Putin, arrabbiato, frustrato e pericoloso

Questa guerra non è stata provocata. 

È stata una scelta di qualcuno che ora è rinchiuso nel suo bunker . 

E sappiamo cosa accadde alla persona che si rifugiò nel suo bunker di Berlino nel maggio 1945. Queste le parole di Sergii Kislitsia, ambasciatore dell’Ucraina all’Onu, nel suo discorso di lunedì durante l’Assemblea Generale.

Il diplomatico ha tracciato un ovvio paragone tra Vladimir Putin e Adolf Hitler , all’interno dell’aggressività retorica che ha usato Kislitsia nei giorni scorsi , mentre il suo Paese soffriva per l’artiglieria russa (“non c’è il purgatorio per i criminali di guerra, vanno direttamente all’inferno” ha raccontato il suo collega russo, Vasili Nebenzia).

La similitudine non regge militarmente – l’esercito nazista è andato in pezzi nella primavera del 1945 e Putin gode di una schiacciante superiorità sull’Ucraina – ma personalmente regge più terreno: dal Cremlino si percepisce un presidente arrabbiato, frustrato , ciascuno più isolato e pericoloso .

Ma si può paragonare partendo dall’atteggiamento mentale del leader del Cremlino, deciso ad accreditare il suo profilo guerresco e antagonista verso l’Occidente.

La famiglia nascosta in un bunker, in una città sotterranea in Siberia

l nascondiglio, sarebbe il fulcro di una vera e propria città sotterranea hi-tech, progettata una decina di anni fa nell’eventualità di una guerra nucleare. Lì, nelle montagne dell’Altaj, Putin avrebbe trasferito nel fine settimana i suoi figli e le persone a lui più vicine .

Il suo atteggiamento è “molto preoccupante”, questo afferma la Casa Bianca, e anche per l’intelligence americana le condizioni mentali del leader russo sono diventate una priorità, dopo che vari esperti hanno notato come il comportamento del presidente russo sia diventato di recente “sempre più imprevedibile, erratico e irrazionale”,

Ci sarebbe una fonte dell’ Fbi secondo cui il comportamento del leader del Cremlino è diventato “altamente preoccupante e imprevedibile” negli ultimi giorni. 

La Casa Bianca ha quindi chiesto a tutte le agenzie di intelligence di raccogliere informazioni sulle condizioni di salute dello “zar” e su come le sanzioni  l’inaspettata reazione dura e compatta dell’Occidente abbia influito su di lui.

 Il tema della salute mentale di Putin è stato affrontato anche nel briefing ai parlamentari americani da parte di Avril Haines, direttrice della National intelligence, che confermerebbe di avere una fonte eccellente al Cremlino , la quale riferisce che lo stato d’animo del leader della Federazione Russia è “altamente preoccupato e imprevedibile” negli ultimi giorni.

Putin sarebbe “estremamente adirato” per le sanzioni occidentali.

De Ficchy Giovanni

Rispondi