Fermare i piani diabolici di Vladimir Putin e Xi Jinping

PUTIN E IL PRESIDENTE CINESE

Una vittoria russa in Ucraina ora sarebbe un trionfo per un Nuovo Ordine Mondiale guidato da brutali autocrati e una sconfitta per l’Occidente e la stessa democrazia. 

Per prevenire questo disastroso esito, gli Stati Uniti e l’Europa devono aumentare drasticamente il loro aiuto all’Ucraina assediata quando si incontreranno la prossima settimana a Bruxelles. A parte l’invio di truppe della NATO o l’inizio di qualsiasi conflitto militare diretto con la Russia, devono fare tutto il possibile per aiutare l’Ucraina a sconfiggere Putin, o almeno negargli la vittoria totale che desidera. 

Il presidente Biden può versare un acconto sul nuovo approccio prima di lasciare Washington, approvando finalmente il trasferimento di 28 caccia dalla Polonia.

In tal modo, il presidente annullerebbe la sua inversione di tendenza di una settimana fa. Dopo che il Segretario di Stato Tony Blinken ha detto per la prima volta di sì all’idea, Biden l’ha respinta personalmente, dicendo che sarebbe stata “escalation”. 

La sua decisione è arrivata dopo che la Polonia ha suggerito di far volare i caccia MiG-29 inutilizzati in una base aerea americana in Germania, quindi di farli volare in Ucraina dagli ucraini. In cambio, agli Stati Uniti è stato chiesto di inviare F-16 per ricostituire l’aviazione polacca.

Evita di essere un bersaglio

La Polonia voleva evitare di diventare un obiettivo di Putin e potenziare la propria capacità aerea, ma l’idea di far volare i MiG in Germania per la prima volta era troppo carina della metà per Washington e il Pentagono ha respinto l’idea definendola “non sostenibile”. 

Due aerei russi dell'aeronautica polacca hanno fatto volare il Mig 29 sopra e sotto due jet da combattimento F-16 dell'aeronautica polacca degli Stati Uniti durante l'Air Show di Radom, in Polonia, il 27 agosto 2011.
Il presidente Biden avrebbe dovuto approvare l’accordo con la Polonia per inviare caccia MiG-29 inutilizzati alle forze ribelli dell’Ucraina.

Quello era allora. I cambiamenti sul campo – e a Pechino – rendono imperativo che l’Ucraina in qualche modo ottenga i MiG e praticamente tutto ciò che vuole e di cui ha bisogno. Una proposta di trasporto aereo di cibo, acqua, medicine e altri beni essenziali sta ottenendo consensi, ma l’obiettivo deve andare oltre il salvataggio di vite umane per salvare la stessa Ucraina. 


Ricevi gli ultimi aggiornamenti sul conflitto Russia-Ucraina con la copertura in diretta di The Post.


Il continuo bombardamento russo sta riducendo in macerie più città e creando la più grande crisi di rifugiati dalla seconda guerra mondiale, con quasi 3 milioni di ucraini che hanno già lasciato il paese e altri non hanno detto che vogliono andarsene se riescono a uscirne in sicurezza. Ogni giorno l’ esercito russo si avvicina a Kiev e la caduta della capitale sarebbe una grave battuta d’arresto psicologica, distruggerebbe il governo e porterebbe a massacri ancora più grandi.

Sebbene sia sempre stata una sorta di fantasia che il coraggioso militare ucraino e la coraggiosa resistenza civile potessero fermare l’avanzata di Putin, il successo nel rallentarla sta pagando un prezzo terribile. Ora che si avvicinano alle tre settimane, gli attacchi schiaccianti dell’invasione da parte di razzi, missili, carri armati e aerei rivelano che Putin è pronto a distruggere e svuotare l’Ucraina se è quello che serve.

I militari ucraini disimballano i missili anticarro Javelin, consegnati come parte dell'assistenza alla sicurezza degli Stati Uniti d'America all'Ucraina, all'aeroporto di Boryspil, fuori Kiev, Ucraina, venerdì 11 febbraio 2022.
I militari ucraini hanno un disperato bisogno di più armi e forniture militari.

L’America e le altre nazioni della NATO sono state esasperabilmente lente nel fornire assistenza prima dell’invasione e dopo che è iniziata, e hanno dovuto vergognarsi di un’azione intensificata dal diffuso orrore pubblico per l’ indiscriminata brutalità russa. Mentre la prima serie di sanzioni erano schiaffi, un successivo inasprimento delle viti sull’economia russa e ingenti spedizioni di aiuti militari all’Ucraina hanno segnalato un approccio più serio. 

Ma il continuo pestaggio dei civili e l’alleanza cinese hanno alzato l’asticella e richiedono ancora un’altra risposta più ampia ed efficace. Come in ogni fase precedente, l’alternativa è accettare il sanguinoso piano di conquista di Putin e guardarlo polverizzare una capitale europea e trasformare in sudditi decine di milioni di ucraini sopravvissuti.

Anche allora, non vi è alcuna garanzia che si fermerebbe. Il desiderio di Putin di ricostruire l’Unione Sovietica e il suo linguaggio minaccioso sulle altre ex nazioni prigioniere stanno mandando brividi in tutta Europa. 

I camion del Comitato Internazionale della Croce Rossa (ICRC) aspettano in fila al valico di frontiera di Siret a Siret, Romania, il 14 marzo 2022 per fornire aiuti all'Ucraina durante l'invasione russa in corso.
L’istituzione di una no-fly zone in Ucraina consentirà alla NATO di portare aiuti e rifornimenti tanto necessari ai residenti maltrattati.

La NATO ha comprensibilmente detto no a una richiesta separata ucraina di imporre una no-fly zone, sostenendo che inevitabilmente si tradurrebbe in un combattimento diretto con gli aerei russi e le difese di terra e porterebbe alla terza guerra mondiale. 

Lascia che gli ucraini facciano volare i MiG

Ma dare all’Ucraina i MiG non è significativamente diverso da altre armi già fornite purché i jet siano pilotati da piloti ucraini. E mentre non vi è alcuna garanzia che gli aerei dell’era sovietica possano cambiare le sorti della guerra, danno all’Ucraina un’altra opzione per aiutare a contrastare l’attacco russo.

Ciò è particolarmente vero per i missili e i lanciarazzi che sparano su obiettivi urbani a miglia di distanza. Sono fuori dalla portata delle forze di terra ucraine e del loro equipaggiamento, ma gli aerei polacchi aumenterebbero ciò che resta dell’aviazione ucraina e potrebbero essere efficaci. 

I residenti locali portano fuori i bagagli e si mettono in salvo dopo che il condominio dietro di loro è stato danneggiato da quello che i funzionari di Kiev chiamano un bombardamento russo nel quartiere Obolon di Kiev, in Ucraina, lunedì 14 marzo 2022.

 

Michael Goodwin

NEW YORK POST

Rispondi