita gravità.

La RAI è sempre più veicolo dell’ideologia transgender e abortista.

Giorni fa mi stavo guardando un nuovo programma serale di Rai 3.

Si parlava di aborto, sulla scia della rivoluzionaria sentenza pro-vita della Corte Suprema USA.

Facendo intendere che i giudici avevano sbagliato.

Hanno mandato in onda un servizio di pura propaganda contro il diritto all’obiezione di coscienza dei medici italiani.

Gli ospiti presenti in studio – tutti – si sono schierati a favore dell’aborto, attaccando la “cultura cattolica e dei cristiani in generale.

Un messaggio fuorviante, parole ,oltre che gravemente censurabili, visto che contrarie alla legge.

Mi sembrava di assistere ad un programma su una televisione di un paese dittatoriale, dove non esiste la visione differente o contraria.

De Ficchy GIOVANNI

Proteste a Cuba

proteste a cuba
Il fattore scatenante sono stati anche i 
blackout elettrici e l’acuta crisi economica e sanitaria.

Migliaia di cittadini cubani sono scesi in strada a protestare contro la mancanza di generi alimentari , e i continui black out nella città di Pinar del Rio,

Centinaia di cubani nella città di Los Palacios, provincia di Pinar del Río, sono scesi in piazza per protestare a mezzanotte questo giovedì a causa dei continui ed estesi blackout elettrici che si verificano nel paese da diverse settimane.

“Niente più denti”, “Metti la corrente”, “Díaz-Canel Singao” e “Siamo affamati”, sono stati alcuni degli slogan che sono stati cantati.

Pochi minuti dopo, ETECSA, l’unica società di telecomunicazioni a Cuba, ha interrotto l’accesso a Internet in tutto il paese.

Finora non è stato possibile confermare se altri paesi siano scesi in piazza, ma la militarizzazione è diffusa .

Il fattore scatenante sono stati anche i blackout elettrici e l’acuta crisi economica e sanitaria.

la Redazione

L’economia cubana sta attraversando la peggior recessione degli ultimi 30 anni

Secondo le Nazioni Unite il Prodotto interno lordo del paese caraibico è calato del 13% nell’ultimo anno

Manifestazione a Cuba

Cuba sta soffrendo la peggiore recessione economica degli ultimi 30 anni, secondo un rapporto pubblicato questo mercoledì dall’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA).

“L’economia di Cuba ha vissuto la sua peggiore recessione economica degli ultimi tre decenni, come dimostra un calo del 13% del PIL da gennaio 2020 a ottobre 2021, in gran parte dovuto a una restrizione nella fornitura di petrolio, meno turismo dagli Stati Uniti e meno rimesse verso l’isola, ” indica l’entità delle Nazioni Unite.

Gli autori del rapporto prevedono che la crisi ucraina e la recessione economica del Venezuela avranno “effetti diffusi sull’approvvigionamento di petrolio di Cuba, incidendo negativamente sull’industria locale, sulla produzione di energia, sull’agricoltura e sui trasporti”.

Inoltre, il rapporto indica che “le rigide restrizioni alla circolazione attuate dalle autorità sanitarie nazionali per frenare la diffusione del COVID-19 hanno avuto effetti profondi sull’economia dipendente dal turismo.

 Le misure del governo per controllare la diffusione del COVID-19 includevano il divieto di viaggi aerei internazionali e la cessazione delle attività non essenziali che sono durate quasi 20 mesi consecutivi.

Il rapporto rileva invece che “la ripresa economica è progressivamente migliorata negli ultimi due mesi del 2021 a causa dell’apertura delle frontiere ai viaggi internazionali, delle esportazioni di vaccini di produzione nazionale e del rimbalzo nei settori statale e non statale del economia”.

Inoltre, il testo precisa che “Cuba importa circa l’80% del suo fabbisogno alimentare interno (…). La tecnologia agricola è obsoleta, il che si traduce in bassa produttività e perdite elevate, oltre alla sua elevata esposizione a tempeste tropicali, uragani, forti piogge, siccità e terremoti occasionali che complicano ulteriormente la produzione alimentare nazionale.

L’Ufficio delle Nazioni Unite non trascura l'”Ordering Task”, un piano economico che prevedeva lo scioglimento del peso cubano convertibile (CUC).

“Come risultato [dell’Ordenamiento Task], i cittadini devono ora coprire il restante 60% nei mercati non sovvenzionati caratterizzati da prezzi elevati e f