Uno scandalo sessuale irrompe nella campagna di Macron per le elezioni legislative

melechon

Rachida Dati, ex ministro conservatore della Giustizia, ha chiesto alla Procura di Stato di aprire un’indagine penale contro Gilles Le Gendre, figura eminente de La República En Marcha (LREM)

Nuovo scandalo di molestie sessuali e morali di una certa gravità politica: Rachida Dati , ex ministro conservatore della giustizia, ha chiesto alla Procura dello Stato di aprire un’indagine penale contro Gilles Le Gendre , figura eminente de La República En Marcha (LREM), La festa di Emmanuel Macron .

A undici giorni dal primo turno delle elezioni legislative che confermeranno una profonda trasformazione politica del panorama politico francese, le denunce di molestie sessuali e morali sono diventate una questione elettorale dominante.

Taha Bouhafs (25 anni), figura politica dell’estrema sinistra populista , è stato costretto a rinunciare alla sua ambizione di essere eletto deputato, dopo le rivelazioni di diversi compagni di partito, La France Insumisa (LFI) , il partito di Jean-Luc Mélenchon , accusandolo apertamente di “comportamento inappropriato”.

Rachida Dati, già ministro della Giustizia
Rachida Dati, ex ministro della Giustizia – AFP

Settimane dopo, Damien Abad , ministro della Solidarietà, parzialmente incapace, è stato denunciato da un piccolo gruppo di femministe radicali, accusandolo di molestie e violenze sessuali, “anni fa”. 

Abad è vittima di una malattia rara: l’artrogriposi, che limita il normale funzionamento delle articolazioni di mani, braccia e gambe. 

La Procura dello Stato ha avviato una prima indagine, respingendo, per il momento, le accuse rivolte al ministro, vittima di una campagna aggressiva e permanente.

“Campagna elettorale odiosa”

Dopo i casi di Bouhafs e Abad, l’ex ministro della Giustizia, di Nicolas Sarkozy, figlia di emigranti nordafricani, entra in scena Rachida Dati che chiede alla Procura di Stato di aprire un’indagine penale contro Gilles Le Gendre, macroniano di certo trapío politico.

Dati è sindaco del 7° arrondissement di Parigi, quartiere ultra ricco, e una delle figure più eminenti di Los Republiquedos (LR, destra tradizionale). 

Le Gendre, invece, fa parte della “guardia pretoriana” di Emmanuel Macron. 

È stato presidente del gruppo parlamentare Macroniano all’Assemblea Nazionale (AN).

 E aspira a essere rieletto deputato per confermare una posizione di primo piano nella politica presidenziale.

Le Gendre ha reagito alle accuse di Dati definendosi vittima di una “odiosa campagna elettorale”. A prescindere dalla decisione presa dalla Procura dello Stato, il nuovo scandalo sembra destinato a durare indefinitamente.

Rachida Dati guida l’opposizione conservatrice contro il sindaco di Parigi, Anne Hidalgo, ed è favorevole a un’opposizione “costruttiva” contro Emmanuel Macron, dalle posizioni della destra tradizionale. 

Le sue accuse di molestie morali e sessuali contro un’eminente figura della ‘macronía’ confermano il carattere velenoso dell’arma politica della violenza sessuale, presunta o reale.

Rispondi