La battaglia del 2024 inizia con Democratici e Repubblicani senza una chiara leadership

0
19
MIAMI, FLORIDA - NOVEMBER 06: Former U.S. President Donald Trump watches a video of President Joe Biden playing during a rally for Sen. Marco Rubio (R-FL) at the Miami-Dade Country Fair and Exposition on November 6, 2022 in Miami, Florida. Rubio faces U.S. Rep. Val Demings (D-FL) in his reelection bid in Tuesday's general election. Joe Raedle/Getty Images/AFP
 

I due maggiori partiti negli Stati Uniti sono in un vicolo cieco: né Biden né Trump sono buone opzioni ma vogliono la rielezione

Alla fine di gennaio 2021, era difficile immaginare che Donald Trump e Joe Biden sarebbero stati candidati desiderabili per le elezioni del 2024.

Michael Cohen: “Donald ha un ego fragile quindi non c’è un pannolino abbastanza grande per lui”

Gran parte della colpa per le perdite a medio termine del GOP viene attribuita ai piedi dell’ex presidente, in particolare di coloro che gli erano precedentemente fedeli.

L’ex avvocato personale di Donald Trump, Michael Cohen, non è sorpreso dalla reazione dell’ex presidente o del Partito Repubblicano.

 “Al Partito Repubblicano non importa più quello che Donald ha da dire”, dice Cohen.

Gli elettori hanno respinto molti candidati di destra che abbracciano il nazionalismo cristiano. 

Tuttavia, la crescente minaccia del nazionalismo cristiano sopravvive nella politica americana.

 Il Rev. Dr. Serene Jones e l’editorialista Anthea Butler si sono uniti ad American Voices con Alicia Menendez per discutere di come alcuni legislatori del GOP stiano usando la religione per costruire il potere. 

 

Rispondi