I consiglieri militari hanno ingannato Putin

0
5
Il presidente russo Vladimir Putin

Secondo l’intelligence statunitense, il presidente russo Vladimir Putin ha ricevuto informazioni fuorvianti o incomplete sull’andamento dell’invasione dell’Ucraina che gli hanno fornito una visione eccessivamente ottimistica o parziale delle prestazioni dell’esercito russo sul campo di battaglia.

Il presidente russo ha intrapreso l’aggressione contro l’Ucraina con diversi obiettivi : prendere il controllo di molte delle principali città del paese – tra cui la capitale Kiev -, rovesciare il governo del presidente Volodímir Zelenski e imporre un sovrano fantoccio e costringere il cessione dal Donbass , la regione dell’Ucraina orientale che è in parte sotto il controllo dei separatisti filorussi.

 Era ciò che Putin chiama ‘denazizzante’ e ‘smilitarizzante’ l’Ucraina.

La massiccia offensiva dell’esercito russo avrebbe dovuto raggiungere i suoi obiettivi entro pochi giorni.

Ma sono passate cinque settimane , la stragrande maggioranza delle città ucraine sta resistendo all’assedio russo, il Donbass è ancora in discussione e Zelensky – che è diventato un eroe internazionale – è ancora al potere. 

Al contrario, la Russia ha annunciato il ritiro da Kiev e dalla vicina Chernigov per concentrare i suoi sforzi nell’est e nel sud del Paese.

Putin, tuttavia, è ignaro, almeno in parte, di quella realtà. 

Secondo queste fonti dell’intelligence, che si sono rivolte in modo anonimo a vari media statunitensi, Putin non sa, ad esempio, che la Russia impiega in prima linea soldati di nuova assunzione e che tra loro ci sono molti morti (dall’inizio della guerra ci sono informazioni sull’ignoranza di molti giovani soldati che stavano andando in guerra, credevano di essere in manovra; questa circostanza ha causato problemi di morale basso nelle truppe russe).

 Il presidente è stato anche accecato dall’entità dell’impatto delle sanzioni economiche degli Stati Uniti e dei suoi alleati contro la Russia.

cortocircuiti informativi

Queste analisi dell’intelligence mostrano che ci sono cortocircuiti nelle informazioni che Putin riceve dai suoi alti funzionari e una propensione a non dare cattive notizie al presidente russo su ciò che sta accadendo in prima linea.

MISSILE STINGER

 Già nei mesi scorsi l’intelligence americana parlava di un Putin sempre più isolato – cosa accelerata dalle restrizioni che ha imposto a causa della pandemia covid e che hanno chiuso ancora di più il suo cerchio e reso più difficile la comunicazione diretta con lui – e meno favorevole a ascoltando alti funzionari che non danno opinioni coincidenti con la sua. 

Questo, secondo l’intelligence statunitense, ha aumentato la diffidenza o la paura tra gli alti funzionari nelle loro interazioni con Putin. 

Ha anche causato una crescita tensione tra il presidente e il suo ministro della Difesa, Sergei Shoigu , che era uno dei suoi braccio destro.

Queste conclusioni dell’intelligence sono state confermate mercoledì dal Pentagono. Il suo portavoce, John Kirby, ha assicurato che l’esercito americano “è d’accordo con la conclusione che Putin non è stato informato dal suo ministro della Difesa di tutti i dettagli durante l’ultimo mese”.

“Uno dei talloni d’Achille delle autocrazie è che non ci sono persone in quei sistemi che parlano o hanno la capacità di dire la verità al potere“, ha affermato Antony Blinken, Segretario di Stato americano.

Kirby ha riconosciuto che la situazione di Putin potrebbe essere un problema per l’andamento dei negoziati tra Ucraina e Russia per la cessazione delle ostilità. “Il fatto che non abbia il contesto completo, che non comprenda appieno fino a che punto le sue truppe stiano fallendo in Ucrainaè inquietante “, ha detto. 

Se non hai informazioni che le cose stanno andando male, come faranno i tuoi negoziatori a trovare un accordo che duri

E c’è un’altra cosa: non sai come reagirà un leader del genere quando riceve cattive notizie. È sconcertante”.

Chi non ha voluto fare riferimento alla questione è stato Joe Biden. I giornalisti glielo hanno chiesto durante l’atto in cui il presidente degli Stati Uniti ha ottenuto il secondo richiamo del vaccino covid, ma lui non ha risposto.

 Sì, lo ha fatto tangenzialmente , senza fare specifico riferimento alle rivelazioni dell’intelligence, il suo capo diplomatico: “Uno dei talloni d’Achille delle autocrazie è che non ci sono persone in quei sistemi che dicono o hanno la capacità di dire la verità al potere”, Lo ha detto il segretario di Stato Antony Blinken durante la sua visita in Algeria.

 “Ed è qualcosa che stiamo vedendo in Russia”

Rispondi