Il Cremlino crea video falsi per giustificare la sua guerra in Ucraina.

0
7

De ficchy Giovanni

Per chi è “del mestiere” non è una novità, i Fake sui fronti di guerra vengono spesso creati dagli stessi reporter poco professionali, ragazzotti freelance che nella migliore delle ipotesi devono spaccare il mondo e mandare ad una redazione una notizia bomba che li faccia emergere, mentre nella peggiore sono semplicemente pagati da un committente straniero per far arrivare nel loro Paese un determinato messaggio.

Il Cremlino sostiene che le atrocità commesse dalle forze russe a Bucha, in Ucraina – documentate dalle immagini satellitari – siano state una provocazione messa in scena dall’Occidente. 

Ecco come appare davvero una provocazione messa in scena.

Guardate questa foto apparsa sul sito di RIA Novosti

vedete due teneri bambini costretti che vivono nelle zone occupate dai russi in Donbas costretti a giocare con dei pezzi di granate che la “giunta nazista di Kiev” ha fatto sparare sulle loro case. Un’immagine che esprime insieme tenerezza ed orrore.

Questa immagine è apparsa in diversi articoli, su Life.ruContRia,E-News,News-Front,Russian Pulse, etc. ognuno con una propria versione dei fatti.

il Fake, è possibile vedere la foto che spiega l’arcano, in quanto presente su tantissimi profili social su internet, per esempio a questo  indirizzo https://pbs.twimg.com/media/Cwb0TK7XAAAkAMO.jpg:large ),

Arcano svelato

Sveliamo l’arcano

Le prove suggeriscono che la Russia ha utilizzato un incidente inscenato per giustificare la sua ulteriore invasione su vasta scala dell’Ucraina il 24 febbraio.

Il Cremlino ha intensificato la sua campagna di disinformazione da quando la Russia ha iniziato la sua guerra non provocata con l’Ucraina, ma ci sono state molte false affermazioni che hanno portato ad essa.

Un video era così sospetto – e così raccapricciante – che ha attirato l’attenzione di Bellingcat, un gruppo di giornalismo investigativo con sede nei Paesi Bassi specializzato in verifica dei fatti e intelligence open source.

L’incidente in questione sarebbe avvenuto su un’autostrada tra Donetsk e Horlivka il 22 febbraio alle 5 del mattino circa, ora locale.

 È stato riferito che un ordigno esplosivo improvvisato (IED) è esploso in autostrada, distruggendo un furgone e un’auto.

Il video mostrava tre corpi carbonizzati di due veicoli, apparentemente da una bomba sul ciglio della strada, nella regione del Donbas, che le forze sostenute dalla Russia hanno controllato dal 2014, quando la Russia ha invaso per la prima volta l’ Ucraina .

Usare i media statali per diffondere le falsità

I lealisti di Vladimir Putin e i media pro-Cremlino hanno riferito che le forze armate ucraine erano dietro il presunto IED e hanno preso di mira un comandante militare affiliato alla cosiddetta Repubblica popolare di Donetsk (DNR) nell’Ucraina orientale.

Tra coloro che postano le immagini sui social e la denuncia: il quotidiano controllato dallo stato Izvestiya e la milizia popolare pro-Cremlino DNR .

Bellingcat si è affidato a un esperto di armi esplosive e a un patologo forense durante le sue indagini, e ciò che hanno visto non tornava.

  • Nessuno dei due veicoli aveva targhe.
  • Nessuno dei due veicoli sembrava essersi spostato dal punto di detonazione, suggerendo che erano entrambi statici quando l’IED è esploso.
  • Il danno visto su entrambi i veicoli non era coerente con un’esplosione di IED.

“Secondo me le immagini non rappresentano uno scenario credibile“, ha detto a Bellingcat Chris Cobb-Smith, un esperto di armi esplosive e direttore di Chiron Resources. “Credo che l’incidente sia stato fabbricato per dare l’impressione di un’esplosione di IED in cui sono morte tre persone”.

Video fake

Affidarsi agli esperti

Anche le ferite ai crani sono apparse incoerenti con un’esplosione di IED. Il cranio di uno dei corpi sembrava avere tagli netti su entrambi i lati della testa, separando nettamente la calotta cranica dal resto del cranio.

Bellingcat ha esaminato fonti aperte e ha scoperto che questi tagli sono più coerenti con una procedura eseguita durante un’autopsia. L’organizzazione ha chiesto a Lawrence Owens dell’Università di Winchester in Inghilterra di analizzare le immagini

. Ha concluso che le persone erano già morte prima che i loro corpi fossero collocati nei veicoli.

Il rapporto finale di Bellingcat conclude che l’incidente ha comportato “l’uso graduale di cadaveri e probabilmente danni simulati da IED”.

La conclusione: il Cremlino ha usato una storia falsa su un falso IED che non ha ucciso nessuno per raccogliere sostegno in Russia per una guerra che ha provocato. 

La guerra ha ucciso più di 1.600 civili e ferito più di 2.000 da quando è stata lanciata più di un mese fa.

Rispondi