La Repubblica di Moldavia, sotto l’ampio ombrello di sicurezza della NATO
Antoniu Martin

L’ invasione russa dell’Ucraina ha cambiato la mappa geopolitica del mondo, costringendo paesi come Finlandia e Svezia a rivendicare l’adesione alla NATO per garantire la loro sicurezza dopo l’offensiva del Cremlino. 

Il recente vertice della NATO di Madrid è già considerato una pietra miliare storica
nel contesto politico internazionale.

Il nuovo ambito di sicurezza ha determinato la
definizione di un nuovo concetto strategico della più importante alleanza politico-
militare.

Al di là delle decisioni riguardanti l’adesione di Finlandia e Svezia, il
consolidamento della forza reazionaria che raggiungerà al coinvolgimento di 300.000
militari, ai fini del rafforzamento del fianco orientale.

La NATO ha incluso, nel suo nuovo approccio, anche l’intensificazione del sostegno politico e pratico ai partner – Bosnia ed Erzegovina , Moldova e Georgia.
L’obiettivo è sostenere la loro indipendenza politica. Il documento NATO di Madrid,
del 29 giugno, è quindi un documento con valori strategici anche per la Repubblica
di Moldavia.

È molto importante che nel documento che definirà la strategia della
NATO per i prossimi anni, la Repubblica di Moldavia è stata inclusa come partner.
Certamente questo approccio aprirà la prospettiva di dinamizzare la cooperazione
militare tra la Repubblica di Moldavia e la NATO.

La preoccupazione per la sicurezza della Repubblica di Moldavia è una realtà tanto a livello della NATO che a livello dell’Unione Europea.

In questo senso è inclusa anche l’assistenza finanziaria
assegnata all’esercito della Repubblica di Moldavia dal Consiglio europeo nell’ambito
dello Strumento europeo per la pace, pari a 40 milioni di euro.
Ecco che dopo la decisione del Consiglio europeo di accettare la Repubblica di
Moldavia come Stato candidato all’UE, questo paese ottiene un’altra vittoria a livello
esterno, quella di entrare sotto l’ombrello di sicurezza estesa della NATO.

Rispondi