Stoltenberg annuncia il dispiegamento di truppe Nato sul fianco orientale

 Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO

Il segretario generale dell’Alleanza sottolinea che “il dialogo con la Russia non è sul tavolo. Mosca ha scelto il confronto»

La NATO aumenterà la sua presenza nell’Europa orientale e dispiegherà più truppe per superare i 300.000 soldati nelle posizioni più vicine al confine con la Russia.

Lo ha annunciato Jens Stoltenberg, segretario generale della NATO , il quale ha affermato che l’Alleanza si prepara a concordare un rafforzamento della sua presenza militare al confine orientale basato su unità “preposizionate” che avranno depositi di materiale nell’area dove possono essere schierati se necessario, poiché “lo spostamento dei soldati può essere fatto rapidamente, ma lo spostamento di materiale pesante richiede sempre più tempo”.

 Questi gruppi di combattimento (“battlegroup”) avranno dimensioni equivalenti a una brigata e i loro componenti effettueranno frequenti manovre a terra in coordinamento con i militari del paese ospitante, per familiarizzare anche con il terreno.

Stoltenberg ha definito questo dispiegamento “deterrente”.

Per quanto riguarda la Russia, Stoltenberg ha affermato che “un dialogo significativo con la Russia non è sul tavolo”.

 ” La Russia ha scelto lo scontro “, ha aggiunto prima di intraprendere il viaggio per partecipare al vertice dei capi di Stato e di governo che si terrà a Madrid. 

Il Segretario Generale dell’Alleanza ha ricordato che nell’attuale formulazione del concetto strategico della Nato, che sarà rinnovato in questo incontro, la Russia è stata definita un “partner strategico”. 

Quel documento “fu approvato nel 2010 in un vertice di Lisbona a cui partecipò come ospite l’allora presidente russo, Dimitri Medvedev”, in segno di fiducia.

In relazione all’adesione di Svezia e Finlandia alla Nato, Stoltenberg ha chiarito di ” non aver mai detto che l’obiettivo fosse farlo al vertice “, ma ha insistito sul fatto che “lavoreremo intensamente per avanzare il più rapidamente possibile” tenendo conto che nell’incontro di Madrid «sono presenti tutti i leader» . 

Per questo si è detto soddisfatto che il presidente turco, Recep Tayip Erdogan, il primo ministro svedese, Magdalena Anderson, e il presidente finlandese, Sauli Niinistö, abbiano accettato il suo invito a incontrarsi domani a Madrid.

Convegno Mato a Madrid

Rispondi