L’Ucraina definisce “assurdi” e “inaccettabili” i corridoi umanitari proposti dalla Russia

0
14
Corridoi Umanitari

A partire dalle dieci di oggi, due ore in meno in Spagna, sarebbe stato in vigore un cessate il fuoco da parte delle truppe russe dispiegate in Ucraina per incoraggiare l’evacuazione di civili da Kiev, Mariupol, Kharkov, Sumy e altre città del paese attraverso corridoi umanitari che dovrebbe essere abilitato a questo scopo. Tuttavia, l’Ucraina ha respinto l’iniziativa e ha descritto i corridoi umanitari come “assurdi” e “inaccettabili” perché le presunte vie di fuga sono dirette verso la Russia o la Bielorussia, regime alleato di Putin.

Per questo Kiev accusa il Cremlino di cercare di manipolare i leader mondiali con la promessa di corridoi umanitari, alcuni dei quali minati. 

Lo ha avvertito la Croce Rossa Internazionale (CICR) citando, in particolare, la rotta Mariúpol. E questo accade non solo oggi in questo luogo ma anche in questi ultimi due giorni. Pertanto, il direttore dell’entità, Dominik Stillhart, deplora che gli accordi raggiunti da Kiev e Mosca sui corridoi umanitari siano “imprecisi” e ha osservato che, sebbene entrambe le parti parlino da “giorni”, si sta rivelando difficile per loro d’accordo su qualcosa di “concreto”.

Le informazioni sul cessate il fuoco nelle città più massacrate da Putin sono state fornite all’inizio di questo lunedì dall’Ufficio interdipartimentale russo per la risposta umanitaria in Ucraina, spiegando che tale misura è stata adottata “data la catastrofica situazione umanitaria in atto, e il suo forte aggravamento nel città di Kiev, Kharkiv, Sumy e Mariupol, nonché su richiesta personale del presidente della Francia, Emmanuel Macron, del presidente della Russia, Vladimir Putin».

Nel territorio controllato da Mosca

La suddetta sede ha precisato che i corridori effettueranno l’evacuazione in Russia e Bielorussia. Ad esempio, da Kiev alla città bielorussa di Gomel. 

Da Mariupol alla città russa di Rostov sul Don. Da Kharkiv e Sumy alla città russa di Belgorod. È stato indicato che il trasporto sarebbe stato effettuato in autobus e, una volta giunti alle prime destinazioni, i rifugiati sarebbero stati poi inviati su strada, treno o aereo in altri punti di “alloggi temporanei” in diverse regioni della Russia.

L’ufficio umanitario ha indicato che tutte le informazioni sull’operazione sono state trasferite all’ONU , all’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE) e al Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR). “Chiediamo che la parte ucraina rispetti rigorosamente tutte le condizioni per la creazione di corridoi umanitari nelle aree elencate e garantisca un ritiro organizzato di civili e cittadini stranieri”, si legge nella nota.

L’esercito russo “effettuerà un monitoraggio oggettivo continuo dell’evacuazione, anche attraverso l’uso di dispositivi aerei senza pilota.

 Pertanto, avvertiamo che tutti i tentativi da parte ucraina di ingannare ancora una volta la Russia e l’intero mondo civile interrompendo l’operazione umanitaria, presumibilmente a causa della Federazione Russa, questa volta saranno inutili e privi di significato”, avverte la nota. dipartimento umanitario. 

E ha concluso facendo appello “alle autorità di Kiev e ai funzionari incaricati delle città elencate affinché applichino misure concrete” per facilitare l’evacuazione.

Kiev accusa Mosca di utilizzare quelle rotte per rafforzare le proprie posizioni militari e conquistare l’Ucraina.

Chiede al G7 di assumere un ruolo guida negli aiuti umanitari in qualità di coordinatore per garantire che il diritto internazionale non venga violato

Da parte sua, il vicepremier ucraino, Irina Vereshuk, ha denunciato oggi che “vogliono che i nostri cittadini vadano in Russia “, secondo l’agenzia ucraina Unian. Vereshuk ritiene che si tratti di una proposta “assurda, cinica e inaccettabile” e ha chiesto al pubblico ucraino di prestare attenzione solo alle informazioni pubblicate dalle autorità di Kiev attraverso i canali ufficiali.

L’amministrazione del presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha rilasciato una propria dichiarazione affermando che “abbiamo già avuto due accordi con la Russia sui corridoi umanitari da Mariupol e Volnovaya, che sono stati violati dalla parte russa.

 Avrebbero consentito l’evacuazione di oltre 200.000 civili.

 In effetti, i tentativi di espellere la popolazione di Mariúpol e Volnóvaya, il primo sabato e la domenica successiva, fallirono. 

Mosca e Kiev si sono incolpate a vicenda per il fiasco.

La Presidenza ucraina, che accusa la Russia di utilizzare i corridoi umanitari come pretesto per “rafforzare le proprie posizioni militari nel compito di conquistare completamente l’Ucraina”, ha sottolineato oggi che “ci sono decine di città in otto regioni dell’Ucraina dove la situazione umanitaria è catastrofico.”

 Secondo la dichiarazione, “città, paesi e villaggi nelle regioni di Sumy, Chernigov, Kharkov, Kiev, Mykolaiv, Zaporizhia, Kherson, Lugansk e Donetsk sono quelli che devono avere un maggiore accesso ai corridoi umanitari”.

Kiev sottolinea inoltre che, in conformità con il diritto umanitario internazionale, i mediatori nel processo di coordinamento dei corridoi devono essere una “parte terza” non coinvolta nel conflitto e chiede ai paesi di assumere un ruolo guida negli aiuti umanitari all’Ucraina del G7. .

“I civili presi in ostaggio”

Allo stesso modo, lo stato maggiore delle forze armate ucraine, in una dichiarazione diffusa tramite Facebook, sostiene che le truppe russe “violano le norme del diritto umanitario internazionale, bombardando i civili (…) con razzi e attacchi di artiglieria”. «Prendono in ostaggio donne e bambini, collocano attrezzature e munizioni nei quartieri residenziali delle città e creano artificialmente una vera e propria crisi umanitaria nelle zone occupate», continua nel suo rapporto quotidiano, precisando che le unità russe « li stanno privando di elettricità e acqua per tre giorni agli abitanti della città di Irpin”, vicino a Kiev. 

Assicura che nemmeno loro possono lasciare le loro case, quindi non possono nemmeno fare scorta di cibo.

E ‘ previsto per oggi il terzo round di colloqui tra le delegazioni russa e ucraina alla ricerca di una soluzione al conflitto . 

La prima si è svolta lunedì e la seconda giovedì, proprio con l’accordo per l’apertura dei corridoi umanitari. Il luogo e l’ora dei colloqui sono ancora sconosciuti

De Ficchy Giovanni.

Rispondi