6.3 C
Rome
mercoledì, Dicembre 7, 2022

L’Istituto per la Cultura Italiana

L’I.C.I. lavora per promuovere l’internazionalizzazione dei creatori italiani e delle industrie, associazioni ed enti culturali e realtà creative italiane.

Must read

L’Istituto per la Cultura Italiana nasce da un’idea del:

  • UPEM – Università Popolare Euro Mediterranea , istituzione atta alla formazione e alla didattica generale che fa da supporto e quindi per esso può attivarsi per indire, per il raggiungimento dei propri fini, istituzionali, convegni,
    manifestazioni culturali, meeting, seminari, congressi, conferenze, simposi, mostre, dibattiti, stage e corsi di formazione pratica, aste e lotterie sociali, gare e premi a carattere locale e nazionale, in forma diretta e/o indiretta con altre associazioni e con il patrocinio dello Stato, della Regione, della CEE, degli Enti Locali, di altre istituzioni pubbliche e private, nonché delle Autorità Religiose, comprese le Curie Vescovili, con lo scopo di diffondere la cultura italiana e gli scambi interculturali con tutti i Paesi del mondo.
  • U.P.S.I. Università Popolare per la Sicurezza Integrata, 
  • in particolare svolge attività di formazione e ricerca nei campi della criminologia, delle scienze forensi, della security e dell’ investigazione, oltre che Istituire e gestite corsi per l’orientamento Universitario e professionale in tutti i settori, corsi di insegnamento teorico-pratico a carattere formativo, informativo, di aggiornamento, di specializzazione, di qualificazione, di riconversione e di avviamento professionale, nonché di alfabetizzazione, di integrazione culturale e linguistica, di recupero e indire, per il raggiungimento dei propri fini, istituzionali, convegni, manifestazioni culturali, meeting, seminari, congressi, conferenze, simposi, mostre, dibattiti, stage e corsi di formazione pratica, aste e lotterie sociali, gare e premi a carattere locale e nazionale.
  • UPES – Università Popolare Ensi Sport,
  • Ha lo scopo di promuovere lo studio, la ricerca e la formazione permanente per una cultura, sana onesta e corretta legata alle attività corporee e sportive. Lo scopo è diffondere una filosofia di percepire il movimento come fonte di salute per l’individuo, per intendere la fisicità come un valore fondamentale nel vivere quotidiano, sia individuale che sociale, ai fini di una cooperazione solidale tra i popoli e per vivere l’ambiente nel rispetto della natura, della biodiversità e dell’integrazione. Lo sport educa la mente attraverso il corpo ma è necessaria anche una adeguata formazione ed informazione affinché la pratica sportiva e delle attività connesse venga effettuata nel rispetto delle regole, dell’etica sociale e degli altrui diritti.Tutto ciò per l’Italia: per le sue infinite bellezze storiche sparse sui nostri 300 mila chilometri di penisola uno dei punti di forza del nostro bel Paese, una bellezza che si misura non solo in termini di arricchimento culturale, ma anche in risultati economici.
  • C.I.C.S. – Comitato Internazionale Cooperazione Sviluppo –
  • organizzazione no-profit nata nel 2004 per lo scopo di sostenere i valori della Cooperazione e della solidarietà in Italia e nel mondo, in primis attraverso gli scambi culturali e sostenendo in pieno il lavoro delle Nazioni Unite diffondendone principi e attività, oltre che il pieno sostegno della Carta Internazionale per i diritti umani;
  • Centro Studi Parlamentari –
  • Dipartimento Arte, Cultura e Spettacolo, organizzazione che si propone come supporto alle attività parlamentari per lo sviluppo del Paese, e in questo caso per sostenere ogni attività per diffondere e valorizzare la cultura italiana nel mondo;
  • ACCADEMIA CICERONE,
  • è nata con un obiettivo ambizioso: contribuire all’evoluzione intellettuale ed etica della società, negli ambiti più svariati, attraverso la promozione, in tutte le sue forme, dei valori e della cultura della conoscenza, della sicurezza sociale, della salvaguardia dell’ambiente, delle pari opportunità, dell’integrazione e della solidarietà sociale.

Si stima che la nostra penisola concentri dal 60% al 75% di tutti i beni artistici presenti nel mondo.

A livello globale, il nostro Paese rappresenta quindi un punto di riferimento per chi si occupa d’Arte.

Purtroppo la cultura non viene riconosciuta come un vero e proprio settore produttivo, e gli impatti socioeconomici dei cosiddetti “settori culturali e creativi” non vengono presi in considerazione come dovrebbero.

Secondo un’indagine della rivista US News e dell’Università della Pennsylvania, l’Italia è il primo Paese al mondo per influenza culturale.

L’Italia è praticamente un brand, e anche uno dei più importanti e rilevanti al mondo. Abbigliamento, cibo, architettura, design e musica: delle 179.000 imprese europee in ambito culturale e artistico una su sei parla italiano.

Pertanto, “La bellezza salverà… l’Italia”, ma probabilmente il mondo, e sarà in primis quella italiana.

Il Coordinatore Generale

Prof. Dr. Giovanni De Ficchy

http://www.istitutoculturaitaliana.com/

- Advertisement -spot_img

More articles

Rispondi

- Advertisement -spot_img

Latest article

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: