Macron vince con il 28% dei voti contro il 24% di Le Pen, che al secondo turno disputerà la Presidenza

0
5
LE PEN MACRON

Secondo le prime stime ufficiose di tutti i media nazionali, Emmanuel Macron ha vinto il primo turno delle elezioni presidenziali francesi, con il 28,10 o il 28,50% dei voti, seguito da Marine Le Pen , che avrebbe vinto tra le 23,30 e il 24,20%.

Quella previsione annunciata da ‘Le Monde’, ‘Le Figaro’, BFMTV, France Télévisions, RTL, ‘Le Parisien’, Europe 1, tra gli altri grandi media, coincide aritmeticamente con tutte le previsioni per il tratto finale della campagna.

Solo Macron e Le Pen andranno al secondo e decisivo round, il 24 aprile.

Due poche ore dopo la conoscenza dei risultati provvisori, Emmanuel Macron ha commentato i risultati davanti a migliaia di suoi entusiasti sostenitori, facendo una prima analisi ecumenica, ringraziando i suoi rivali di estrema sinistra, comunisti, ambientalisti, per il loro sostegno al secondo turno. conservatori

Dopo aver guidato i primi risultati, Macron ha mostrato il suo rifiuto dell’estrema destra “che minaccia la nostra società, minaccia la nostra cultura, con proposte catastrofiche e minacciose”

“Prima di tutto, la democrazia è qualcosa di civico e importante. Devo iniziare ringraziando profondamente le reazioni di Jean-Luc Mélenchon, Yannick Jadot, Fabien Roussel, Anne Hidalgo e Valérie Pécresse , chiedendo di votare a mio favore per impedire il trionfo dell’estrema destra».

Storicamente, il voto unitario dei partiti disposti a impedire la vittoria dell’estrema destra era chiamato ‘fronte repubblicano’. Senza usare quel linguaggio, Macron ha resuscitato quel fronte, con molta verve.

Affermando la sua gratitudine ai suoi oppositori di sinistra e di destra, Macron si è presentato come un avversario totale contro l’estrema destra, “che minaccia la nostra società, minaccia la nostra cultura, con proposte catastrofiche e minacciose”.

progetto sindacale nazionale

Macron ha continuato a difendere il suo progetto sindacale nazionale, dove si inseriscono conservatori, centristi, liberali, indipendenti e socialdemocratici: «Insieme, uniti in un’ambizione comune, possiamo difendere la nostra sovranità e prosperità. 

Quel progetto è l’unico che può prevenire l’isolamento, i disastri e l’impoverimento degli estremisti.

Tra forti grida di “presidente Macron, presidente Macron!”, il presidente ha invocato la difesa di una Francia e dell’Europa sovrane, in difesa della prosperità e della libertà condivise, in solidarietà con l’Alleanza Atlantica.

Visibilmente contentissima, da parte sua, del risultato del primo turno, Marine Le Pen ha iniziato facendo un equilibrio ecumenico, con il quale ha lanciato automaticamente la campagna per il secondo turno , chiedendo il voto degli elettori populisti di estrema destra e estrema sinistra. , presentandosi come l'”unica” capace di sconfiggere Emmanuel Macron, “presidente nefasto e autoritario”.“Invito tutti coloro che non hanno votato Macron al primo turno a sostenere la mia candidatura, per salvare la Francia dal declino precipitato dal presidente uscente”, ha detto stasera Le Pen

“Invito tutti coloro che non hanno votato Macron al primo turno a sostenere la mia candidatura, per salvare la Francia dal declino precipitato dal presidente uscente”, ha gridato il candidato di destra, aggiungendo: “Tutti quelli che non hanno votato Macron può contribuire alla salvezza della Francia. Il posto della Francia nel mondo dipende da loro. Saranno in grado di salvare la Francia dalla catastrofe. Darò loro stipendi migliori . Prometto di garantire l’indipendenza nazionale. 

Controllerò l’immigrazione e la sicurezza per tutti. Sono l’unico possibile salvatore di tutte le fratture sociali, territoriali e istituzionali che ci minacciano».

Dopo la vittoria di Macron e Le Pen, al primo turno, il tradizionale panorama politico era gravemente incrinato, diviso.

Affondamento delle grandi feste

Secondo le stime della stampa francese, i risultati del primo turno confermerebbero il crollo storico dei grandi partiti di destra e di sinistra, l’emergere di una Francia ribelle, con questi risultati provvisori:

Jean-Luc Mélenchon , un populista di estrema sinistra, arriverebbe al terzo posto con il 20 o il 20,5% dei voti. Un’importante vittoria personale per un candidato anticapitalista, antieuropeo, anti-Nato, storicamente vicino a Vladimir Putin.

Éric Zemmour, di estrema destra, avrebbe ottenuto il 7,10 e il 7,20% dei voti. Il grande rivale di Le Pen perde la sua personale battaglia per il controllo della futura estrema destra.

Valérie Pécresse , candidata dei Repubblicani (destra tradizionale), ottiene appena il 5 e il 5,10%. Il peggior risultato nella storia della destra dei padri fondatori della V Repubblica.

Yannich Jadot , ambientalista, ottiene il 4,40%. Brutto risultato per una festa molto divisa. Fabien Roussel , il candidato del PCF, otterrebbe il 2,40 e il 2,70% dei voti, sulla falsariga dello storico crollo del comunismo francese.

Anne Hidalgo , sindaco di Parigi, candidata socialista, ottiene a malapena l’1,90 e il 2,10%, a conferma dello storico crollo del PS. Tragedia personale e tragedia politica di grande significato.

Questi risultati confermano una trasformazione molto profonda del panorama politico francese, dal carattere eccezionale, la campagna presidenziale più atipica della storia della Quinta Repubblica, il regime fondato dal generale de Gaulle tra il 1958 e il 1965.

Le elezioni non si erano mai tenute al momento della tentata invasione militare di uno stato libero in Europa. Le elezioni non si erano mai svolte dopo una pandemia globale inconcludente. 

Le elezioni non si erano mai svolte dopo due anni di durissimi disordini sociali, la crisi dei ‘giubbotti gialli’ (sinistra e destra), rivelando una profonda angoscia sociale mai placata, fino ad oggi.

Il secondo turno di queste elezioni, tra quindici giorni, dovrà scegliere tra Macron e Le Pen, sostenitore di una società aperta contro il candidato ultranazionalista.

De Ficchy Giovanni

Rispondi