La resistenza di Odessa e la sua scalinata, il simbolo russo contro i tiranni

0
18

Il gioiello ucraino, protagonista della scena di ‘Battleship Potemkin’, resiste agli attacchi di Putin contro l’Ucraina

La scena della carrozzina

 Karl Marx una volta disse che la storia si ripete due volte nel tempo, prima come tragedia e poi come farsa.

 Tra farsa e tragedia c’è proprio l’invasione dell’Ucraina da parte dell’esercito russo, che ha messo gli occhi sul porto strategico di Odessa, che resiste ancora alle minacce di attacco di Putin come il resto del Paese di Zelensky, in guerra ma senza svenire nonostante le circostanze . 

Un appello contro i tiranni e, inaspettatamente per chi ha commissionato questo nastro di propaganda, anche un manuale sulla necessità di ribellarsi all’autorità quando gli ordini sono ingiusti.

Senza andare oltre, replicando la trama del film sovietico, due settimane fa 600 marinai russi si sono rifiutati di sbarcare per combattere a Odessa, secondo Kiev. La storia si ripete due volte, ma spesso è anche ironica.

Il regista lettone Sergey M. Eisenstein , che reinventò le formalità del cinema con inquadrature e angolazioni rivoluzionarie e nuovi espedienti narrativi, realizzò un film basato su una ribellione delle corazzate nel 1905 che si diffuse gradualmente nel resto del paese. 

I ribelli presero il controllo della nave e gli abitanti di Odessa li sostennero con conseguenze letali per la loro vita, anche se non nel modo in cui ritrae il film. “Non c’è stato un massacro zarista sui gradini di Odessa … è ironico che Eisenstein lo abbia fatto così bene che oggi molti credono che sia successo davvero”. 

Non importavano gli eventi reali, solo la tecnica, come ha sottolineato il critico Roger Ebert.

Locandina del Film

un passeggino per bambini

Battleship Potemkin‘, un montaggio prodigio che ha debuttato nel 1925 per commemorare l’anniversario del fallito colpo di stato rivoluzionario, è composto da più di mille scene, ma una sola è stato sufficiente per scuotere la memoria per sempre. 

Quella di una carrozzina che scivola, senza freno e con mezzi propri, lungo i 200 gradini della città portuale dopo l’attacco delle autorità zariste contro la folla, nella sequenza più potente e iconica del quarto racconto del film.

Una scena soffocante che occupava solo tre pagine nella sceneggiatura originale ma è stata replicata da Brian de Palma o Woody Allen; un fotogramma trasformato in un simbolo, muto anche come il film, della guerra.

 L’orrore a volte viene girato in bianco e nero ed esplode senza bisogno di parole. Il passeggino, che cade con agonizzante lentezza dalle scale di Odessa, ha oggi la sua triste eco con l’avanzata lenta ma inevitabile delle truppe di Putin, che opprimono in agonia l’Ucraina di Zelensky.

Il maestro lo riassumeva così: «Il pathos, con il susseguirsi e il costante mutamento delle qualità dell’azione, genera nello spettatore un’emozione che lo porta a svolgere una riflessione intellettuale secondo il tema proposto attraverso un processo psicologico. “

Quasi un secolo dopo che Eisenstein ha ritratto, commissionato e con licenza narrativa, gli abusi di un leader dispotico come lo zar, la storia si ripete in un’altra guerra degli umili contro gli umili. I soldati russi, in gran parte giovani che prestavano servizio nell’esercito, soffrono l’orrore di un conflitto a tutto campo per il quale nessuno sembrava debitamente avvertito; sentono le devastazioni nella loro carne, come l’equipaggio della corazzata Potemkin, con cibo scarso e avariato a causa dei guasti nella rete di approvvigionamento russa e ricevono ordini implacabili di attaccare altri soldati, mal pagati e trattati come loro, quando indossano non direttamente alla popolazione civile.

Di fronte all’incertezza se la Russia avrà la forza di attaccare la strategica Odessa, i confini cambiano, le nazioni mutano, il cinema viene digitalizzato, ma i tiranni restano tiranni, poco importa se si chiamano Nicola II, Stalin o Putin .

De Ficchy Giovanni

Rispondi