La sera del dibattito per le elezioni francesi

I due rivali si affrontano stasera nell’unico dibattito televisivo

I partiti tradizionali di sinistra e di destra hanno chiesto un voto contro il candidato di estrema destra.

Emmanuel Macron e Marine Le Pen si affrontano stasera in un grande dibattito politico , in onda su tutti i canali radiofonici e televisivi, per cercare di ottenere il voto degli astensionisti e degli antisistema di destra e di sinistra, ultras di tutte le parti, che sono i francesi la festa più grande di gran lunga.

Al primo turno di domenica scorsa, 12.824.169 francesi (più del 26% del censimento) hanno deciso di non votare, di astenersi.

 Prima del secondo turno di domenica prossima, tra 6 e 7 milioni di francesi, il 14% degli elettori, pensa che le elezioni siano o possano essere “truccate” … la somma di queste due cifre dà un risultato inquietante: più o almeno 20 milioni di francesi (in una Francia di 68 milioni di abitanti) hanno molti dubbi o profonde riserve sul sistema democratico.

Il crollo storico dei grandi partiti di sinistra e di destra, conservatori tradizionali, socialisti e comunisti coincide con l’emergere di un voto antisistema , di estrema sinistra e destra, molto simile al voto antisistema che ha dato la vittoria a Donald Trump e ha approvato la Brexit nel Regno Unito, nel 2016, un anno prima del primo duello Macron-Le Pen, quando il tradizionale panorama politico francese ha iniziato a disfarsi.

Dominique Reynié, direttore generale della Fondazione per l’innovazione politica (FPIP), commenta così questa evoluzione del modello politico francese: “Le elezioni presidenziali sono diventate uno strumento di protesta contro il potere, quando prima erano qualcosa come una delegazione di potere a personalità o parti. Il 60% o più dei voti al primo turno è stato un voto di protesta elettorale contro il sistema.

campagne aggressive

Prima del voto del secondo turno, quello decisivo, quello che dovrà eleggere o rieleggere un presidente o eleggere una presidente donna, tutti i partiti tradizionali di sinistra e di destra hanno largamente chiesto il voto “contro Le Pen”. “. 

Tuttavia, i chiarissimi appelli di Nicolas Sarkozy (destra) e François Hollande (socialista), il più ambiguo richiamo di Jean-Luc Mélenchon (estrema sinistra) rischiano di cadere nel sacco dell’anti-establishment sensibile alla retorica populista e ultra -nazionalista.

Le manifestazioni di estrema sinistra contro Le Pen si sono trasformate allo stesso tempo in manifestazioni contro Macron: da quel punto di vista, il candidato di estrema destra e il presidente “sono la stessa cosa”.

Tra gli antisistema dell’estrema sinistra, da Mélenchon ai gruppi estremisti, le campagne di piazza ripetono sempre lo stesso rifiuto: «Né Macron né Le Pen» .

 “Contro Le Pen e le politiche liberali, risposta sociale antifascista”. “Macron e Le Pen sono una minaccia senza precedenti contro le libertà democratiche”.

Le campagne anti-sistema molto aggressive che fanno un uso massiccio delle nuove tecnologie e dei social network hanno promosso un “movimento” più piccolo ma perfettamente paragonabile alle campagne di Donald Trump, insistendo sul fatto che quelle presidenziali “sono o possono essere truccate” o “manipolate”.

Gruppi di sostenitori di Twitter e Facebook, sostenitori di Éric Zemmour e Marine Le Pen hanno promosso, dall’inizio di marzo scorso, campagne del tipo “bugiardo Macron”. “Non devi permettere loro di rubare la tua elezione.” Gérald Darmanin, ministro dell’Interno, è accusato, da settimane, di preparare le elezioni “truccate”.

 La campagna di estrema destra antisistema, antivaccino e ultraintegralista cattolica alla maniera dei sostenitori di Trump : “Stop al furto”, “Stop al furto”, alludendo al “rischio” di “grosse frodi elettorali”. 

Campagne che hanno avuto successo: il 14% dei francesi pensa che la seconda sia o possa essere “manipolata”.

Gli antisistema di estrema destra, laici e religiosi, i tradizionalisti, dal canto loro, scendono in piazza con le bandiere nazionali, indossano alcune magliette pro-Trump, ricorrono anche alle croci della tradizione della Via Crucis cristiana, che alcuni militanti camminano, in camicia da notte, con frasi propagandistiche che dicono “L’amore cura tutto”.

I sindacati di maggioranza, CFDT, CGT e FO, hanno chiesto il voto “contro Le Pen”. 

Tuttavia, gli stessi sindacati hanno indetto giornate di protesta sociale, giovedì 21, tre giorni prima della votazione finale, in una dozzina molto grande di città di provincia, come Aix-en-Provence, Brest, Chambéry, Cherbourg, Clermont, Issy-les-Moulineaux, Lille, Lione, Mérignac, Montbonnot, Nantes, Pau, Pérols, Pessac, Rennes, Strasburgo e Tolosa. 

Mobilitazione sindacale che rischia di favorire astensioni o voti di rifiuto sociale, antisistema. I sindacati insistono nel denunciare Le Pen, ma le loro manifestazioni contro Macron hanno anche un leggero “profumo” anti-sistema.

il duello finale

Secondo uno studio della Fondazione per l’Innovazione Politica (FPIP), “una parte importante della popolazione sente la tentazione di un destino e di un’insurrezione popolare , con il suo voto antisistema”. 

Tentazione, angoscia sociale e irrequietezza: gli antisistema temono anche una rottura brutale con l’euro, con i sussidi della Politica Agricola Comune (PAC).

Durante il grande dibattito di stasera, Marine Le Pen chiederà che il primo turno di votazioni antisistema si trasformi in un referendum nazionale contro Macron .

 Il presidente, dal canto suo, chiederà che il secondo turno di domenica sia un referendum nazionale a favore dell’Europa, dei suoi principi democratici e della società aperta.

Il grande dibattito di stasera dovrebbe aiutare a chiarire il duello e il voto finale.

Le Pen cerca di offrire un’immagine “da prescrizione”, “calma” ed “ecumenica”. 

Macron ha condotto una campagna molto “offensiva”, apparentemente con successo.

I sondaggi sempre più recenti annunciano una possibile vittoria per Macron, con due margini di incertezza: un tasso di astensione prevedibilmente alto o molto alto; e un imprevedibile margine di errore.

 Nessuno nasconde la doppia dimensione nazionale ed europea di questo confronto tra il bunker ultranazionalista e la società aperta.

Quindi, 2022, davvero un assaggio di deja vu?

Juan Pedro Quiñonero

Rispondi