Diciassette dispersi e più di 60 feriti in un grande incendio a Cuba

Giovanni De Ficchy

Questo sabato a mezzogiorno è stato confermato il primo cubano morto durante il tragico incendio denunciato nella provincia di Matanzas.
L’informazione è stata pubblicata sul suo account Twitter dall’attivista per i diritti umani Jorge Castro, il quale ha anche affermato che il defunto era un membro dei vigili del fuoco.

È iniziata venerdì dopo una scarica elettrica che ha colpito un serbatoio di olio da 50.000 metri cubi nella città di Matanzas.

Almeno 17 persone sono disperse e 67 ferite, tre delle quali in condizioni critiche, è il bilancio dell’incendio di grande entità scoppiato venerdì sera alla Base Supertanker di Matanzas, Cuba, a seguito di una scarica elettrica che ha colpito un cisterna da 50.000 mc di greggio.

Rigel Rodríguez Cubells , direttore della Divisione Marketing Territoriale dei Carburanti di Matanzas, ha spiegato che la Base Supertanker, che ha otto serbatoi, ha un sistema di parafulmini, ma a quanto pare lo scarico era più alto di quello che poteva proteggere.

Finora le autorità non sono riuscite a estinguere l’incendio, che si è esteso a un quarto serbatoio di stoccaggio del carburante. 

“Le forze delle fiamme sono ancora forti e possono essere viste da vari punti della città”, ha affermato il quotidiano Girón, un media locale.

Le autorità cubane hanno schierato diverse unità di salvataggio. 

In diverse immagini si vedono elicotteri caricare acqua dalla baia per cercare di raffreddare i serbatoi che si trovano vicino all’area bruciata.

 Tuttavia, il lavoro non ha avuto successo, l’incendio è ancora fuori controllo e, per questo, il governo cubano ha chiesto aiuto e consigli a paesi con esperienza nel settore petrolifero.

“Serve un aiuto internazionale. 

Le immagini mi ricordano Chernobyl. Consiglio a tutte le persone di Matanzas di stare lontano dal posto per salvarsi dai gas tossici”, ha avvertito Pentón, un giornalista cubano con sede a Miami.

Si presume che gli scomparsi siano, per la maggior parte, giovani tra i 17 ei 19 anni, che hanno svolto il servizio militare nelle unità di soccorso e soccorso, e sono stati mandati a spegnere l’incendio.

I vigili del fuoco cubani continuano a lavorare per spegnere l’incendio a Matanzas

Rispondi