La Croce Rossa avverte che Mariúpol soffre di un assedio “apocalittico” per i suoi abitanti civili

0
8
EVACUAZIONE NELLA NOTTE

I corridoi umanitari hanno iniziato a funzionare lentamente in Ucraina e hanno aiutato diversi gruppi di civili di Irpin, a nord di Kiev, e di Sumi, nel nord-est del Paese, a lasciarsi alle spalle le zone di conflitto ea dirigersi verso la parte occidentale dell’Ucraina. 

Dopo tredici giorni di guerra e tre incontri faccia a faccia tra ucraini e russi, questi corridoi sono il primo punto di comprensione e potrebbero diffondersi in altre città del Paese.

Le evacuazioni in questi due luoghi si sono affrontate faccia a faccia, Mariupol, la città balneare sul Mar d’Azov dove per il terzo giorno consecutivo era impossibile un’uscita sicura dei civili. Il sindaco di questa città, Vadim Boitchenko, ha denunciato che una bambina di sei anni è morta per disidratazione sotto le rovine della sua casa, distrutta dai bombardamenti.

La bambina, di nome Tania e di 6 anni, è rimasta intrappolata sotto le macerie della sua casa, colpita dalle bombe. Sua madre morì immediatamente , ma lei, secondo Boitchenko, “non si sa per quanto tempo sia rimasta intrappolata viva sotto le rovine della sua casa (…) negli ultimi minuti della sua vita era sola, esausta, spaventata e orribilmente assetata. 

Questa è solo una delle tante storie che accadono a Mariupol, che è sotto assedio da otto giorni”, ha scritto su Telegram.

Circa 300.000 civili a Mariúpol subiscono un accerhiamento che li condanna a vivere senza acqua né elettricità e soggetti al fuoco dell’artiglieria.

 Il Comitato Internazionale della Croce Rossa (CICR) ha descritto la situazione come “davvero apocalittica per le persone”, nelle parole del portavoce, Ewan Watson.

Stranieri sfollati da tutto il mondo

Gli sfollati non si sono diretti verso la Russia o la Bielorussia, come suggerito da Vladimir Putin , ma si sono diretti verso le aree sotto il controllo ucraino. 

Nel caso di Sumy, le immagini di decine di autobus che trasportavano non solo ucraini ma anche cinesi, indiani e altri cittadini stranieri sono state trasmesse dai media locali diretti a Lokhvytsia, a sud-ovest. Molti di coloro che se ne andarono erano studenti di tutto il mondo che furono colti dal conflitto a metà dell’anno accademico.

Il cielo di Kiev tacque durante il giorno. Le esplosioni della notte hanno lasciato il posto al silenzio e la città si è tinta di bianco a causa della bufera di neve . 

“Questo ci favorisce, i russi perdono visibilità e non potranno usare gli aerei”, ha riflettuto ad alta voce uno dei miliziani davanti alle barricate di Maidan, il cuore della capitale. 

Con il passare dei giorni, la resistenza ucraina tiene il nemico lontano da Kiev , ma i timori di un’operazione aerea su larga scala si rafforzano.

Attesa tesa a Kiev

Il presidente Volodymyr Zelensky ha parlato di Odessa come del prossimo obiettivo di Mosca , ma senza dimenticare che Kiev è il principale oggetto del desiderio del nemico. Il leader ucraino ha registrato e mandato in onda il suo ennesimo video sulle reti per dimostrare di essere ancora nella capitale e ha offerto un’intervista al canale americano ABC in cui era aperto al dialogo con Putin, “ma non molliamo “, ha chiarito. .

Riguardo alle richieste russe di fermare la guerra, ha insistito sul fatto che “ho perso ogni interesse per l’ingresso dell’Ucraina nella NATO perché mi sono reso conto che non ci vogliono nell’Alleanza “. 

Questa è una delle condizioni richieste dal Cremlino, insieme al riconoscimento dell’indipendenza di Lugansk e Donetsk e della sovranità russa sulla Crimea.

In attesa di un quarto incontro al confine con la Bielorussia tra gli inviati di Kiev e Mosca, il turno della diplomazia guarda ora ad Antalya, dove si incontreranno i ministri degli Esteri di entrambi i Paesi .

 Gli sforzi procedono a un ritmo più lento di una guerra che sta divorando l’Ucraina ed è alle porte della sua capitale.

Tradotto e redatto DE FICCHY GIOVANNI

Rispondi