GB: broker assicurativi indagati per corruzione

Al centro delle indagini un giro di tangenti pagate a funzionari del governo ecuadoregno

Loyd’s of London

Nel mirino del SFO finite alcune società tra cui Jardine Lloyd Thompson di Marsh & McLennan Cos. e Tysers Insurance Brokers

Il Serious Fraud Office (SFO) del Regno Unito sta indagando su un gruppo di società assicurative di Londra per corruzione.

Nel mirino del SFO finite alcune società tra cui Jardine Lloyd Thompson di Marsh & McLennan Cos. e Tysers Insurance Brokers

L’indagine va avanti da anni, ma l’SFO non l’ha ancora resa pubblica. L’indagine si estende anche ad altri soggetti del mercato assicurativo londinese, anche se meno di cinque società sono sotto inchiesta, ha detto una delle fonti citate.

L’indagine è la diretta conseguenza di quella avviata dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti sulla corruzione del fondo assicurativo statale dell’Ecuador, Seguros Sucre.

L’ex presidente di Seguros Sucre e un ex dipendente di JLT si sono dichiarati colpevoli di accuse di riciclaggio di denaro negli Stati Uniti.

Tra il 2013 e il 2017 milioni di dollari in tangenti sarebbero stati dati da società di brokeraggio a funzionari del governo ecuadoregno per ottenere e mantenere gli affari con Seguros Sucre, secondo documenti acquisiti da un tribunale degli Stati Uniti.

Marsh ha detto nei suoi ultimi report finanziari (2021) che il Dipartimento di Giustizia Usa non ha presentato accuse ma ha chiesto la restituzione coattiva di quanto guadagnato illecitamente per 29 milioni di dollari.

JLT ha accettato in linea di principio questa soluzione e la società ha registrato un onere di tale importo nel quarto trimestre del 2021.

Questa questione riguarda un ex dipendente di JLT Re Colombia, ed è la conseguenza di atti che hanno avuto luogo in Ecuador tra il 2014 e il 2016, prima dell’acquisizione di JLT nel 2019″, ha detto un portavoce di Marsh in una dichiarazione via e-mail. “JLT ha volontariamente segnalato questa questione alle autorità di polizia nel 2018 e sta collaborando con le loro indagini in corso“.

La Redazione

Rispondi