Fermate la mattanza in Ucraina

Fermatela guerra

Il rischio più grande per tutti è un criminale di guerra armato di armi nucleari, che agisce impunemente perché è sicuro che nessuno gli resisterà.

Le notizie orribili dall’Ucraina continuano a ritmo costante, preoccupante ma familiare, senza veri segni di sollievo.

 Siamo diventati insensibili?

 Stiamo imparando gradualmente a tollerare l’intollerabile?

Quella disconnessione di base è entrata nella mia coscienza un giorno della scorsa settimana quando ho chiesto ad Alexa (la voce sul nostro Amazon Echo-Dot) le notizie del mattino. 

Per prima cosa ha fornito un aggiornamento sulla situazione in Ucraina. 

L’avanzata russa, bloccata fuori Kyiv, stava ora scatenando la sua piena ferocia sulla città meridionale di Mariupol, rastrellando condomini, reparto maternità e persino un rifugio per bambini chiaramente segnalato.

 Migliaia di residenti di Mariupol sono rimasti intrappolati negli scantinati, senza riscaldamento, cibo o acqua.

Quindi, prima che avessi il tempo di digerire quei fatti surreali, Alexa è passata alla prossima grande storia della giornata: il nostro Senato degli Stati Uniti ha votato per rendere permanente l’ora legale! Evviva!

Alexa, FERMATI! 

C’è QUALCOSA di più importante di una brutale invasione che potrebbe scatenare una guerra mondiale?

Ciò che sta accadendo al popolo ucraino, in questo momento, è così barbaro e disumano che sembra irreale, come il peggiore dei videogiochi che abbiamo cercato di bandire perché troppo violenti per la società civile.

Per quelli di noi che vivono dall’altra parte del mondo, l’invasione russa dell’Ucraina – un paese che non possiamo trovare su una mappa, da parte di persone di cui non capiamo la lingua e la cultura – sembra roba da romanzi o film Netflix.

Ma prova a immaginarlo più vicino a casa. Mariupol è una città grande più o meno quanto la Columbia, nella Carolina del Sud, ed è per molti aspetti paragonabile – una città vivace con ingorghi, ristoranti, scuole e industrie – sede di mezzo milione di residenti urbani e suburbani.

O lo era, fino ad ora. Oggi è un deserto bruciato di strade impraticabili, cumuli di macerie, scheletri di edifici distrutti, devastazione ovunque, ed è ancora sotto attacco. 

Molti sono ancora intrappolati lì, lottando solo per rimanere in vita.

Che cosa è successo a quei giorni innocenti in cui ci tenevamo aggiornati minuto per minuto sulle operazioni di salvataggio di persone in pericolo, come i 33 minatori cileni intrappolati in una miniera di rame crollata a 2.300 piedi sottoterra?

Le migliaia ancora bloccate a Mariupol non sono vittime di un incidente sul lavoro o di una calamità naturale. 

La loro sopravvivenza non richiede una frenetica operazione di perforazione 24 ore su 24. 

No, tutto ciò che sarebbe necessario per allontanarsi in sicurezza sarebbe che un presunto governo civile dicesse alle proprie truppe di ritirarsi – o che un altro governo civile (il nostro, per esempio) intervenisse con forza e li fermasse.

Ma non lo stiamo facendo.

I leader del libero mondo occidentale sembrano riluttanti o incapaci di affrontare la piena gravità della situazione ucraina. 

Hanno valutato male la capacità di Vladimir Putin di fare il male e i suoi progetti sull’Europa orientale e, dopo averlo fatto, ora sembrano inclini a trattarlo come un allarmante incidente internazionale piuttosto che come la prima possibile salva della terza guerra mondiale.

Si parla di trattative e rampe di decollo per la Russia.

 Potrebbe esserci spazio per quello più tardi, ma prima di tutto: fermare la carneficina. 

Quando qualcuno irrompe in casa tua e inizia a massacrare la tua famiglia, non sei particolarmente interessato a un accordo negoziato.

La grande novità della scorsa settimana è stata l’affermazione informale del presidente secondo cui Putin è un criminale di guerra. 

Joe Biden ha ragione – lo sapevamo già – e seguire quel corso con i nostri partner internazionali potrebbe essere la strada migliore per penalizzare Putin e la Russia per il loro selvaggio assalto ai non combattenti indifesi.

Femen a Parigi

 Ma per allora, il danno sarà fatto.

In effetti, stiamo facendo un passo indietro, raccogliendo prove in modo che quando il barbaro finirà la sua barbarie, possa essere ritenuto responsabile.

Nel 1946, i processi di Norimberga fornirono la massima giustizia ai nazisti che eseguirono il piano di Adolf Hitler per una soluzione finale; ma non salvarono una sola vita ebrea.

Finora il presidente Biden ha tenuto l’esercito americano fuori dal conflitto diretto con la Russia. Va bene, a condizione che non si limiti a calciare la lattina lungo la strada fino a un’azione successiva, ancora più minacciosa, da parte della Russia o di altri.

 Ma la timida avversione americana per lo scontro militare sembra dominata dalla preoccupazione di provocare Putin, una persona che ci convince quotidianamente che non ha bisogno di provocazioni per infliggere danni.

Dovremmo intraprendere qualsiasi azione necessaria, compreso l’intervento militare, per fermare l’emorragia. 

Sì, questo comporta dei rischi.

 Ma il rischio più grande per tutti noi è un criminale di guerra armato di armi nucleari, che agisce impunemente perché è sicuro che nessuno gli resisterà.

De Ficchy Giovanni

Rispondi