Annunciate nuove sanzione dalla Ue

0
16

Dalla presidente della Commissione, Ursula von der Leyen, al ministro degli Esteri tedesco, Annalena Baerbock, i social network si sono riempiti di messaggi di funzionari della comunità che denunciano gli eventi, chiedono nuove sanzioni contro il Cremlino e chiedono una condanna come crimini di guerra .

La questione dell’estensione delle sanzioni economiche alla Russia è chiaramente rivolta alla Germania, che è la principale economia dell’UE e allo stesso tempo il primo consumatore di gas russo e, quindi, la maggiore fonte di finanziamento per Putin.

Anche il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, si è espresso per aumentare le sanzioni contro la Russia “che sono già in arrivo”, in un tweet in cui si riconosce “scioccato dalle immagini inquietanti delle atrocità commesse dall’esercito russo nella regione liberata di Kiev”, e avverte che “l’Ue sta aiutando l’Ucraina e le Ong a raccogliere le prove necessarie per la loro persecuzione nei tribunali internazionali”. 

Sulla stessa linea, l’Alto rappresentante, Josep Borrell, si è congratulato con le autorità ucraine “per la liberazione della maggior parte della regione di kyiv. 

Questa non è guerra ma la distruzione di un Paese senza considerazione delle leggi della guerra perché anche la guerra ha delle leggi. Moralmente, la Russia ha perso la legittimità. Putin merita la più netta condanna del mondo civilizzato“, ha aggiunto Borrell.

Scioccato dalla notizia delle atrocità commesse dalle forze russe. L’UE aiuta l’Ucraina a documentare i crimini di guerra. 

Tutti i casi devono essere perseguiti, cioè dalla Corte penale internazionale

L’UE continuerà a sostenere con forza l’Ucraina”.

Da parte sua, il presidente francese, Emmanuel Macron, ha affermato che “le immagini che ci giungono da Bucha, cittadina liberata vicino a Kiev, sono insopportabili . 

Il presidente francese vuole una reazione forte dell’Europa di fronte al massacro di Bucha: “Ci sono indicazioni molto chiare su crimini di guerra”

Per le strade centinaia di civili uccisi vigliaccamente.

 La mia compassione per le vittime, la mia solidarietà con gli ucraini. Le autorità russe dovranno rispondere di questi crimini”. 

Macron

Il primo ministro olandese Mark Rutte ha anche dichiarato di essere

“scioccato dalle notizie di crimini orribili nelle aree da cui la Russia si sta ritirando. 

Questo deve essere indagato e i Paesi Bassi e i nostri partner non si fermeranno fino a quando gli autori di crimini di guerra non saranno ritenuti responsabili”.

L’Europa stanzierà 1 miliardo di euro per fornire armi all’Ucraina

Per aiutare Kiev nello sforzo bellico, l’Unione europea aumenterà anche il suo aiuto finanziario all’Ucraina per l’acquisto di armi a 1 miliardo di euro.

Lo ha indicato la ministra degli Esteri tedesca, Annalena Baerbock, al suo arrivo a Bruxelles.

“Oggi stiamo decidendo politicamente di fornire ulteriore sostegno finanziario militare” a Kiev “per aumentare ad un miliardo di euro le sue capacità finanziarie per l’approvvigionamento di mezzi militari”, ha spiegato la ministra tedesca.

De Ficchy Giovanni

Rispondi