Site icon Roma Sera Giornale

Gli Usa definiscono l’attacco alla centrale nucleare di Zaporizhia un “crimine di guerra”

Attacco alla centrale nucleare

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu si riunisce d’urgenza oggi dopo l’attacco alle strutture

Le autorità statunitensi hanno bollato questo venerdì come un “crimine di guerra” l’attacco alla centrale nucleare ucraina di Zaporizhia , la più grande d’Europa, preso questo giovedì dalle forze russe dopo un attacco agli impianti.

“Attaccare una centrale nucleare è un crimine di guerra”, ha affermato l’ambasciata americana in Ucraina attraverso il suo account ufficiale sul social network Twitter. 

“L’attacco del presidente russo Vladimir Putin alla più grande centrale nucleare d’Europa è un altro passo nel suo regno del terrore “, ha affermato.

Da parte sua, il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha affermato che la situazione a Zaporizhia mostra “quanto sia pericolosa la situazione”.

 “Le guerre portano sempre alla distruzione dove forse nessuna delle parti in guerra lo intende davvero, ma che può comunque avere effetti terribili”.

Ecco perché è importante evitare queste escalation“, ha sottolineato.

Allo stesso modo, ha escluso la presenza di contaminazione radioattiva dopo l’attacco alla centrale nucleare di Zaporizhia. 

“Non ci sono state fughe radioattive “, ha sottolineato durante una visita al Comando delle operazioni della Bundeswehr (Forze armate) a Potsdam, vicino a Berlino, come riportato dall’agenzia di stampa tedesca DPA.

Da parte sua, il governo russo ha sottolineato che le operazioni presso l’impianto, il più grande d’Europa, continuano normalmente e ha accusato i “sabotatori” ucraini dell’incendio registrato negli impianti, imputati a un attacco proiettile dell’esercito russo.

In questo senso, il ministro degli Esteri britannico, Liz Truss, ha sottolineato che “l’attacco sconsiderato alla centrale nucleare di Zaporizhia è preoccupante”. “Stiamo cercando una sessione urgente del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e utilizzeremo tutti i mezzi legali e politici a nostra disposizione per affrontare la questione”, ha aggiunto su Twitter.

“Violazione del diritto internazionale”

Alla fine, questo pomeriggio si terrà la sessione per esaminare l’attacco delle forze russe alla centrale nucleare di Zaporizhia in Ucraina, dopo che diversi paesi lo hanno richiesto.

L’incontro era stato richiesto da Stati Uniti, Albania, Regno Unito, Irlanda e Norvegia, secondo la delegazione di quest’ultimo Paese, che ha avvertito che ” gli attacchi armati contro installazioni nucleari pacifiche sono una violazione del diritto internazionale “.

L’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha escluso fughe radioattive, ma ha espresso preoccupazione per questa escalation di tensioni. Il suo direttore generale, Rafael Grossi, ha indicato che due addetti alla sicurezza degli impianti sono rimasti feriti nell’incendio proposto da un incontro presso l’ impianto di Chernobyl con rappresentanti di Ucraina e Russia per affrontare un quadro di garanzie di sicurezza sugli impianti nucleari ucraini davanti all’esercito russo offensivo.

Tradotto e redatto da De Ficchy Giovanni

Exit mobile version