Gli aerei militari russi violano lo spazio aereo svedese e danese

0
6
Mig Russi

Rosalia Sanchez da ABC

Un aereo militare russo ha violato lo spazio aereo svedese venerdì notte, lo stesso giorno in cui quattro navi da guerra della NATO hanno ormeggiato nel porto di Stoccolma. L’aereo a elica AN-30, utilizzato per scopi di mappatura, è entrato nello spazio aereo svedese a sud di Blekinge, nel sud della Svezia, un incidente che è durato “per un breve periodo di tempo”, dopodiché l’aereo ha lasciato l’area.

 È stato localizzato mentre sorvolava l’isola di Bornholm, situata nel Mar Baltico, e poi ha sorvolato il territorio svedese.

 L’esercito svedese ha seguito l’incidente e ha fotografato l’aereo. 

Il ministro della Difesa svedese Peter Hulqvist, descrive la violazione come “del tutto inaccettabile, poco professionale e chiaramente inappropriata, rispetto all’attuale contesto di sicurezza”.

Questa non è, tuttavia, la prima volta che aerei russi entrano nello spazio aereo svedese da quando la Russia ha invaso l’Ucraina. 

All’inizio di marzo, quattro aerei da combattimento russi sono entrati nel territorio svedese a est di Gotland . 

“Oggi non c’è nessuna minaccia diretta contro la Svezia di aggressione armata, ma non possiamo escludere che accada”, ha detto all’emittente nazionale SVT il capo dell’Aeronautica, Carl-Johan Edström, “ma la verità è che ci sono attualmente un processo aperto in Svezia e Finlandia, in cui stiamo discutendo la possibilità di una domanda di adesione alla NATO, quindi c’è il rischio che la Russia intensifichi le sue attività”.

Esercitazioni NATO

La violazione dello spazio aereo svedese è avvenuta nello stesso momento in cui quattro navi della NATO stavano visitando il porto di Stoccolma per “esercitare con i partner svedesi e aumentare l’interoperabilità”, secondo una dichiarazione della NATO. Le navi dello Standing NATO Mine Countermeasures Group 1 (SNMCMG1) e dello Standing NATO Maritime Group One (SNMG1) stavano partecipando specificamente all’addestramento alla guerra anti-sottomarino con i loro partner svedesi.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha ripetutamente minacciato Svezia e Finlandia di “conseguenze politiche e militari” se i due paesi nordici dovessero compiere passi verso la NATO. In caso di adesione, “i confini dell’Alleanza con la Russia sarebbero moltiplicati per due e sarà necessario difendere quei confini”, ha pubblicato su Telegram. “In questo caso, un Baltico non nucleare non potrebbe più essere considerato”, ha detto Lavrov, evocando anche il dispiegamento di fanteria e sistemi di difesa antiaerea nella Russia nordoccidentale e forze navali nel Golfo di Finlandia.

Un cambiamento nell’opinione pubblica

Dall’invasione russa dell’Ucraina, il dibattito su un possibile ingresso nella NATO si è intensificato in Svezia. Il sostegno all’adesione alla NATO ha acquisito slancio sia tra i politici che tra la popolazione.

 Secondo un sondaggio Novus pubblicato venerdì scorso, il sostegno all’adesione alla NATO è ora a un livello storicamente alto del 54%, in aumento del 3% rispetto alla scorsa settimana. Gli elettori socialdemocratici sono quelli le cui opinioni si sono evolute maggiormente a favore, con un aumento del 9% in una settimana e raggiungendo un massimo del 45%. Il partito socialdemocratico al potere, storicamente legato alla posizione neutrale e non allineata della Svezia, determinerà la sua posizione ufficiale sulla NATO nelle prossime settimane, possibilmente prima del 12 maggio.

Quella della Svezia, in ogni caso, non è l’unica violazione dello spazio aereo da parte degli aerei militari russi nelle ultime ore. Il ministro degli Esteri danese Jeppe Kofod ha anche denunciato che domenica mattina un aereo militare russo doveva essere espulso dallo spazio aereo danese. “È completamente inaccettabile e preoccupante nella situazione attuale”, ha dichiarato. Kofod ha confermato di aver chiesto per oggi un incontro con l’ambasciatore russo in Danimarca, Vladimir Barbin, con l’obiettivo di discutere dell’incursione. La rappresentanza russa in territorio danese non ha ancora rilasciato dichiarazioni in merito.

Rosalia Sanchez

Rispondi