L’errore di Taiwan di Biden

biden sbaglia

DOUGLAS ANDREWS 

Questo per quanto riguarda l’ambiguità strategica.

Per decenni, la politica degli Stati Uniti nei confronti della disputa Cina-Taiwan è stata quella di evitare di ribaltare la nostra mano, mantenendo così indovinati sia i nostri nemici geopolitici che i nostri amici.

 Ciò si è concluso ieri, almeno temporaneamente, in una conferenza stampa congiunta con il primo ministro giapponese Fumio Kishida a Tokyo, quando un giornalista ha chiesto a Joe Biden se gli Stati Uniti avrebbero difeso Taiwan se fosse stata attaccata dalla Cina.

“Sì”, ha risposto il presidente americano cognitivamente confuso.

Al che il giornalista ovviamente sbalordito ha seguito: “Tu sei?”

Al che Biden, ehm, ha elaborato: “Guarda, ecco la situazione: siamo d’accordo con la politica One China; l’abbiamo firmato e tutti i relativi accordi presi da lì. Ma l’idea che – che possa essere preso con la forza – solo preso con la forza – semplicemente non sia un – non è appropriato. 

Dislogherà l’intera regione e sarà un’altra azione simile a quanto accaduto in — in Ucraina. E quindi è un peso ancora più forte”.

In effetti, ai sensi del Taiwan Relations Act del 1979 , gli Stati Uniti si impegnano ad armare la nazione insulare per difendersi, ma non è chiaro se le forze americane si uniranno alla lotta, quindi ambiguità strategica.

Diremo questo su Joe Biden, però: le sue avventure terribili fuori dal copione tengono sicuramente la sua gente all’erta. 

Ricordiamo che in un’occasione ha recentemente definito il presidente russo Vladimir Putin un “criminale di guerra” e in un’altra occasione ha affermato che ” non può rimanere al potere “.

In questo caso, non appena quell’espressione monosillabica iniziale ha lasciato le sue labbra, la squadra di pulizia dell’Aisle (corridoio) 46 è entrata in azione. 

Nemmeno i leccapiedi del New York Times sono stati in grado di preparare i mop abbastanza velocemente

Come scrive Peter Baker :

Ogni volta che dice quello che pensa veramente, c’è la brigata di pulizia rituale inviata dalla Casa Bianca per fingere di non aver detto davvero quello che ha chiaramente articolato – o che anche se lo avesse fatto, non equivaleva davvero a un cambiamento nella politica .

Ma poi il signor Biden, imperturbabile e impenitente, esce e rifà tutto da capo.

Le sue osservazioni su Taiwan lunedì sono state solo l’ultima istanza di un presidente che ha detto ad alta voce ciò che ha in mente anche se lascia il suo staff che si affanna per girarlo via in seguito.

 A marzo, ha chiamato il presidente russo Vladimir V. Putin un criminale di guerra (solo la sua opinione, non una conclusione legale, hanno spiegato rapidamente gli assistenti).

 Poi, giorni dopo, ha improvvisato alla fine di un discorso che Putin “non può rimanere al potere” (solo un’osservazione, hanno detto, non un appello al cambio di regime).

Peter Baker

Ovviamente, è possibile che il vecchio Scranton Joe stia giocando a scacchi 4D mentre Xi Jinping sta giocando a dama cinese.

 È possibile che, apparendo inequivocabile sulla nostra intenzione di difendere Taiwan, il Team Biden fosse in realtà ambiguo. 

Pensaci: nessuno crede a una parola che esce dalla bocca di questo presidente, e questo è particolarmente vero quando la situazione richiede un grado di raffinatezza al di là di una singola sillaba.

“Sì” è un’ottima risposta quando ti viene chiesto se vuoi la crema con il tuo caffè. 

È piuttosto meno bello quando stai minacciando di ingaggiare una guerra calda con una superpotenza nucleare.

 La Cina, dopotutto, ha a lungo considerato Taiwan una “provincia separatista” e ha promesso da tempo di riprenderla con la forza, se necessario. 

A complicare le cose c’è il fatto che Taiwan si considera uno stato sovrano, proprio come qualsiasi altra entità insulare, specialmente uno che ha una propria costituzione, leader democraticamente eletti, una potente economia tecnologica e manifatturiera, oltre 23 milioni di cittadini e circa 300.000 attivi truppe nelle sue forze armate.

“Questa è un’ora amatoriale a 1600 Pennsylvania”, ha detto l’esperto cinese Gordon Chang, “e questo ha effettivamente conseguenze nel mondo reale, soprattutto perché i cinesi guarderanno a questo e diranno che l’amministrazione è incapace e irresoluta. 

Ora, Biden è stato molto chiaro un paio di giorni fa quando ha detto, guarda, gli Stati Uniti difenderanno Taiwan. …

Non c’era ambiguità su questo, e ora sotto pressione … i suoi subordinati lo contraddicono. … Ed è negativo non solo per Taiwan [ma] per tutti i nostri impegni di difesa in tutto il mondo”.

Nel frattempo, un mondo nervoso attende il prossimo passo falso di Joe Biden.

Rispondi