«Aiuteremo l’Ucraina a vincere la guerra oggi e a ricostruire domani»

0
5

Il segretario alla Difesa degli Stati Uniti Lloyd Austin e il suo omologo ucraino Oleksii Reznikov presentano le osservazioni di apertura alla riunione del gruppo consultivo sulla difesa dell’Ucraina presso la base aerea statunitense di Ramstein 

Siamo qui per aiutare l’Ucraina a vincere la battaglia contro l’ingiusta invasione della Russia e per costruire le difese dell’Ucraina per le sfide di domani”

I servizi di intelligence statunitensi ritengono che la guerra in Ucraina stia entrando in “una fase decisiva”. “Le prossime settimane saranno decisive”, ha detto martedì il Segretario di Stato alla Difesa Lloyd James Austin alla base militare tedesca di Ramstein, alla quale aveva convocato controparti e alti ufficiali dell’esercito di 40 paesi alleati per coordinare il supporto a Kiev e gettare le basi per il futuro piano di difesa della regione. Austin ha espresso la sua fiducia che l’Ucraina possa fermare definitivamente l’invasione russa. 

“L’Ucraina crede di poter vincere”, ha detto al Club degli Ufficiali presso la base dell’aeronautica americana in Germania, “e tutti noi qui crediamo la stessa cosa”.

Ha collegato la lotta difensiva dell’Ucraina a due battaglie della seconda guerra mondiale ben note ai radunati: la battaglia di 36 giorni di Iwo Jima nel Pacifico e la battaglia delle Ardenne sul fronte occidentale dell’Europa della durata di 40 giorni.

Ha ricordato che gli ucraini stanno combattendo da 62 giorni e che “la loro resistenza è fonte di ispirazione per l’intero mondo libero, che è unito dietro il governo di Kiev”. 

Quella presenza deve concretizzarsi nelle spedizioni di armi e oggi è stato organizzato un organismo che avrà il compito di ottimizzare e coordinare le consegne di armi, oltre ad aumentare la pressione sulle donazioni. 

“Sposteremo il cielo e la terra per soddisfare il fabbisogno di armi dell’Ucraina”, ha affermato, annunciando la creazione di un gruppo di contatto che si incontrerà mensilmente a tale scopo.

 “L’incontro di oggi sarà esteso a un gruppo di contatto mensile”, ha affermato, “che mira a guidare l’azione delle nazioni di buona volontà per intensificare gli sforzi, coordinare l’assistenza e concentrarsi sulla vittoria nelle battaglie di oggi e nei combattimenti di domani.

“Noi, senatori, non saremo più ucraini degli ucraini, sono decisioni che devono prendere loro. Lo afferma il segretario di Stato americano Antony Blinken davanti alla commissione degli Affari Esteri del senato americano

De Ficchy Giovanni

Rispondi