La libertà di stampa scivola al 58^ posto

0
14
libertà di stampa
i giornalisti non possono esprimersi

È uscito il nuovo World Press Freedom Index – una classifica annuale che valuta lo stato del giornalismo e il suo grado di libertà in 180 paesi del mondo – e per l’Italia non ci sono buone notizie.

Una discesa impressionante che nella nuova classifica mondiale della libertà di stampa stilata da Reporters sans frontières colloca l’Italia al 58esimo posto,

Giusto per rendere l’idea, siamo appena dietro a Romania e Macedonia del Nord e di poco sopra a Niger, Ghana e Kosovo.

Se poi prendiamo in considerazione l’Unione europea, peggio di noi sono messi solo Ungheria, Polonia, Cipro, Bulgaria, Grecia e Malta.

Autocensura; “i giornalisti a volte cedono alla tentazione di autocensurarsi, o per conformarsi alla linea editoriale della propria testata giornalistica, o per evitare una denuncia per diffamazione o altre forme di azione legale, o per paura di rappresaglie da parte di gruppi estremisti o della criminalità organizzata”

Ai primi posti di questa classifica sulla libertà di stampa troviamo invece tutti Paesi nordici: sul podio in rigoroso ordine ci sono Norvegia, Danimarca e Svezia, con Estonia e Finlandia a completare la top 5.

De Ficchy Giovanni

Rispondi