Le Pen propone lo smantellamento dell’Ue e dell’Alleanza Atlantica

La candidata ultranazionalista afferma di volere che la Francia sia una “grande potenza indipendente” per difendere una posizione “equidistante” tra Russia, Europa e Usa.

Marine Le Pen propone di “trasformare l’Unione europea in un’Alleanza europea delle nazioni”, rimuovere la Francia dalla Nato, e un “riavvicinamento” di Nato e Russia, “una volta che la guerra in Ucraina sarà finita”.

Presentando martedì il suo progetto di riforme istituzionali, la candidata di estrema destra ha proposto modifiche che comporteranno lo smantellamento della matrice istituzionale della Quinta Repubblica francese. 

Presentando il suo progetto diplomatico, mercoledì in un’altra conferenza stampa, Le Pen ha proposto alcune riforme istituzionali europee che comporteranno lo smantellamento delle matrici istituzionali dell’Unione Europea (Ue), dell’Alleanza Atlantica e della sua organizzazione militare, la Nato. 

Entrambi i progetti sono versioni “patriottiche” dell’estrema destra europea sostenuta a Mosca da Vladimir Putin.

Durante la presentazione di queste personali ambizioni diplomatiche, nella stanza in cui stava parlando Le Pen è apparsa una giovane donna, con una fotografia, tra le tante possibili, in cui Putin è stato visto dare una spinta a Le Pen al Cremlino.

La giovane è stata espulsa, trascinata a terra, e tutti i giornalisti e reporter, dietro alla giovane donna, lasciando sola la Le Pen

Giovane donna trascinata via

Le Pen afferma di volere che la Francia sia una “grande potenza indipendente” per difendere una posizione “equidistante” tra Russia, Europa e Stati Uniti.

In pratica, questa “equidistanza” significherebbe una rottura storica, compiuta attraverso lo smantellamento di tutte le istituzioni della costruzione politica dell’Europa.

La “trasformazione” dell’UE in una “Alleanza europea delle nazioni” dedita al “salvataggio dell’Europa” significherebbe una paralisi indefinita del progetto di costruzione politica dell’Europa. 

La semplice evocazione di un progetto con queste caratteristiche aprirebbe un abisso di incomprensione.

 In pratica è un progetto con cui l’estrema destra flirta da anni. La recente risposta istituzionale dell’UE al comportamento illiberale di Ungheria e Polonia suggerisce che l’eventuale proposta lepenista potrebbe essere accolta con un sostanziale rifiuto.

L’uscita della Francia dalla Nato e la possibilità di un “riavvicinamento strategico” tra Nato e Russia è un’ipotesi che viene percepita come un nuovo gesto di Le Pen nei confronti di Vladimir Putin .

De Ficchy Giovanni

Rispondi