Antiamericanismo da salotto

0
2
chi c’è dietro Zelensky? chi lo manovra?”. Questo punto non solo si ricollega all’anti-americanismo di cui sopra; ma di fatto nega che l’Ucraina abbia una sua distinta volontà nazionale

Tra le tante pubblicazioni apparse a seguito della guerra in Ucraina, di grande interesse è l’articolo dell’economista americano Michel Hudson, intitolato «Come gli Usa hanno sconfitto la Germania per la terza volta in un secolo» .

Michael Hudson

L’autore è un economista americano, un professore all’Università del Missouri, un ricercatore al Levy Economics Institute, un ex analista di Wall Street, tra molti altri lavori e posizioni ricoperte, e un profondo conoscitore delle strutture di potere di quel paese.

È stato collaboratore nientemeno che di Herman Kahn, al quale dedicheremo qualche riga dopo, uno dei membri più illustri della Rand Corporation, e principale analista delle conseguenze di una guerra nucleare, le cui teorie hanno contribuito notevolmente a la strategia degli Stati Uniti in questo campo.

Uno sguardo alla popolare enciclopedia digitale su quest’ultimo è molto interessante, così come sulla Rand Corporation, le cui attività di promozione della supremazia mondiale americana sembrano più simili a quelle di un film di fantascienza, motivo per cui mi scuso dal descriverle per non destare l’incredulità dei lettori, riferendosi al citato glossario.

L’articolo che stiamo recensendo parte dalla domanda su cosa la guerra fredda stia cercando di “risolvere” oggi e, per rispondere, studia i vari gruppi oligarchici che attualmente detengono il massimo controllo dell’attività politica negli Stati Uniti, come il Complex Militare-Industriale (MIC), il Complesso Oil and Gas che estrae affitti, insieme a quello minerario (OGAM) e, infine, il   Complesso Finanziario, Assicurativo e Immobiliare (FIRE). Questi tre gruppi controllano completamente il Congresso e il Senato degli Stati Uniti.

Illustrazione sul complesso finanziario, assicurativo e immobiliare degli Stati Uniti.

Sebbene l’influenza dei principali capitalisti nella definizione della politica di quel paese sia sempre stata nota, c’è stata, tuttavia, una svolta rispetto al provvedimento che ha consentito di non avere alcun limite ai contributi delle società elettorali. campagne.

Nel 2010, la Corte Suprema ha stabilito che le aziende hanno il diritto di spendere fondi per la politica, revocando le restrizioni alla spesa aziendale in vigore in quel paese da decenni, e la Exxon Mobile e molte altre multinazionali hanno automaticamente investito ingenti somme nelle campagne elettorali, già legalmente e apertamente rendendo il meccanismo finora più surrettizio o limitato per condizionare i poteri pubblici in quel paese.

L’autore spiega che questi gruppi ” hanno acquistato il controllo del Senato e del Congresso per inserire i propri politici nei Dipartimenti di Stato e Difesa… I massimi senatori e rappresentanti del Congresso non rappresentano i loro stati e distretti tanto quanto gli interessi economici e finanziari dei suoi principali donatori ». 

Analizza in dettaglio gli obiettivi politici internazionali perseguiti da ciascuno dei gruppi capitalisti descritti e si pronuncia nel senso che «la dinamica da tracciare oggi è il motivo per cui questo calo oligarchico ha trovato il suo interesse a spingere la Russia in quella che vedeva come una posizione di vita o di morte per resistere agli attacchi sempre più violenti nelle province di Lugansk e Donest. , di lingua russa, insieme a una più ampia Minacce occidentali contro la Russia ».

In questo contesto spiccano gli enormi sforzi compiuti dai vertici statunitensi, e da Biden in particolare, poiché era noto il progetto di costruzione del gasdotto Nord Stream 2, che porterebbe il gas russo in Germania sotto il Mar Baltico, fino a quando non avranno riuscito a che lo stesso, nonostante il gigantesco investimento fatto, non venga messo in funzione, quindi secondo il nostro autore, « l’obiettivo strategico più urgente degli Stati Uniti nel confronto NATO con la Russia, è il vertiginoso aumento del prezzo del petrolio e del gas, soprattutto a danno della Germania », oltre a danneggiare gli altri Paesi Ue, come stiamo verificando molto direttamente noi italiani.

Inoltre, indica Michel Hudson, questi leader causano l’aumento dei prezzi del grano e di molti altri alimenti e il sogno a lungo termine “dei Nuovi Guerrieri Freddi degli USA è quello di dividere la Russia, o almeno ripristinare la sua cleptocrazia (Yelsin/ ragazzi di Harvard), con oligarchi che cercano di trarre profitto dalle loro privatizzazioni ». 

L’Oil, Gas and Mining Complex (OGAM) continua a fantasticare di prendere il controllo di Yukos e Gazprom, insistendo sul fatto che lo scopo della NATO è l’aggressione e non la difesa. 

Comunque, articolo straordinario, che è di grande interesse.

Abbiamo detto all’inizio che avremmo dedicato qualche parola al membro della Rand Corporation, Herman Khan, ora deceduto, grande ideologo della guerra fredda e della strategia nucleare americana. 

Ebbene, ricordiamo che è lui stesso il personaggio che fa da ispirazione a Stanley Kubrick, nel suo film ” Telefono rosso, volammo a Mosca ” (1964), in cui analizza il fatto e le conseguenze degli ordini di un nucleare attacco alla Russia che ha dato al capo di una base militare americana l’idea di provocare una guerra mondiale nucleare. 

In questo caso, Herman Khan sarebbe rappresentato nello specifico dal personaggio del Dottor Stranamore, il grande regista alludendo anche alla Rand Corporation come autore degli studi sull’attacco e le sue conseguenze, che ha sostituito dalla Bland Corporation.

In breve, l’analisi dettagliata che l’autore fa dei gruppi oligarchici americani e della strategia e degli obiettivi degli Stati Uniti e della NATO in tutto il contesto che ha determinato la situazione attuale, ci sembra meritevole di essere letta.

De Ficchy Giovanni

Rispondi