Affondano destra e sinistra tradizionali in Francia

0
8

Secondo i sondaggi, né Anne Hidalgo, del Partito socialista, né Valérie Pécresse, di Le Republicanes, hanno possibilità di raggiungere l’Eliseo

A pochi giorni dal primo turno delle elezioni presidenziali in Francia ,

lo storico crollo della sinistra e della destra tradizionali sta assumendo proporzioni eccezionali.

Cinque partiti di sinistra e di estrema sinistra hanno, insieme, 13 punti in meno di intenzione di voto rispetto a due partiti di estrema e ultra destra.

Il partito di destra ha 20 punti in meno rispetto ai partiti di estrema destra . 

Secondo i sondaggi di giovedì pomeriggio e venerdì mattina, è qualcosa di molto simile a un’eruzione vulcanica che sta distruggendo il tradizionale panorama politico.

L’estrema sinistra, socialisti e comunisti hanno queste intenzioni di voto: Jean-Luc Mélenchon (estrema sinistra), 17,5%

 Fabien Roussel (comunista) , 2,5 per cento; 

Anne Hidalgo (socialista), 2 per cento; 

Philippe Poutou (estrema sinistra), 1%; 

Nathalie Arthaud (estrema sinistra), 0,5 per cento.

L’esito delle elezioni francesi non è così scontato

Emmanuel Macron e Marine Le Pen , i due grandi rivali che dominano il dibattito nazionale, sono perfettamente d’accordo su un punto essenziale: il vecchio confronto tra destra e sinistra viene sostituito da un nuovo tipo di confronto tra ultranazionalisti antieuropei e riformisti a favore della sovranità nazionale complementare e della sovranità europea.

La partita si gioca tutta nei prossimi giorni, nel dibattito tra i candidati si allunga un’ombra, quella della Francia dei francesi, né destra né sinistra: è l’ombra del generale De Gaulle.

In ogni caso sarà una sfida molto divertente, preparate i pop-corn .

Anzi no, ostriche e champagne.

De Ficchy Giovanni

Rispondi