La Russia pronta a prendere Odessa dal mare

0
4

Lo stato maggiore dell’esercito ucraino ha dichiarato oggi che nel Mar Nero, al largo della città portuale di Odessa, sono state rilevate quattro grandi navi da sbarco russe e tre motoscafi armati di missili . Il dipartimento militare ucraino ritiene che tali movimenti indichino che la Russia lancerà presto un attacco con l’obiettivo di impadronirsi di Odessa, ma avverte che “il nemico sarà accolto calorosamente”, affermando che il dispositivo di difesa della città è già pronto. Il nuovo governatore di Odessa, nominato ieri dal presidente Volodymyr Zelensky , è Maxim Marchenko, ex comandante del gruppo ultranazionalista Aidar National Battalion.

 A Mosca lo considerano un “nazista”

Più a est, a Kherson, il suo sindaco, Igor Kolijáyev

, è in trattative con le truppe russe e sottolinea che non sta negoziando nulla. “Non ho promesso loro nulla, ho solo detto loro che sono interessato al normale funzionamento della nostra città”, ha assicurato oggi Kolijáyev.

Secondo le sue parole, trasmesse tramite Facebook, “ho semplicemente chiesto loro di non sparare alle persone (…) non abbiamo truppe in città, solo civili”.

Mercoledì a Kherson ci sono state manifestazioni “contro l’occupazione russa” .

 Secondo il sindaco, sono stati concordati con l’esercito russo il coprifuoco tra le otto del pomeriggio e le sei del mattino, il ripristino dei trasporti pubblici e l’attività di imprese e imprese. “I militari non saranno provocati, i veicoli devono circolare a bassa velocità ed essere pronti a mostrare ciò che hanno dentro in qualsiasi momento”, ha avvertito. “Rimaniamo sotto la bandiera ucraina e, affinché rimanga tale, dovremo soddisfare le sue condizioni”.

Lo stesso giorno, il portavoce del ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, ha annunciato che “le divisioni delle forze armate russe hanno preso il pieno controllo della capitale regionale di Kherson”, informazione che Kolijáyev ha poi smentito. 

Tuttavia, è vero che l’unità militare russa controlla le principali strutture della città, il porto fluviale sul fiume Dnepr, la stazione ferroviaria, i centri di comunicazione , gli edifici ufficiali e altri siti importanti. 

Anche la provincia di Kherson, che confina a sud con la Crimea, è sotto il completo controllo delle forze russe.

Otto morti, due dei quali bambini

Oggi si è saputo che un osservatore dell’Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa è morto martedì in un attentato a Kharkiv . “Marina Fénina , un membro nazionale della Missione speciale di monitoraggio dell’OSCE in Ucraina, è morta in un attentato a Kharkov il 1 marzo (…) mentre stava per acquistare viveri per la sua famiglia”, ha affermato l’organizzazione in una dichiarazione rilasciata. attraverso il suo sito web.

 Kharkov è stata oggetto di pesanti bombardamenti da parte delle truppe russe per diversi giorni.

Nella stessa regione di Kharkov, nella cittadina di Izium, ci sono già otto morti, due dei quali bambini , a causa di un attacco aereo russo che ha colpito ieri sera un edificio residenziale, secondo le autorità locali.

 A Kiev, intanto, il comando militare denuncia il lancio di missili dell’artiglieria russa. Nella notte nella capitale si sono registrate ben quattro forti esplosioni in diversi punti.

tradotto e redatto De Ficchy Giovanni

Rispondi