Financial Times ;

0
4

Sam Jones a Zurigo, John Paul Rathbone a Londra e Demetri Sevastopulo a Washington

Un convoglio di evacuazione supera un veicolo corazzato russo distrutto alla periferia di Kiev

‘Un grave fallimento’: la portata degli errori militari della Russia diventa chiara

Prima fase dell’offensiva frenata da debolezze dell’intelligence e scarsa pianificazione e logistica

A tre settimane dall’invasione dell’Ucraina, la portata degli errori militari della Russia sta diventando chiara. L’esito della guerra del presidente russo Vladimir Putin è ancora tutt’altro che certo: esistono poche informazioni sui tassi di logoramento delle forze ucraine, mentre l’esercito russo continua a battere quello del suo vicino. Le possibilità di escalation sono nel frattempo aumentate poiché la leadership russa cerca di riconquistare il piede in avanti.

Ma nella prima fase della sua offensiva, la storia militare del Cremlino è quella del fallimento. I funzionari della difesa occidentale hanno stimato che le vittime russe siano comprese tra 2.000 e 6.000. Sulla base di rapporti in conflitti simili, ciò implica da tre a quattro volte più catturati e feriti.

A metà strada, una tale stima è superiore, in tre settimane, alle perdite di militari statunitensi e britannici messe insieme durante 20 anni in Afghanistan. Anche le perdite di materiale della Russia sono significative. Il blog di Oryx ha registrato 1.034 veicoli russi, pezzi di artiglieria e aerei distrutti, danneggiati, abbandonati o catturati.

Questi includono 173 carri armati, 261 veicoli corazzati e da combattimento di fanteria e 28 sistemi missilistici terra-aria. Justin Bronk, ricercatore presso il Royal United Services Institute del Regno Unito, che ha co-scritto un libro sulla modernizzazione militare della Russia sotto Putin, ha affermato che le perdite “sono enormemente più che in qualsiasi altro conflitto recente” tra cui Georgia, Cecenia o Afghanistan negli anni ’80.

Analisti e funzionari militari occidentali concordano sulla causa principale dei difetti nell’offensiva militare russa: un fallimento dell’intelligence che ha distorto la pianificazione militare.

Ne sono derivati ​​fallimenti legati a decisioni affrettate, impreparazione logistica, scarsa manutenzione delle attrezzature e uso di truppe giovani e inesperte che insieme sono culminate in un crollo del morale russo in prima linea. Il generale Sir Richard Barrons, ex capo del Joint Forces Command del Regno Unito, ha dichiarato: “C’è qualcosa qui che è sistematicamente sbagliato. . . da qualche parte nell’architettura dell’intelligence russa, i fatti sul campo vengono convertiti in un’analisi, ma quell’analisi è in realtà una narrativa per supportare i preconcetti della dirigenza [del Cremlino] senior”. 

I russi sono molto bravi nelle parate militari.

Passano settimane a far risplendere tutto. Ma è una facciata Funzionario della difesa europea Di conseguenza, la campagna prevista dalla Russia – un attacco d’assalto basato sulla velocità e sulla debolezza politica ucraina – si è trasformata in un’operazione di combattimento congiunta che richiede una pianificazione logistica e delle comunicazioni che non sembra essere stata attuata, affermano gli analisti.

I primi fallimenti della Russia si sono verificati nelle prime 24 ore della guerra, quando le truppe spetsnaz segrete preposizionate , il cui compito era paralizzare la leadership politica ucraina, sono state interrotte. Le forze aviotrasportate dell’élite VDV, note per i loro berretti azzurri, che avrebbero dovuto proteggere siti chiave come l’aeroporto di Hostomel appena a nord della capitale, furono, dopo il successo iniziale, respinte dalla forte resistenza ucraina.

Due aerei da trasporto sono stati abbattuti sopra Hostomel dalle forze ucraine. “L’esercito ucraino nel suo insieme si aspettava questo tipo di invasione dal 2014”, ha affermato Barrons. “E poi è stato loro consegnato il dono di queste forze di luce che sono arrivate a pezzi, sottovalutandole, che sono state in grado di eliminare”. 

La seconda componente dell’assalto iniziale – la rapida avanzata delle forze russe, che evitavano le città e intendeva circondare rapidamente le unità militari ucraine regionali che credevano sarebbero state paralizzate a causa di un governo centrale senza leader – ha ulteriormente esteso la vulnerabilità russa.

“È come se trattassero questa come una missione di polizia militare, non una vera e propria invasione contro un esercito moderno”, ha detto un funzionario militare occidentale. I video sui social media mostrano persino le truppe di Rosguardia, la milizia interna russa, che avanzano nelle città, senza supporto, come forza in prima linea.

Quando, diversi giorni dopo, i comandanti russi si resero conto che dovevano passare a usare una potenza di fuoco più seria, lo fecero in modo caotico: enormi colonne di carri armati e artiglieria si mossero in avanti, ma gli ucraini fecero saltare in aria i ponti, causando lo stallo delle avanzate. I pianificatori russi sembrano non essere riusciti ad anticipare questa risposta di base, ha detto un altro ufficiale militare occidentale, sottolineando che le unità ingegneristiche e i costruttori di ponti non erano nemmeno vicini al fronte dell’avanzata in alcune colonne.

“Quello che abbiamo visto sul campo è un piano estremamente pessimo insieme senza alcun preavviso ai comandanti operativi che stavano per lanciare le loro truppe in un combattimento operativo, il che ha creato loro un numero enorme di problemi”, ha detto Bronk di Rusi. È, ha aggiunto, un “grave fallimento” dei “TTP” – tattiche, tecniche e procedure. Persino i temuti sistemi antiaerei russi sono rimasti vulnerabili agli economici droni turchi Bayraktar TB2 gestiti dagli ucraini. Il filmato su Twitter , ad esempio, mostra l’eliminazione dei lanciatori Buk da parte dell’ucraino TB2, lo stesso sistema missilistico utilizzato per abbattere l’aereo commerciale MH17 nel 2014.

Sul terreno, nel frattempo, le migliaia di missili anticarro che le potenze occidentali hanno fornito all’Ucraina per settimane si sono dimostrati efficaci, con fanti mobili in grado di tendere imboscate e attaccare gruppi avanzati isolati di veicoli leggeri russi e unità pesanti fisse bloccate in colonne con fianchi non protetti.

L’intelligence open source suggerisce che l’infrastruttura di comunicazione militare russa ha funzionato male: le radio crittografate all’avanguardia Azart e Akveduk che presumibilmente hanno iniziato a essere distribuite alle unità russe nel 2017 sembrano scarse o hanno una portata inadeguata, ha osservato un rapporto Rusi .

Sui social media, sono state pubblicate foto di russi che utilizzavano radio cinesi economiche e non crittografate e i propri telefoni cellulari per contattare i comandanti.

Di conseguenza, anche gli appassionati di radioamatori a centinaia di miglia di distanza sono stati in grado di sintonizzarsi sulle comunicazioni militari russe in tempo reale, come mostrano i thread di Twitter con dozzine di messaggi russi registrati .

La domanda è come si adatterà la Russia. Negli ultimi giorni, le forze russe hanno intensificato l’uso del fuoco a lungo raggio e hanno lanciato più di 800 missili in totale. C’erano anche segni che colonne di forze a nord ea est di Kiev si stavano preparando a tentare un nuovo approccio.

Anche alcuni dei carri armati e altri veicoli di un lungo convoglio che nel punto più vicino si trova a 15 km da Kiev sono usciti dalla strada principale.

Non è chiaro se vengano inviati in una direzione diversa o se si nascondano sotto gli alberi. Altrove, gli obiettivi della Russia sembrano essere circondare e assediare un numero sufficiente di città ucraine, conquistare Kiev e cacciare il governo Zelensky.

Mentre le forze russe hanno lottato nel nord, nel sud hanno avuto molto più successo e possono ancora applicare una forza considerevole. Rimangono interrogativi sulla capacità delle forze ucraine di continuare a combattere e sulla quantità di munizioni antiaeree rimaste.

All’interno dell’esercito ucraino c’è anche un crescente sgomento per il capovolgimento occidentale sul supporto militare aggiuntivo, come il dono di jet MiG o armi antiaeree a lungo raggio più pesanti montate su veicoli.

L’uso da parte della Russia di artiglieria grezza e bombe mute sta nel frattempo provocando un pesante tributo civile . E la maggior parte dei segnali punta verso un’ulteriore escalation da parte del Cremlino.

Il pericolo, ha affermato un alto ufficiale dell’intelligence britannica in pensione, è che nel tentativo di districarsi dai suoi disastri tattici in Ucraina, Mosca “cada in un vicolo cieco strategico con conseguenze ancora peggiori” – per l’Ucraina, e forse per il mondo.

Sam Jones a Zurigo, John Paul Rathbone a Londra e Demetri Sevastopulo a Washington

Manifestanti in Russia

Rispondi