Banchiere di New York ed erede di una ricca famiglia italiana accusato di aver rubato un’eredità di 4,1 milioni di dollari

banchiere italiano nei guai

Priscilla De Gregory

N.Y. Post

Una nuova causa accusa un banchiere di New York – erede di una ricca famiglia italiana – di aver rubato 4,1 milioni di dollari dall’eredità di sua sorella e suo fratello.

Giorgio Tupini, 36 anni, che lavora nella finanza a New York, è stato temporaneamente affidato a 7,6 milioni di dollari che suo padre Sergio Tupini, 71 anni, lo ha lasciato da condividere con i suoi due fratelli Priscilla, 34 anni, e Federico, 20, secondo la causa della Corte Suprema di Manhattan dalla settimana scorsa.

Sergio, un avvocato di Roma, in Italia, aveva ottenuto i soldi dalla sua defunta madre, Maria Teresa de Martino, la figlia di un ricco industriale del tabacco che valeva almeno 23 milioni di dollari quando morì a 90 anni nel maggio 2021, secondo la causa e l’avvocato di Sergio.

Ma Giorgio, che avrebbe fatto trasferire i fondi da un conto svizzero a un conto bancario di New York Chase che controllava a luglio e agosto del 2020, è poi svanito, le richieste di deposito.

“Giorgio, Priscilla, Federico e Sergio hanno accettato di utilizzare il conto Chase Bank come depositario temporaneo dell’eredità dei figli perché il conto era disponibile per ricevere i fondi in quel momento”, afferma la causa.

 «E perché si presumeva (erroneamente) che Giorgio, professionista dei servizi finanziari, fosse la persona più qualificata per amministrare il conto e poi fare i necessari trasferimenti di fondi ai suoi familiari».

A Giorgio Tupini, 36 anni, che lavora nella finanza a New York, sono stati temporaneamente affidati 7,6 milioni di dollari che suo padre Sergio Tupini, 71 anni, lo ha lasciato da condividere con i suoi due fratelli, Giorgio è ora accusato di aver rubato i soldi.
A Giorgio Tupini, 36 anni, che lavora nella finanza a New York, sono stati temporaneamente affidati 7,6 milioni di dollari che suo padre Sergio Tupini, 71 anni, lo ha lasciato da condividere con i suoi due fratelli, secondo la causa.

Giorgio avrebbe trasferito solo $ 1 milione ai suoi fratelli il 1 ° febbraio 2022, nonostante il fatto che a Federico e Priscilla fossero dovuti poco più di $ 5 milioni combinati, afferma il deposito.

Sergio ha provato a chiamare e inviare un’e-mail a suo figlio in “numerose occasioni” da allora, ma Giorgio non ha risposto e non ha più inviato i restanti $ 4,1 milioni ai suoi fratelli, affermano i documenti del tribunale.

Apparentemente Giorgio da allora si è trasferito dal suo appartamento di Greenpoint, a Brooklyn, e nessuno in famiglia sa dove vive attualmente, afferma la causa.

Priscilla Tupini e suo fratello minore, Federico, stanno uscendo dalla loro eredità.
Priscilla Tupini e suo fratello minore, Federico, sono stati strappati via dalla loro eredità, afferma la loro causa.

Un giudice di New York martedì ha accolto la richiesta di Sergio di congelare il conto bancario Chase, anche se la famiglia non sa quanto dei loro soldi rimangano in esso, secondo l’avvocato di Sergio Jay Freiberg.

“Volevano mettere i soldi nel nome dei tre bambini”, ha detto Freiberg a The Post. “Giorgio era in finanza, il ragazzo più grande, ha detto ‘mandamelo negli Stati Uniti. Me ne prenderò cura.'”

“Quando arriva il momento di rispedirlo a Federico e a Priscilla, Giorgio ha restituito solo $ 1 milione”, ha affermato Freiberg. “L’ha definita la prima tranche e da allora è diventato MIA”.

Sergio Tupini, un avvocato di Roma, in Italia, aveva ottenuto i soldi dalla sua defunta madre, Maria Teresa de Martino.
Sergio Tupini, un avvocato di Roma, in Italia, aveva ottenuto i soldi dalla sua defunta madre, Maria Teresa de Martino.

“Penso che sia guidato dall’avidità e forse da una disputa con suo padre”, ha detto Freiberg delle azioni di Giorgio.

“Sta chiaramente derubando la sua famiglia ed è roba piuttosto seria.”

“È un peccato quello che Giorgio sta facendo ai suoi fratelli e non vediamo l’ora che la corte continui a rettificare quel torto”, ha detto Freiberg.

Non è stato possibile trovare un numero di telefono funzionante per Giorgio.

Rispondi