Musk mira ad acquistare Twitter, e ripristinare la libertà di parola

0
3
il miliardario Elon Musk

La sinistra rovina tutto, ma un miliardario potrebbe essere in grado di salvare qualcosa per cambiare.

In quella che ha definito la sua “offerta migliore e finale”, il miliardario Elon Musk ha proposto di acquistare Twitter per oltre $ 43 miliardi.

 “Non sto giocando avanti e indietro”, ha detto Musk. 

“Sono andato dritto fino alla fine”.

L’offerta arriva solo un paio di settimane dopo che Musk ha acquistato una quota del 9,2% nel gigante dei social media e pochi giorni dopo aver rifiutato un posto nel consiglio di amministrazione . 

Molti hanno ipotizzato che quest’ultima mossa fosse dovuta al fatto che il suo posto nel consiglio sarebbe arrivato con un limite di possedere il 14,9% della società.

 Quella speculazione sembra essere stata corretta, dato che non solo vuole acquistare Twitter ma renderlo privato. In altre parole, nessuna tavola. 

Anche il CEO di Twitter, Parag Agrawal, sarebbe probabilmente senza lavoro.

È un’offerta incredibile: $ 54,20 per azione in contanti, il 54% in più rispetto al giorno prima dell’acquisto della sua quota.

 Da quell’acquisto, e soprattutto sulla scia dell’offerta di Musk, le azioni di Twitter sono salite a quasi $ 50 per azione, anche se è ancora inferiore al suo massimo storico di $ 73,34.

 “È un prezzo elevato e i tuoi azionisti lo adoreranno”, ha affermato Musk. 

“Twitter ha un potenziale straordinario. Lo sbloccherò”.

Il consiglio di Twitter ha risposto che “esaminerà attentamente” l’offerta “non richiesta” di Musk. Se il consiglio rifiuta la sua offerta, Musk dice che prenderà in considerazione la vendita delle sue azioni “dato che non ho fiducia nel management né credo di poter guidare il necessario cambiamento nel mercato pubblico”. Ahia.

 Non sarebbe interessante se la sua offerta venisse rifiutata e le azioni di Twitter crollassero perché gli investitori condividono la sua opinione.

“Ho investito in Twitter perché credo nel suo potenziale per essere la piattaforma per la libertà di parola in tutto il mondo e credo che la libertà di parola sia un imperativo sociale per una democrazia funzionante”, ha aggiunto. 

“Tuttavia, da quando ho effettuato il mio investimento, ora mi rendo conto che l’azienda non prospererà né servirà questo imperativo sociale nella sua forma attuale. Twitter ha bisogno di essere trasformato in una società privata”.


Le mosse di Musk su Twitter


In effetti, ciò che rende le mosse di Musk su Twitter così affascinanti e degne di un applauso è che si definisce un “assolutista della libertà di parola”.

 Agrawal e i totalitari di sinistra che gestiscono Twitter non hanno altro che disprezzo per la libertà di parola, e quindi una delle più grandi piattaforme vocali in un paese governato dal Primo Emendamento è decisamente contraria a questo diritto civile fondamentale. 

Musk vuole chiaramente cambiarlo.

Pochi osservatori possono vedere un altro fattore che rende questa storia così avvincente. Il commentatore Dennis Prager è noto per aver ripetutamente affermato che la sinistra rovina tutto ciò che tocca. (Il suo esempio più recente è arrivato proprio questa settimana .)

La sinistra non costruisce mai niente, dice, distrugge solo istituzioni fatte da altri. 

La sinistra ha rovinato Twitter in particolare, i social media e la Big Tech più in generale.

Tuttavia, se Musk avrà successo, sarà un caso rarissimo in cui accadrà il contrario: qualcosa che verrà drammaticamente salvato dalla sinistra. 

I conservatori non si ritroverebbero più soffocati o esclusi del tutto da una piattaforma importante, né a lottare per costruire un’alternativa inferiore o imitativa.

Inoltre, come ha osservato esilarante il commentatore Frank Fleming, “Elon Musk sta letteralmente tentando di possedere le librerie”.

Non c’è da stupirsi che il New York Times si stesse torcendo la mano anche prima di questa offerta di acquisto sulla “minaccia” che pone Musk e “la situazione insidiosa in cui si trova ora Twitter”.

Giusto per essere chiari, quella “situazione insidiosa” sosterrebbe i valori più fondamentali della nostra nazione.

 Ecco perché faccio il tifo per il successo di Musk.

De FICCHY GIOVANNI

Rispondi