Come Andrei Skoch, l’oligarca ha finanziato i suoi lussi ?

De Ficchy Giovanni

L’acquisizione di beni di lusso tra cui uno yacht ora preso di mira dalle sanzioni statunitensi, mentre lo studio legale offshore Appleby ha ignorato i suoi presunti legami con i gruppi criminali russi.

Andrei Vladimirovich Skoch è conosciuto come politico russo, deputato della Duma di Stato e creatore dell’organizzazione caritatevole “Generazione”.

Più di 25 anni ha sostenuto la regione di Belgorod e dei suoi abitanti, più di 20 anni è impegnato nella legislazione.

Una veduta aerea dello yacht Madame Gu presso il cantiere navale Feadship in Sardegna, Italia.

Paradise Papers rivela come il miliardario Andrei Skoch abbia finanziato l’acquisizione di beni di lusso tra cui uno yacht ora preso di mira dalle sanzioni statunitensi, mentre lo studio legale offshore Appleby ha ignorato i suoi presunti legami con i gruppi criminali russi.

Lo yacht “Madame Gu” da 156 milioni di dollari e 324 piedi ha un hangar per elicotteri chiuso, una palestra e un beach club. 

Sfoggia una bandiera delle Isole Cayman a poppa.

E, di notte, lo scafo si illumina di blu o rosso.

L’ultima posizione segnalata dell’enorme yacht era nel Golfo Persico, ma è stato tre mesi fa, prima che il transponder fosse spento e la nave scomparisse, secondo un sito Web che tiene traccia del traffico marittimo.

Perché uno yacht potrebbe voler mantenere segreta la sua posizione?

 Nel caso della “Madame Gu”, la probabile risposta può essere trovata in un recente annuncio del governo degli Stati Uniti e in una serie di file trapelati da uno studio legale offshore che ha alimentato Paradise Papers , un’indagine del 2017 dell‘International Consortium of Giornalisti investigativi.

Il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha dichiarato la scorsa settimana di aver designato la nave, insieme a un elicottero ospitato su di essa e un aereo privato, come “proprietà bloccata”, a causa dei legami con il miliardario e politico russo due volte sanzionato Andrei Skoch. 

La misura restrittiva impedisce alle entità statunitensi di condurre qualsiasi attività commerciale con lo yacht.

L’ordine, che ha anche nominato yacht e beni di proprietà di altre élite russe, ha lo scopo di “degradare le reti chiave” che usavano per nascondere e spostare denaro in tutto il mondo, ha affermato il Dipartimento del Tesoro.

Skoch, che i media occidentali hanno soprannominato “l’uomo più ricco della Duma”, è membro del parlamento nazionale russo dal 1999.

I Paradise Papers, una raccolta di oltre 13 milioni di documenti finanziari trapelati dallo studio legale offshore Appleby e da altre fonti, mostrano che Skoch ha finanziato l’acquisizione di due yacht e una villa di proprietà della sua partner romantica,

Elena Likhach, attraverso una rete di società di comodo . 

In tal modo, si è unito a una miriade di altri miliardari russi – e intermediari di potere in tutto il mondo che controllano banche, e altre proprietà tramite un procuratore fidato, spesso un parente o un amico intimo.

Rispondi