Le sanzioni stanno funzionando

sulle sanzioni alla russia

Metà dei russi lavora solo per il cibo, un quarto ha smesso di pagare i mutui, l’industria automobilistica sta morendo, i farmaci a prezzi convenzionati stanno scomparendo. Continuiamo a seguire l’ascesa trionfale dell’economia russa, resa possibile dalle azioni sagge e risolute del nostro governo, riportandovene un resoconto ogni settimana.

Resoconto settimanale dell’economia russa

*Metà dei russi lavora solo per il cibo, un quarto ha smesso di pagare i mutui, l’industria automobilistica sta morendo, i farmaci a prezzi convenzionati stanno scomparendo.

– Le compagnie petrolifere e del gas ExxonMobil e Shell, da cui dipende l’economia di Sakhalin, stanno lasciando l’isola.

– Non ci sono soldi per spegnere le foreste in fiamme. Le autorità hanno deciso di rinunciare a spegnere alcuni incendi boschivi in Siberia e nelle regioni dell’Estremo Oriente.

Nel distretto autonomo di Chukotka, 22,1 mila ettari di foreste, in Yakutia – 5,8 mila ettari, nella regione di Magadan – 2,2 mila ettari, nel territorio di Krasnoyarsk – 5,6 mila ettari.

Le autorità della Regione di Krasnojarsk hanno spiegato questo fatto con la non convenienza economica, sebbene all’inizio di giugno avessero stanziato altri 200 milioni di rubli per combattere gli incendi.

Dall’inizio dell’anno nelle regioni siberiane sono andati a fuoco circa 364 mila ettari di foresta.

– In Russia, la copertura di Internet si sta deteriorando.

Gli operatori di rete mobile stanno smantellando i router 4G nelle aree scarsamente popolate per spostarli nelle grandi città dove vi è carenza di questi dispositivi.

– I salari dei russi sono crollati del 7,2% ad aprile, come riferisce il Rosstat nel suo rapporto mensile “Sulla situazione socio-economica” del Paese.

– La produzione di automobili in Russia è stata nel mese di maggio 2022 pari al 3,3% di quella del maggio 2021. Dopo l’abbandono da parte delle aziende occidentali, 18 stabilimenti su 20 si sono fermati.

– La metà dei russi spende la maggior parte dei propri soldi per il cibo, il 39% non ha soldi sufficienti per le spese essenziali e un altro 38% fatica ad arrivare a fine mese.

Il 54% dei lavoratori in Russia fa gli straordinari, secondo un sondaggio di HeadHunter.

– Nella maggior parte delle farmacie ospedaliere c’è una carenza di farmaci convenzionati, soprattutto di quelli costosi.

Solo il 22% delle cliniche mediche non ha problemi, hanno dichiarato i medici in un sondaggio condotto da Aktion Medizinna.

– Il 26% dei crediti al consumo in Russia è in sofferenza da oltre tre mesi, ha dichiarato l’Ufficio nazionale delle statistiche sul credito.

– Secondo il servizio Aktion Education, più della metà delle scuole (61%) deve fare i conti con una carenza di carta e un altro 12,9% lamenta la mancanza di cibo per la mensa a causa delle difficoltà di approvvigionamento.

– 1 giorno di guerra costa quanto 1,5 milioni di stipendi medi di un medico

Fonti: Rosstat, RBC, Kommersant, The Moscow New Times, Taiga.info

Rispondi