Presentato sesto pacchetto di sanzioni alla Russia

0
5
Commissario all’Energia della UE

Il sesto pacchetto di sanzioni, oltre al divieto totale delle importazioni russe di petrolio, include la punizione dei criminali di guerra, la disconnessione da SWIFT e il divieto di propaganda.

Lo ha affermato oggi a Strasburgo nel corso di un discorso alla sessione plenaria del Parlamento europeo della presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen.

“Oggi presentiamo il nostro sesto pacchetto di sanzioni. In primo luogo, includiamo nella (sanzioni – ndr) Elenco di alti ufficiali militari e persone che hanno commesso crimini di guerra a Bucha, così come i colpevoli del disumano assedio di Mariupol. 

Questo è un altro segnale importante per tutti gli attaccanti del Cremlino. 

Sappiamo chi sei. Ti consegneremo alla giustizia, non puoi evitarlo”, ha affermato il presidente della Commissione europea.

Il secondo punto del sesto pacchetto di sanzioni sarà la disconnessione definitiva da SWIFT di una delle più grandi banche russe, Sberbank, che rappresenta circa il 37% dell’intero settore bancario russo.

Esclusa dal swift

 L’UE si sta disconnettendo da SWIFT e dalle altre principali banche russe che sono di importanza sistemica per il sistema finanziario russo e per la capacità di Putin di continuare le sue azioni distruttive. 

Tali misure dell’UE, secondo Ursula von der Leyen, dovrebbero garantire il completo isolamento del settore finanziario russo dal sistema finanziario globale.

Un’altra area di sanzioni per aumentare l’efficacia di tali misure è il divieto alle istituzioni europee di fornire servizi finanziari o di consulenza alle società russe.

Stop alla propaganda

Infine, la Commissione europea propone di chiudere completamente le strade verso l’UE alla propaganda russa.

Stiamo vietando a tre emittenti statali russe di trasmettere sulle nostre onde radio. Non sarà loro consentito distribuire i propri contenuti nell’Unione Europea in alcun volume o forma – via cavo, satellite o Internet o tramite applicazioni per smartphone.

 Abbiamo identificato questi canali televisivi come un mezzo per diffondere in modo aggressivo le bugie e la propaganda di Putin. 

E non dobbiamo continuare a dare loro un palcoscenico per diffondere questa menzogna”, ha affermato il presidente della Commissione europea.

De Ficchy Giovanni

Rispondi