Trovato il farmaco contro il vaiolo delle scimmie

 I medici del Regno Unito hanno precedentemente soppresso con successo un caso di infezione da vaiolo delle scimmie con tecomvirimat, un farmaco contro il vaiolo umano.

Un team internazionale di ricercatori ha scoperto che nel recente passato i medici del Regno Unito hanno soppresso con successo un caso di infezione da vaiolo delle scimmie con tecomvirimat, un farmaco contro il vaiolo umano. 

I risultati degli scienziati sono stati pubblicati in un articolo su Lancet .

“Mentre i nostri colleghi stanno cercando di svelare le radici di questo focolaio di vaiolo delle scimmie e come si diffonde il virus, siamo interessati a quali farmaci antivirali potrebbero essere stati usati in passato per combattere questa malattia”, ha affermato Hugh Adler, ricercatore dell’Università di Liverpool (UK), le cui parole guidano il servizio stampa della rivista.

Per ottenere tali informazioni, Adler ei suoi colleghi hanno analizzato i dati raccolti negli ultimi cinque anni da centri specializzati per lo studio delle malattie infettive pericolose (HCID) in tutte le regioni del Regno Unito.

 In totale, gli specialisti di questi centri hanno registrato sette casi di infezione da virus del vaiolo delle scimmie che si sono verificati tra il 2018 e il 2021.

L’analisi successiva delle cartelle cliniche ha mostrato che i medici curanti hanno cercato di sopprimere la malattia con due farmaci antivirali, brincidofovir e tecomvirimat.

 Il primo è stato creato per combattere la “varicella” e il secondo è il primo farmaco al mondo in grado di sopprimere la riproduzione del virus del vaiolo umano.

Come hanno dimostrato le successive osservazioni, il brincidofovir non ha portato un sollievo visibile ai pazienti. 

Allo stesso tempo, la sua assunzione ha aumentato notevolmente il carico sul fegato, motivo per cui la terapia è stata interrotta. 

Al contrario, tecomvirimat non ha causato effetti collaterali e ha anche migliorato il benessere e accelerato il recupero del paziente che ha ricevuto questo medicinale.

Tali risultati osservazionali, secondo Adler e i suoi colleghi, indicano potenzialmente che questo farmaco può essere utilizzato per combattere il virus del vaiolo delle scimmie. 

Successivi esperimenti e osservazioni, come sperano gli scienziati, confermeranno questa ipotesi.

Il virus Monkeypox, che si è diffuso in aprile e maggio in diversi paesi dell’Europa occidentale, è stato rilevato anche in altri continenti. 

Oltre al Regno Unito, recenti casi di infezione sono stati segnalati in Australia, Belgio, Germania, Spagna, Italia, Canada, Portogallo, Stati Uniti, Francia, Svizzera e Svezia.

Il vaiolo delle scimmie è una malattia virale rara, trasmessa all’uomo principalmente da animali selvatici (roditori, primati). 

I sintomi della malattia includono febbre, mal di testa, dolori muscolari, mal di schiena, linfonodi ingrossati, brividi e affaticamento.

 Le eruzioni cutanee possono comparire anche sul viso e in altre parti del corpo.

 Il tasso di mortalità per focolai di vaiolo delle scimmie è in genere compreso tra l’1% e il 10%, secondo l’OMS, con la maggior parte dei decessi che si verificano nelle fasce di età più giovani.

La Redazione

Rispondi