fbpx
2.6 C
Rome
mercoledì, Febbraio 8, 2023

Il presidente del Perù dichiara lo stato di emergenza nel sud del Paese

Ha detto Boluarte, che ha assunto la presidenza mercoledì scorso dopo la destituzione di Pedro Castillo per il suo tentativo di colpo di Stato . Le proteste contro il suo governo hanno oggi cinque giorni e il cuore del conflitto si trova, paradossalmente, ad Andahuaylas , situato nel dipartimento di Apurímac, città natale del presidente.

Must read

 

Ha proposto di anticipare le elezioni al 24 aprile 2024 per dirimere la crisi che sta scuotendo il Paese e che ha già fatto due morti

La presidente del Perù, Dina Boluarte , ha dichiarato questo lunedì lo stato di emergenza “in aree ad alto conflitto sociale”, in cui le manifestazioni che chiedono le sue dimissioni e nuove elezioni si sono riprodotte con più forza.

E in cui hanno due adolescenti di età 15 e 18 sono morti mentre un altro 19enne è combattuto tra la vita e la morte.

«Dichiaro lo stato di emergenza nelle zone ad alto conflitto sociale. (…).

 Ho dato le istruzioni affinché il controllo dell’ordine interno possa essere ripreso pacificamente senza ledere i diritti fondamentali della cittadinanza”, ha detto in un discorso in cui non ha specificato a quali ambiti si riferisse.

 Tuttavia, come si è scoperto in seguito, ci sono tre regioni nel sud del paese: Apurínac, Arequipa e Ica.

Ex President-of-the-Republic-Pedro-Castillo-held-a-meeting-with-Josep-Borrell-

Di fronte al clima di tensione e alla violenza delle proteste, Boluarte ha ceduto e, nonostante la sua intenzione iniziale fosse di terminare il suo mandato nel luglio 2026, ha annunciato che invierà al Congresso un disegno di legge per anticipare le elezioni .

 “Ho deciso di proporre di anticipare le elezioni ad aprile 2024…
Il  mio dovere è interpretare le preoccupazioni della stragrande maggioranza dei peruviani”.
Ha detto Boluarte, che ha assunto la presidenza mercoledì scorso dopo la destituzione di Pedro Castillo per il suo tentativo di colpo di Stato .

Le proteste contro il suo governo hanno oggi cinque giorni e il cuore del conflitto si trova, paradossalmente, ad Andahuaylas , situato nel dipartimento di Apurímac, città natale del presidente.

Come riportato oggi dall’ufficio del difensore civico di Apurímac, i due morti sono due manifestanti di 15 e 18 anni che hanno perso la vita a causa della repressione della polizia. Un altro 19enne è in coma.

“Sono pienamente consapevole di essere stato eletto, come ho già indicato, dopo quanto accaduto con Castillo, che ha vinto legittimamente le elezioni nel 2021″, ha detto Boluarte.

E aggiungo: “Ho sottolineato che non si trattava di un assegno in bianco, ma di un impegno con il popolo peruviano, con le nostre istituzioni e con la costruzione di un futuro che unisca la democrazia alla crescita economica e alla giustizia sociale”.

Intanto i manifestanti a Lima e in quattordici regioni del Paese andino chiedono che se ne vada non solo lei, ma tutti i deputati, che secondo i sondaggi hanno un’impopolarità dell’86%.

Condoglianze alle famiglie del defunto

Riguardo a coloro che sono morti nei disordini, il presidente ha affermato: “Sono profondamente dispiaciuto per la morte dei nostri compatrioti ad Andahuaylas, Apurímac, la mia terra. Esprimo le mie più sentite condoglianze alla sua famiglia”.

- Advertisement -spot_img

More articles

Rispondi

- Advertisement -spot_img

Latest article

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: