Gli errori costringono Putin a cambiare la leadership militare in Ucraina

0
3

Riorganizza le truppe e mette al comando il generale Alexander Dvornikov, noto per la sua campagna nella guerra siriana.

Le truppe russe si sono ritirate dalla periferia di Kiev e Chernigov, così come dalla centrale nucleare di Chernobyl e dalla città di Sumy. 

L’intera parte settentrionale del paese è ora liberata dagli invasori. 

Ma la Russia mantiene le sue posizioni nell’est del Paese e nel sud-est.

Ucraina 9 Aprile

 Il ministero della Difesa russo ha annunciato il 25 marzo, appena un mese dopo l’inizio della guerra, che d’ora in poi gli sforzi sarebbero stati diretti nella direzione di raggiungere ora l’obiettivo prioritario: “la liberazione del Donbass”.

Tuttavia, è trascorso mezzo mese e i progressi nell’est non sono significativi. La città portuale di Mariupol continua a resistere. Inoltre, le forze russe hanno subito pesanti perdite, riconosciute anche dal Cremlino, durante le varie offensive sin qui lanciate e anche durante il parziale ritiro.

Così, secondo fonti consultate dalla Bbc britannica, il presidente Vladimir Putin ha deciso di “riorganizzare” le truppe e di mettere un nuovo comandante in capo, il generale Alexander Dvórnikov, a capo dell’intervento militare in Ucraina.

econdo il Pentagono, la Russia conserva circa l’80-85 per cento della capacità di combattimento che aveva prima dell’invasione. 

Il Dipartimento militare statunitense sostiene che Mosca stia attualmente cercando di reclutare altri 60.000 soldati.

 L’intelligence dei paesi occidentali e dell’Ucraina indica che le unità russe si stanno concentrando nella regione del Donbass e di Kharkov per cercare di lanciare attacchi e cercare di circondare l’esercito ucraino a est. Anche un massiccio attacco a Kharkov non è escluso.

Il Dipartimento militare statunitense sostiene che Mosca stia attualmente cercando di reclutare altri 60.000 soldati

Nello stesso rapporto consultato dalla BBC, sulla nomina di Dvórnikov e sui suoi nuovi compiti da svolgere, si sottolinea che la missione del nuovo comandante in capo è “ottenere una sorta di successo in Ucraina prima del 9 maggio“, la data in cui Putin si recherà come ogni anno al grande corteo nella Piazza Rossa di Mosca per celebrare l’anniversario, in questo caso il 77esimo, della vittoria sovietica sulla Germania nazista.

Lavoro di coordinamento

Dvornikov ha finora guidato la regione militare meridionale della Russia, che comprende la penisola di Crimea annessa nel 2014, e si sottolinea che ha acquisito una significativa esperienza di combattimento guidando le azioni dell’esercito russo in Siria. 

Si stima che tale esperienza servirà a raggiungere un migliore “coordinamento” delle truppe russe in Ucraina, che, a quanto pare, hanno agito fino ad ora in maniera disorganizzata e indipendente su ciascuno dei fronti.

Tuttavia, le fonti della Bbc prevedono che se la Russia non cambierà le tattiche militari che finora hanno impedito alle truppe di raggiungere il successo sul campo di battaglia, pur con la loro superiorità numerica, i loro avversari ucraini continueranno a mantenere la loro elevata efficacia in combattimento. in modo più intelligente, manovrabile e imprevedibile ed essendo in grado di sferrare attacchi inaspettati.” Porre fine a questa situazione è il compito principale che Putin sembra aver affidato a questo generale.

Il generale Aleksandr Dvornikov
Il generale Aleksandr Dvornikov

Anche il vice ministro della Difesa ucraino, Anna Malyar , ritiene che ci sarà un cambiamento di tattica da parte dell’esercito russo.

 A suo avviso, «la Russia aveva dei piani prima dell’inizio della guerra, ma poiché non funzionavano, ora è costretta a cambiarli a grande velocità». 

Malyar ritiene che “gli occupanti stiano stabilendo nuove direzioni di attacco e calcolando i punti deboli della difesa ucraina. 

Non se lo aspettavano. La nostra difesa è stata più intellettuale che energica. “Ma ora, la Russia sta prolungando la guerra nel tentativo di correggere gli errori commessi finora”, ha detto.

Si stima che la Russia abbia poco meno di 100 battaglioni o gruppi tattici disponibili per condurre operazioni una volta che i trasferimenti riprenderanno.

Si stima che la Russia abbia poco meno di 100 battaglioni o gruppi tattici disponibili per svolgere operazioni una volta che i trasferimenti riprenderanno

. Sarebbe una forza “significativa”, secondo il rapporto, anche se sarebbe di scarsa utilità senza un cambio radicale di tattica. “Ci sono contraddizioni nella logica militare tra il corretto addestramento delle forze per intensificare l’operazione nel Donbass, il potenziale uso di tattiche più appropriate, le lezioni apprese dalle recenti operazioni fallite e la necessità politica di accelerare l’operazione il più rapidamente possibile. » , affermano le fonti anonime della BBC, avvertendo anche che «senza una modifica delle loro tattiche (…) sarà difficile raggiungere anche quei nuovi più limitati obiettivi che si sono prefissati».

Cecenia e Siria

Il principale difetto che gli esperti militari hanno indicato come la causa del fiasco dell’offensiva di kiev e dell’alto numero di vittime tra generali e ufficiali di alto rango è stata la mancanza di un comando unificato, che è ciò che Dvornikov è venuto a risolvere . , 60 anni e originario di Ussurisk, nell’estremo oriente russo. 

Tra il novembre 1999 e l’aprile 2000 è stato a capo di un reggimento motorizzato di stanza in Cecenia con il quale ha partecipato all’assalto a Grozny, capitale di quella repubblica caucasica, durante il quale non è rimasto nulla di intentato.

Successivamente, tra settembre 2015, proprio all’inizio dell’intervento armato, e giugno 2016, Dvórnikov è stato incaricato del comando supremo del gruppo di forze dispiegate in Siria.

 In quel periodo ebbe luogo un’offensiva devastante contro la città di Aleppo e altri a Latakia, Sheikh Miskin e Deir ez-Zor. 

Anche Palmira è stata rilasciata. 

Per tutti questi meriti è stato decorato con la stella d’oro di “Eroe della Federazione Russa”, la più alta onorificenza del paese.

Tradotto e redatto da

Giovanni De Ficchy

Rispondi