Site icon Roma Sera Giornale

Biden va a chiedere l’elemosina a uno stato “paria”.

Joe Biden ha dei principi.

 E se non ti piacciono, ne ha altri.

Quell’espressione grouchmarxiana riassume praticamente la posizione di questo presidente riguardo ai nostri “amici” sauditi. 

Sai, quelli che gli hanno detto di battere la sabbia un paio di mesi fa quando è venuto da loro, cappello in mano, e li ha implorati di aumentare la loro produzione di petrolio.

I nostri dolori collettivi con il gas sono solo peggiorati da allora, quindi se ne andrà di nuovo, alla fine di questo mese. 

Come riporta The Hill :

Il presidente Biden ei suoi funzionari stanno gettando le basi per un incontro di alto profilo con il principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, invertendo la rotta sulla promessa della campagna di isolare il potente leader del Golfo.

La tensione tra Stati Uniti e Arabia Saudita è alta su una serie di questioni, dalla repressione dell’opposizione da parte del governo saudita e il suo ruolo nell’uccisione di un giornalista d’opinione del Washington Post, alle azioni di Riyadh nella guerra in Yemen.

Hanno dimenticato un’altra “tensione” – quella della volontà dell’amministrazione Biden di cedere ad ogni passo ai mullah iraniani nel tentativo di ricucire il terribile accordo nucleare di Barack Obama, grazie al quale l’Iran ora ha abbastanza uranio per produrre un’arma nucleare.

Come cambiano i tempi. 

Ecco Tough-Talkin’ Joe durante uno dei dibattiti demo nel 2019:

Vorrei chiarire molto chiaramente che non avremmo venduto loro più armi, anzi, avremmo fatto pagare loro il prezzo e renderli, di fatto, i paria che sono. C’è molto poco valore di redenzione sociale del — nell’attuale governo in Arabia Saudita.

L’ultimo kowtow di Biden è, come osserva il Washington Post , “un notevole allontanamento dal suo voto di candidato alla presidenza di trattare il paese come uno stato ‘paria’, secondo tre funzionari dell’amministrazione che hanno chiesto l’anonimato per condividere i dettagli di un viaggio non ancora annunciato .”

Il Post continua: “Il rapporto tra Stati Uniti e Arabia Saudita si è rotto dopo l’uccisione nel 2018 di Jamal Khashoggi, editorialista del Washington Post e critico esplicito del governo saudita. 

L’intelligence americana ha concluso che Mohammed bin Salman, il principe ereditario e leader de facto, ha ordinato l’uccisione di Khashoggi”.

Il Post potrebbe aver aggiunto che i teppisti del principe ereditario hanno poi fatto a pezzi Khashoggi. 

Ma ehi, non si tratta di qualche giornalista fastidioso. Riguarda i numeri di approvazione di Joe Biden.

Quei “paria” sauditi devono ridere a crepapelle.

Ma perché fare quel viaggio? 

Perché fare schifo ai sauditi ancora una volta? Il petrolio estratto dal suolo nella penisola arabica è in qualche modo migliore per l’ambiente o l’economia americana del petrolio estratto dal suolo in Texas?

 O dal vicino Canada attraverso il gasdotto Keystone XL ora cancellato?

 O da quel vasto deserto settentrionale noto come Arctic National Wildlife Refuge? 

No. Infatti, dato che la nostra tecnologia di perforazione è così avanzata e i nostri standard ambientali così elevati, è sicuramente peggio per l’ambiente.

Che spreco di potenziale. 

Scranton Joe non sa che i lavori domestici nel settore energetico sono lavori ben pagati? Inoltre, non sa che gli Stati Uniti sono in cima a più riserve di petrolio di qualsiasi altro paese al mondo, più dell’Arabia Saudita o della Russia?

 Ovviamente lo sa.

 Eppure preferisce uccidere i principi sauditi e buttare dollari americani nelle loro casse.

Come il nostro Nate Jackson ha scherzato , Biden ha apparentemente un nuovo triste slogan: Drill, baby, drill – ovunque tranne che qui.

Qualcun altro desidera ardentemente quei terribili giorni ultra-MAGA in cui eravamo indipendenti dal punto di vista energetico e il prezzo alla pompa era di due dollari al gallone?

Exit mobile version