Gheorghe Falcă, europarlamentare rumeno:
“L’Europa consolida il suo sostegno alla Repubblica di Moldavia”

La valutazione fatta dall’europarlamentare rumeno Gheorghe Falcă – gruppo
PPE – qualche settimana fa, sulle politiche pubbliche nei confronti della Repubblica
di Moldavia è convalidata dallo speciale rapporto che si è cristallizzato tra Chişinău e
Bruxelles in questo periodo.
Dopo la presentazione ufficiale della domanda di adesione all’UE – il 3
marzo 2022 -, la Repubblica di Moldavia ha intrapreso inequivocabilmente la via
europea, in tal senso ha sviluppato e sta sviluppando una diplomazia europea
proattiva.
Il discorso della Presidente Maia Sandu, nel Parlamento Europeo –
istituzione che ha dato il via libera allo status di Stato candidato della Repubblica di
Moldavia, gli incontri con i funzionari europei, la visita ad alto livello a Parigi,
l’incontro con il presidente francese Emmanuel Macron e ultima, ma non meno
importante, la diplomazia pubblica svolta da organizzazioni non governative a favore
dell’adesione alla Comunità Europea si iscrivono in questo contesto.
La posta in gioco concreta di questo approccio diplomatico è il Consiglio
europeo del giugno 2022, quando verrà deciso dai rappresentanti di alto livello degli
Stati membri se la Repubblica di Moldova otterrà lo status di paese candidato
all’adesione all’UE.
Durante la sua visita a Chişinău in questi giorni, il presidente della Francia,
Emmanuel Macron, ha assicurato di sostenere il percorso europeo della Repubblica
di Moldavia. Va sottolineato che la Romania è stata ed è un vero ambasciatore di
questa iniziativa, a tutti i livelli politico-diplomatici, e che un ruolo speciale è svolto
dagli europarlamentari rumeni che, ai sensi delle affermazioni di Gheorghe Falcă,
sono fiduciosi nel destino europeo della Repubblica di Moldavia.
Il momento storico che tutti aspettiamo – nello specifico la decisione
favorevole del Consiglio europeo – aprirà la strada a riforme strutturali, istituzionali,
economiche e sociali in questo Paese, che porteranno senza dubbio ad un aumento
del tenore di vita dei suoi cittadini.

Rispondi