UCRAINA LA SITUAZIONE

Bombardamenti

L’invasione russa dell’Ucraina è vecchia di 28 giorni e la guerra è in stallo. 

La Casa Bianca teme che Mosca intensifichi i suoi attacchi a causa dello scarso avanzamento delle sue truppe, che, secondo fonti ucraine, hanno rifornimenti e cibo per tre giorni. 

Il coprifuoco a kyiv è terminato e nella capitale si sono udite molte esplosioni. La città di Mariupol è devastata ed è fondamentale che Mosca formi un corridoio verso la Crimea.

 Il presidente dell’Ucraina ha denunciato la cattura di una missione umanitaria che lascia Mariúpol, trasformata in un inferno in cui 100.000 persone sono in condizioni subumane.

 Con Mariupol circondato, Kherson conquistato e Odessa nel mirino, Kiev è il tesoro più ambito

. La capitale ha terminato il suo terzo coprifuoco e si sono sentite molte esplosioni, mentre la Russia ha distrutto un laboratorio nucleare nella zona di esclusione di Chernobyl.

Volodymyr Zelensky parlerà oggi davanti all’Assemblea nazionale francese, dopo averlo fatto ieri con Macron, che ha parlato anche con Putin nel tentativo fallito di reindirizzare i colloqui per un cessate il fuoco tra le due parti. 

Lo farà anche in Giappone questo pomeriggio.

Mentre tutti gli occhi sono puntati sul vertice straordinario della Nato, che si terrà domani al quale Zeleski parlerà in videoconferenza e vedrà la presenza di Joe Biden, gli Stati Uniti temono un’ondata di attacchi informatici russi per creare il caso nel Paese.

Putin non lascia dimettersi il governatore della Banca centrale russa 

Secondo Bloomberg, la governatrice della Banca centrale russa, Elvira Nabiullina, ha cercato di dimettersi dopo l’invasione russa ma il presidente russo non le ha permesso di farlo.

La NATO stima che le forze russe abbiano subito tra le 7.000 e le 15.000 vittime dall’inizio dell’invasione.

Funzionari della NATO stimano che tra 7.000 e 15.000 soldati russi siano stati uccisi in Ucraina. Le perdite totali, comprese quelle catturate, ferite o disperse, possono variare da 30.000 a 40.000.

L’Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico (NATO) ha annunciato martedì che sta preparando il dispiegamento di ulteriori forze di combattimento in quattro paesi sul suo fianco orientale e ha lanciato un avvertimento alla Cina  per il suo sostegno alla Russia in Ucraina.

Alla vigilia di un vertice dell’alleanza a Bruxelles, il segretario generale dell’entità, Jens Stoltenberg, ha anticipato l’invio e il dispiegamento di gruppi tattici aggiuntivi a quelli già disponibili in Estonia, Lettonia, Lituania e Polonia .

“Spero che i leader accettino di rafforzare la posizione dell’alleanza in tutti i domini (…) Il primo passo è il dispiegamento di quattro nuovi gruppi tattici in Bulgaria, Ungheria, Romania e Slovacchia”

 In quel vertice, i leader della NATO intendono riaffermare il sostegno all’Ucraina con gesti concreti.

DE FICCHY GIOVANNI

Rispondi