L’economia cubana sta attraversando la peggior recessione degli ultimi 30 anni

Secondo le Nazioni Unite il Prodotto interno lordo del paese caraibico è calato del 13% nell’ultimo anno

Manifestazione a Cuba

Cuba sta soffrendo la peggiore recessione economica degli ultimi 30 anni, secondo un rapporto pubblicato questo mercoledì dall’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA).

“L’economia di Cuba ha vissuto la sua peggiore recessione economica degli ultimi tre decenni, come dimostra un calo del 13% del PIL da gennaio 2020 a ottobre 2021, in gran parte dovuto a una restrizione nella fornitura di petrolio, meno turismo dagli Stati Uniti e meno rimesse verso l’isola, ” indica l’entità delle Nazioni Unite.

Gli autori del rapporto prevedono che la crisi ucraina e la recessione economica del Venezuela avranno “effetti diffusi sull’approvvigionamento di petrolio di Cuba, incidendo negativamente sull’industria locale, sulla produzione di energia, sull’agricoltura e sui trasporti”.

Inoltre, il rapporto indica che “le rigide restrizioni alla circolazione attuate dalle autorità sanitarie nazionali per frenare la diffusione del COVID-19 hanno avuto effetti profondi sull’economia dipendente dal turismo.

 Le misure del governo per controllare la diffusione del COVID-19 includevano il divieto di viaggi aerei internazionali e la cessazione delle attività non essenziali che sono durate quasi 20 mesi consecutivi.

Il rapporto rileva invece che “la ripresa economica è progressivamente migliorata negli ultimi due mesi del 2021 a causa dell’apertura delle frontiere ai viaggi internazionali, delle esportazioni di vaccini di produzione nazionale e del rimbalzo nei settori statale e non statale del economia”.

Inoltre, il testo precisa che “Cuba importa circa l’80% del suo fabbisogno alimentare interno (…). La tecnologia agricola è obsoleta, il che si traduce in bassa produttività e perdite elevate, oltre alla sua elevata esposizione a tempeste tropicali, uragani, forti piogge, siccità e terremoti occasionali che complicano ulteriormente la produzione alimentare nazionale.

L’Ufficio delle Nazioni Unite non trascura l'”Ordering Task”, un piano economico che prevedeva lo scioglimento del peso cubano convertibile (CUC).

“Come risultato [dell’Ordenamiento Task], i cittadini devono ora coprire il restante 60% nei mercati non sovvenzionati caratterizzati da prezzi elevati e forniture irregolari”, si legge nel rapporto.

Il rapporto delle Nazioni Unite aggiunge che Cuba è il principale paese di origine dei migranti in termini assoluti nei Caraibi con più di un milione di migranti/esuli (dal 10 al 15% della sua popolazione) all’estero.

“Durante il periodo 2019-2021, circa l’1,6% della popolazione totale dell’isola ha lasciato il Paese, con Stati Uniti, Messico e Canada che sono stati i principali paesi di destinazione dei recenti flussi migratori”, dettaglia il rapporto.

Rispondi