fbpx
-17.6 C
Rome
venerdì, Febbraio 3, 2023

Meloni lancia il piano Mattei

l’Italia debba farsi promotrice di un “piano Mattei” per l’Africa, un modello virtuoso di collaborazione e di crescita tra Unione Europea e nazioni africane, anche per contrastare il preoccupante dilagare del radicalismo islamista, soprattutto nell’area sub-sahariana.

Must read

L’Italia hub europeo per il gas

Enrico Mattei, un grande italiano che fu tra gli artefici della ricostruzione post bellica, capace di stringere accordi di reciproca convenienza con nazioni di tutto il Mondo.

Il presidente del Consiglio Giorgia Meloni ha menzionato la strategia del fondatore dell’Ente Nazionale Idrocarburi (Eni) per scardinare il controllo del mercato da parte delle “Sette Sorelle”.

“Noi non entriamo più come degli estranei in questi Paesi ma in un ambito di cooperazione”.

” L’Eni ha iniziato una nuova formula: dovrà esserci un rapporto diretto tra Paese produttore e Paese consumatore”, dichiarava Mattei 

Finalmente una visione strategica

Le recenti notevoli scoperte di gas nel mediterraneo orientale ,ed in particolare nelle acque al largo di Israele, Cipro ed Egitto sono, invitanti per portare il gas in Italia passando per Cipro, Creta e Grecia.

Il progetto, conosciuto come EastMed, costituisce probabilmente la più grande opportunità di creare realmente un hub in Italia, incidendo significativamente sul quadro degli approvvigionamenti europei

La Sicurezza nel Mediterraneo 

La sicurezza nell’area del Mediterraneo “è quello che ci unisce, non quello che ci divide“, perché “è la precondizione dello sviluppo economico e sociale delle nazioni“.

“La stabilità e la sicurezza nel Mediterraneo”, ha aggiunto il premier, rappresentano “interessi nazionali” ma anche “europei”, che “definiscono la profondità strategica della nostra politica estera”.

Azzeramento gas russo inverno 2024-25

Sulle previsioni per l`azzeramento delle forniture di gas russo “sono positivo, il percorso potrà arrivare a compimento nell’inverno 2024-25, direi che continuando così le cose andranno nel verso giusto”.

Bisogna pensare che solo 2 anni fa l’Algeria dava all’Italia circa 21 miliardi di metri cubi, adesso ha dato 25 miliardi, arriveremo a 28 miliardi l’anno prossimo e poi nel 2024

supereremo ancora.

È davvero un partner strategico che sta aiutando molto l’Italia”

In conclusione, lo sviluppo da molti auspicato di un hub in Italia è certamente molto importante, e può costituire un elemento importante per alleviare la crisi energetica ed aiutare l’Europa a rendersi indipendente dal gas russo.

Il tutto rilanciando il più possibile gli investimenti nelle energie rinnovabili e nello stoccaggio di energia per favorire la decarbonizzazione e l’indipendenza da paesi instabili.

 

 

 

 

 

 

 

 

- Advertisement -spot_img

More articles

Rispondi

- Advertisement -spot_img

Latest article

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: