le sanzioni per la guerra in Ucraina: Supermercati vuoti

0
30
Scaffali Vuoti nei supermercati russi

zucchero +37%, cipolle +40%, pomodori +12,3%: liti al supermercato

A casa le madri e le moglie dei soldati devono fronteggiare un’escalation dei prezzi dei generi di consumo base come lo zucchero e gli ortaggi.

I riflessi di sanzioni e inflazione, con il rublo che si è fortemente deprezzato, si scaricano sulla popolazione che vive così al supermercato ciò che non apprende dai media ufficiali.

Quegli scaffali vuoti diventano immagini ricorrenti nella vita quotidiana sia nelle grandi città sia nei centri rurali anche se le autorità di affannano a ribadire che non sono interruzioni nella catena degli approvvigionamenti

La questione dello zucchero è la più spinosa perché sono coinvolte anche la produzione di liquori, sempre ben presenti nel paniere della spesa familiare russa.

Nella terza settimana di marzo l’inflazione in Russia è aumentata del 14,5% rispetto ad un anno prima, registrando il più forte balzo da 17 anni.

Lo ha reso noto il ministero dell’Economia russo mentre – riporta il Guardian – il Servizio statistico federale ha fotografato un’impennata dei prezzi di alcuni beni, come lo zucchero, del 37,1% in alcune regioni.

Balzo anche per le cipolle che in alcune aree del Paese hanno messo a segno un rincaro fino al 40% (13,7% la media nazionale) mentre i pannolini per i bambini registrano rincari del 4,4%, la carta igienica del 3%, il tè nero del 4%. Del 3% il sale, l’8% banane e pomodori. 

Il vice primo ministro Viktoria Abramchenko dichiara tuttavia che «La Russia è autosufficiente in fatto di zucchero (da barbietola, ndr) e grano, non c’è da avere paura né da fare scorte». 

Non manca tuttavia chi sospetta processi speculativi da parte di grossisti e distributori che starebbero tenendo le merci nei depositi per lucrare sui prezzi dei beni più richiesti.

Fatto sta che non sono mancate resse e liti nei supermercati per mettere le mani su un chilogrammo di zucchero o una scatoletta di tonno.

La Redazione

Rispondi