Donald fa’ causa ad Hillary

0
10

L’ex presidente ha buone argomentazioni

Nelle oltre 108 pagine depositate in tribunale, l’ex presidente inveisce contro molti dei suoi avversari politici accusando democratici e funzionari del governo di diversi reati, dalla cospirazione alla frode informatica, chiedendo oltre 24 milioni di dollari (22,6 milioni di franchi) di danni.

Nelle oltre 108 pagine depositate in tribunale, l'ex presidente inveisce contro molti dei suoi avversari politici accusando democratici e funzionari del governo di diversi reati, dalla cospirazione alla frode informatica, chiedendo oltre 24 milioni di dollari (22,6 milioni di franchi) di danni.
«I miei legami con Mosca sono delle bugie»

Hillary Clinton e il Comitato Nazionale Democratico hanno inventato la più grande e scandalosa bufala politica nella storia americana nel 2016.

Ha avuto conseguenze di vasta portata ben oltre la copertura delle notizie negative di Donald Trump sulla sua presunta “collusione” con la Russia per vincere la Casa Bianca. 

Sì, Trump ha vinto nonostante gli sforzi della Clinton, ma le sue bugie e la cospirazione con la comunità dell’intelligence americana hanno minato l’intera sua presidenza e creato problemi di sicurezza nazionale per gli Stati Uniti. 

Ora, Trump ha intentato una causa contro Clinton, il DNC e molti altri che “hanno orchestrato un complotto impensabile” e cerca una parvenza di giustizia.

Trump vuole un processo con giuria presso il tribunale distrettuale degli Stati Uniti per il distretto meridionale della Florida. 

La denuncia RICO di 108 pagine nomina 26 imputati e ne aggiunge altri 20 che sono “fittizi e sconosciuti”: Clinton, la sua campagna, il DNC, DNC Services, lo studio legale Perkins Coie, Michael Sussmann , Marc Elias, Debbie Wasserman Schultz, Charles Halliday Dolan , Jake Sullivan, John Podesta, Robert Mook, Phillipe Reines, Fusion GPS , Glenn Simpson, Peter Fritsch, Nellie Ohr , Bruce Ohr , Orbis Business Intelligence, Christopher Steele , Igor Danchenko, Neustar Inc., Rodney Joffe, James Comey , Peter Strzok , Lisa Page, Kevin Clinesmith , Andrew McCabe, 10 società “John Does” e 10 “ABC”.

Questa è piuttosto la cabala degli imbroglioni, e Trump probabilmente avrebbe potuto nominarne ancora di più.

Secondo la causa, “Le azioni intraprese a sostegno del loro schema – falsificazione delle prove, ingannare le forze dell’ordine e sfruttare l’accesso a fonti di dati altamente sensibili – sono così oltraggiose, sovversive e incendiarie che persino gli eventi del Watergate impallidiscono al confronto”. 

Trump in realtà non sta esagerando le cose.

Oltre al “progetto nefasto degli imputati per screditare, delegittimare e diffamare” Trump, sostiene di essere stato “costretto a sostenere spese” superiori a 24 milioni di dollari per difendersi, e ciò non include la perdita di opportunità di affari a causa del drappo della corruzione ingiustamente gettata su di lui.

 Cerca di recuperare tre volte i 24 milioni di dollari.

Potrebbe non esserci un individuo più corrotto nella politica americana di Hillary Clinton (sebbene Joe Biden potrebbe darle una pista per i soldi).

 Si riteneva legittimata alla presidenza.

 Mentre stava compilando il curriculum come segretaria di stato, ha creato un server di posta elettronica illegale per coprire i suoi schemi pay-to-play della Clinton Foundation che stava gestendo. 

Quando è stato scoperto, aveva bisogno di qualcosa per far apparire Trump peggio. 

Quindi ha trovato un modo per coinvolgere Chris Steele sul caso (essenzialmente facendo pagare al DNC Perkins Coie per pagare Fusion GPS per pagare Steele), ha trovato indizi nei suoi alleati nella Leftmedia per portare avanti il ​​suo caso e ha messo in moto lo stato profondo dell’intelligence per distruggere il suo avversario prima e dopo la sua vittoria.

I lettori di Roma Sera Giornale sanno tutte queste cose, e se il consigliere speciale John Durham dovesse mai finire le sue indagini, più americani potrebbero venirne a conoscenza. 

Ma la causa civile di Trump, che finora si basa sulle incriminazioni di Durham, può essere più ampia e forse più punitiva dell’indagine penale di Durham, supponendo che possa guadagnare terreno in tribunale.

L’ultima parte è, sfortunatamente, un grande “se”. L’analista politico John Hinderaker, lui stesso un avvocato, scrive : “Il conteggio della diffamazione cattura meglio la natura della cospirazione degli imputati”, ma le numerose altre accuse probabilmente “non andranno lontano”.

Parte di questo sono numeri semplici. “Trump ha un consulente legale locale a Deerfield Beach, in Florida, e sembra che il suo studio principale sarà Habba Madaio & Associates, che ha al massimo cinque avvocati e si trova nel New Jersey”, osserva Hinderaker.

 “Non è possibile che abbiano le risorse per perseguire questo caso con successo. Hanno citato in giudizio 29 persone e società; Non so quanti assumeranno effettivamente un avvocato, ma gli avvocati di Trump saranno enormemente in inferiorità numerica e senza armi. 

Per quanto mi piacerebbe vedere Trump vincere questo caso, è difficile prevedere un lieto fine”.

In effetti, il problema per Trump è che, sebbene abbia ampiamente ragione nelle sue accuse, se la sua causa fallisce, potrebbe sembrare che assolve i cospiratori.

Alla fine, Trump e Clinton hanno qualcosa in comune. 

Trump e i suoi seguaci più fedeli non accettano la sua sconfitta nel 2020, quindi ora fa causa per rimostranze molto reali. 

Clinton e i suoi seguaci più fedeli non accettano la sua sconfitta nel 2016, quindi fa comunque cose come leggere il suo discorso di vittoria .

È lo spirito di Achab di Moby-Dick di Herman Melville . 

Poiché la sua nave fu distrutta dalla balena titolare e la sua stessa morte era inevitabile, Achab pronunciò questo famoso verso: “Fino all’ultimo sono alle prese con te; dal cuore dell’inferno ti accoltello; per amor di odio ti ho sputato addosso il mio ultimo respiro».

De Ficchy Giovanni

Rispondi