Marianna, la donna incinta nella foto scioccante nell’ospedale bombardato di Mariupol, ha dato alla luce una bambina

0
16

La sua immagine che lascia la maternità tra le macerie ha fatto il giro del mondo. La notizia ha generato centinaia di messaggi di felicità sui social network

Marianna Podgurskaya, la donna incinta la cui foto è diventata virale mentre lasciava tra le macerie l’ospedale bombardato di Mariupol, ha dato alla luce una bambina giovedì sera.

La storia emotiva ha generato centinaia di messaggi di felicità sui social network . Ciao Marianna, spero che tu possa trovare calore e sicurezza per nutrire il tuo prezioso neonato. Vorrei poter fare di più dal Regno Unito. Tanto amore a entrambi “, ha scritto un utente su Twitter.

Al contrario, l’ambasciata russa nel Regno Unito ha deriso Marianna e sostiene che sia stata lei a provocare una scenata . “ Ha un trucco molto realistico. 

Se la cava bene anche con i blog di bellezza.

Inoltre, non poteva trovarsi nell’ospedale di maternità al momento dell’attentato poiché è stato a lungo rilevato dal battaglione neonazista Azov , che ha ordinato a tutto il personale di lasciare il posto”, ha pubblicato il resoconto della legazione.

Marianna è influencer sui social e attualmente conta quasi 60mila followers su Instagram . Lì può essere vista nelle foto di gennaio che mostrano la sua gravidanza.

La Russia ha giustificato l’attentato che ha devastato l’ospedale materno-infantile di Mariupol

La Russia ha giustificato questo giovedì il brutale attacco che ha devastato l’ospedale materno-infantile della città di Mariupol , dove sono morte almeno quattro persone, di cui una minorenne. 

La persona incaricata di difendere la decisione di bombardare il centro sanitario era il ministro degli Esteri del Cremlino Sergei Lavrov , che ha affermato che si trattava di una base di nazionalisti ucraini che sono tra gli obiettivi militari delle truppe d’invasione.

Il capo della diplomazia russa ha detto: ” Questo ospedale pediatrico è stato ripreso molto tempo fa dal battaglione Azov e altri radicali, e tutte le donne che stavano per partorire, tutte le infermiere e tutto il personale di supporto erano state espulse “, Lavrov ha detto dopo i colloqui in Turchia con il suo omologo ucraino per cercare di spiegare i presunti motivi che hanno giustificato l’attacco all’ospedale che ha indignato il mondo e potrebbe costituire un altro crimine di guerra .

Tre persone, tra cui una ragazza, sono morte mercoledì nel bombardamento russo di un ospedale pediatrico a Mariúpol (sud-est), ha riferito giovedì il consiglio comunale di questa città portuale. “Tre persone sono morte, inclusa una ragazza”, ha affermato l’ufficio del sindaco in una dichiarazione rilasciata dal suo profilo Telegram . Un precedente bilancio delle autorità pubblicato il giorno prima riportava 17 feriti. Una quarta persona è morta giovedì in un attentato di giovedì mattina, ha affermato l’ufficio del sindaco in un’altra dichiarazione.

” Le truppe russe distruggono deliberatamente e spietatamente la popolazione civile di Mariupol “, ha denunciato il comune che il giorno prima aveva denunciato la morte di oltre 1.200 abitanti in nove giorni di assedio di questo importante porto del Mar d’Azov.

Ospedale Pediatrico

De Ficchy Giovanni

Rispondi