Pandora Papers ; sanzioni russe da 1,4 miliardi di dollari

0
2
SCILLA ALECCI

Alexei Mordashov, uno dei magnati più ricchi della Russia, ha trasferito la maggior parte della sua quota di proprietà nel conglomerato turistico TUI a una società di comodo caraibica controllata dalla madre dei suoi figli.

Di fronte alle sanzioni dell’Unione Europea e di altre potenze sulla scia dell’invasione russa dell’Ucraina, Alexei Mordashov, un industriale di 56 anni che è in cima alla lista di Forbes dei magnati più ricchi della Russia, ha fatto una contromossa che ha creato un mistero internazionale da 1,4 miliardi di dollari.

Chi era il proprietario della società di comodo segreta nelle Isole Vergini britanniche a cui ha trasferito il controllo della sua quota di proprietà in TUI Group, un conglomerato tedesco che gestisce compagnie aeree, hotel e agenzie di viaggio in tutto il mondo?

TUI ha detto che non ne aveva idea.

Ma un’analisi dei documenti Pandora Papers da parte dell’International Consortium of Investigative Journalists fa luce sul mistero.

I registri mostrano che Marina Mordashova – una donna precedentemente segnalata come la moglie dell’industriale o la sua “compagna nella vita” – controlla la società di comodo dei Caraibi, che si chiama Ondero Ltd.

, Alexei Mordashov,

 Uno dei documenti segreti la identifica come “la madre dei suoi figli” ma non dice se sono sposati.

Giovedì scorso, secondo TUI, è stato informato per la prima volta su chi controlla la società di comodo che è il nuovo azionista di TUI.

Venerdì, TUI ha pubblicato un avviso pubblico che diceva: “Ms. Marina Mordashova è l’azionista di controllo di Ondero”.

 La dichiarazione affermava che le informazioni provenivano da un nuovo deposito normativo.

Alexei Mordashov è uno delle centinaia di uomini d’affari o funzionari governativi russi che sono stati sanzionati dalle potenze occidentali in risposta alla guerra della Russia contro l’Ucraina.

Le domande che circondano la nuova proprietà di TUI mostrano le sfide che devono affrontare i regolatori e gli investigatori incaricati di identificare, congelare o sequestrare i beni di potenti russi ritenuti responsabili del sostegno al regime autoritario del presidente russo Vladimir Putin.

È anche un altro esempio di come l’incapacità dei governi occidentali di porre fine alla segretezza fornita dal sistema finanziario offshore abbia consentito agli ultra ricchi di trovare nuovi modi per proteggere i propri fondi ed evitare il controllo pubblico e le azioni legali.

La “tolleranza mondiale per la proprietà anonima” ha il potenziale per sconfiggere tutto, dalla tassazione alla regolamentazione e, naturalmente, alle sanzioni, ha affermato Alex Cobham, direttore esecutivo del gruppo anticorruzione Tax Justice Network.

I Pandora Papers , una fuga di 11,9 milioni di documenti riservati ottenuti da ICIJ, mostrano che Marina Mordashova possiede da tempo la società madre di Ondero, un’altra entità delle Isole Vergini britanniche denominata Ranel Assets Ltd.

Alexei Mordashov non ha commentato l’accordo né il coinvolgimento di Marina Mordashov.

 “Non posso nemmeno confermare o negare lo stato di Marina Mordashova”, ha detto il suo portavoce.

In risposta ad altre domande dell’ICIJ e dei suoi partner, il portavoce ha affermato che Mordashov non è mai stato coinvolto in politica e non ha mai avuto rapporti con le autorità russe. Il portavoce ha aggiunto che Mordashov “ha sempre condotto le sue attività in Russia e all’estero seguendo rigorosamente le leggi russe e internazionali”.

ICIJ non è riuscito a raggiungere Marina Mordashova.

Investimenti di vasta portata

Mordashov, la cui fortuna è stimata in 29 miliardi di dollari, è l’azionista di maggioranza e presidente di Severstal, una delle più grandi aziende siderurgiche del mondo. Attraverso la società madre dell’azienda, Severgroup LLC, è anche azionista della Rossiya Bank, descritta dal governo degli Stati Uniti come “la banca personale per alti funzionari della Federazione Russa”, inclusa la cerchia ristretta di Putin.

La banca è stata inserita nella lista nera nel 2014 dagli Stati Uniti dopo l’annessione russa della Crimea. Mordashov è stato sanzionato a febbraio dall’UE, dal Regno Unito e da altri paesi. I documenti che illustrano le sanzioni dell’UE affermano che ha una storia di benefici dai “suoi legami con i decisori russi”.

Pandora Papers

Attraverso una società con sede a Cipro, Unifirm Ltd., Mordashov ha anche partecipazioni nell’estrazione del carbone, nei media e in altri settori.

Secondo TUI, Unifirm è azionista di TUI, una società quotata a Londra con sede in Germania, da circa 15 anni. È diventato il maggiore azionista di TUI lo scorso anno quando il conglomerato di viaggi ha lottato per riprendersi dal colpo economico della pandemia di COVID-19.

A febbraio, le sanzioni imposte da Ue e Regno Unito nei confronti di Mordashov hanno costretto l’oligarca russo a dimettersi dal board di TUI ea vendere la sua quota del 34%.

Unifirm, l’azionista di TUI, ha trasferito una partecipazione del 4,1% in TUI al conglomerato Severgroup di Mordashov. Allo stesso tempo, l’investitore russo ha trasferito la proprietà del suo gruppo Unifirm a una società delle Isole Vergini britanniche denominata Ondero, che è poi diventata azionista del 29,9% di TUI. La quota è valutata a circa $ 1,4 miliardi.

Scilla Alecci

E’ giornalista investigativa e giornalista video per ICIJ.

 È anche coordinatrice del partenariato per l’Asia e l’Europa.

Rispondi