La Corte Suprema degli Stati Uniti annulla il diritto all’aborto

0
20
Corte Suprema

La Corte Suprema degli Stati Uniti ha ribaltato la storica Roe vs. Wade Act del 1973 che riconosceva il diritto costituzionale di una donna all’aborto e lo legalizzava in tutto il paese, consegnando una vittoria epocale a repubblicani e conservatori religiosi per limitare o vietare l’aborto.

La corte, con una sentenza 6-3 spinta dalla maggioranza conservatrice, ha confermato una legge del Mississippi sostenuta dai repubblicani che vietava gli aborti dopo 15 settimane .

 La legge del Mississippi era stata bloccata dai tribunali di grado inferiore come violazione del precedente della Corte Suprema sul diritto all’aborto. 

Ora i giudici ritengono che il Roe vs. Wade è stato deciso erroneamente perché la Costituzione degli Stati Uniti non menziona specificamente il diritto all’aborto .

Rimuovendo l’aborto come diritto costituzionale, la sentenza ripristina la capacità degli stati di approvare leggi che lo proibiscano. 

Ventisei stati sono considerati sicuri o probabilmente vieteranno l’aborto.

 Il Mississippi è tra i 13 stati che hanno già le cosiddette “leggi trigger” progettate per vietare l’aborto se Roe v. Guadare.

È probabile che l’aborto rimanga legale negli stati liberali . Attualmente, più di una dozzina di stati hanno leggi che proteggono il diritto all’aborto. 

Numerosi stati a guida repubblicana hanno approvato varie restrizioni all’aborto a dispetto del precedente Roe negli ultimi anni.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, i rappresentanti del Partito Democratico e delle organizzazioni favorevoli all’aborto non hanno molte opzioni per opporsi alla decisione dell’Alta corte, come ha già riportato Roma Sera Giornale  

Quello che Biden, i Democratici ei loro alleati faranno senza dubbio è fare la guerra per le strade.

Rispondi