Questo è un genocidio !!!!

0
7
fosse comuni

Grazie alle immagini ottenute dal satellite, nella cittadina di Mangush , vicino a Mariupol , è stata scoperta un’enorme fossa comune recente apparentemente scavata dall’esercito russo. 

L’amministrazione regionale di Mariupol afferma di avere prove che si tratta di una fossa comune in cui i corpi dei civili uccisi durante l’offensiva e l’assedio della città sono stati ammucchiati in più strati.

Confrontando le dimensioni della sepoltura con tombe simili a Bucha, vicino a Kiev, si stima che a Mangush possano esserci tra 3.000 e 9.000 cadaveri.

 Le sepolture, secondo fonti locali, sarebbero iniziate lì a metà marzo con i primi 5.000 morti causati dai bombardamenti, incendi e attacchi delle truppe russe e dei ribelli separatisti del Donbass.

Successivamente, come mostra il satellite, la trincea è aumentata fino ad oggi.

 L’amministrazione Mariupol stima a 22.000 il numero totale di morti nella città e nei dintorni da quando Mosca ha deciso di iniziare l’ invasione dell’Ucraina il 24 febbraio. 

L’offensiva contro Mariúpol iniziò il giorno successivo ed era già assediata il 1 marzo.

I combattimenti ei continui bombardamenti sono durati quasi due mesi. Molti sono anche i feriti senza cure mediche e una situazione umanitaria che ha messo parte della popolazione sull’orlo della morte per carestia. 

I corridoi umanitari , molti dei quali organizzati da Mosca per riportare le persone in Russia, non sono riusciti a ottenere la completa evacuazione .

Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha annunciato ieri che Mariupol è ora sotto il controllo russo , ad eccezione delle acciaierie Azovstal, dove resiste un gruppo di combattenti ucraini e la cui clandestinità si stima abbia più di 1.000 civili. 

Tutti gli sforzi di Kiev sono ora concentrati sul raggiungimento di un’evacuazione completa.

De Ficchy Giovanni

Rispondi