Russia in Default

Russia in default

L’economia russa si sta logorando, la sua valuta è crollata e il suo debito è spazzatura.

Non sono state pagate le cedole in dollari, su due obbligazioni russe, gli investitori stanno ancora aspettando il pagamento.

La scadenza era ieri , quindi è iniziato il default, anche se come anticipato dal dittatore Putin, i creditori dei paesi ostili, ossia quelli che hanno imposto sanzioni, sarebbero stati pagati in rubli, piuttosto che in divisa statunitense,

Fitch” Se pagheranno in rubli sarà un default”

Secondo Fitch , un tale “denominazione forzata” dei pagamenti delle cedole, indicherebbe comunque, che è iniziato il “processo di default”.

Le agenzie di rating declassano il debito russo, gli investitori occidentali si stanno preparando quindi al default da quando il mese scorso sono state imposte sanzioni europee e statunitensi, contro la Banca Centrale Russa.

E’ prossimo un potenziale default che potrebbe costare miliardi agli investitori e escludere il paese dalla maggior parte dei mercati di finanziamento.

Gli investitori hanno subito già pesanti perdite

Il default sul debito estero della Russia, di cui 20 miliardi di dollari nelle mani di investitori esteri,

in realtà Mosca non paga più gia dal 2 Marzo, gli effetti del mancato pagamento agli investitori non residenti delle cedole sui bond sovrani russi (ofz) denominati in rubli scaduti lo scorso 2 marzo.

Non sono stati pagati gli investitori stranieri, se non verranno pagati entro 30 giorni, sarà Default , poichè è stato concesso il periodo di grazia di 30 giorni, nonostante non ci sia nessun documento che confermi il dettaglio di un qualsiasi periodo di grazia.

Le conseguenze di un default

Sarà la polverizzazione dell’economia russa, attraverso la svalutazione a doppia cifra del rublo.

Il Rublo si svaluta in maniera impressionante

De Ficchy Giovanni

Rispondi