Scholz resiste a Putin e promette che farà “tutto il necessario” per garantire la pace in Europa

Il cancelliere ha promesso che “d’ora in poi, anno dopo anno, la Germania investirà più del due per cento del suo prodotto interno lordo in nostra difesa”

Il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha condannato ancora una volta con forza l’attacco russo all’Ucraina , descrivendolo come un punto di svolta di vasta portata. “Stiamo vivendo una svolta, ciò significa che il mondo dopo non è più quello di prima”, ha dichiarato prima della sessione plenaria del Bundestag, riunito in sessione straordinaria, sessione straordinaria del Bundestag, in cui ha annunciato un stanziamento aggiuntivo di 100.000 milioni di euro per l’esercito tedesco .

Il nocciolo della questione, ha esposto al parlamento tedesco, è se il potere della forza può infrangere la legge e se al presidente russo Vladimir Putin può essere concesso di riportare indietro le lancette delle lancette delle grandi potenze del 19° secolo, «o se possiamo raccogliere le forze per porre limiti ai guerrafondai come Putin”.

“Dobbiamo dissuadere Putin dal suo corso di guerra”, ha sottolineato. Il leader dell’opposizione conservatrice, Friedridh Merz, nella stessa sessione parlamentare, ha chiarito la sua posizione: “Basta, è ora di affrontare Putin”. “Le sanzioni avranno i loro effetti”, ha confidato, e ha invitato l’economia tedesca a “smetterla di essere l’utile sciocco di Vladimir Putin “.

Il nuovo budget per l’ esercito tedesco andrà a investimenti e progetti di armi attraverso un fondo speciale. Il denaro apparirà nel bilancio federale 2022 e Scholz ha promesso che “d’ora in poi, anno dopo anno, la Germania investirà più del due per cento del suo prodotto interno lordo in nostra difesa”.

Riforma la Bundeswehr

Scholz, che appartiene al Partito socialdemocratico, tradizionalmente contrario al riarmo, ha ora riconosciuto che la Bundeswehr ha bisogno di “capacità nuove e forti”. Il punto di riferimento deve essere che “si faccia tutto il necessario per assicurare la pace in Europa”. “Una cosa è chiara: dobbiamo investire molto di più nella sicurezza del nostro Paese per proteggere in questo modo la nostra libertà e la nostra democrazia”, ​​ha affermato, ponendo l’obiettivo di una Bundeswehr efficiente, altamente moderna e progressista.

Scholz ha chiesto a tutti i gruppi parlamentari del Bundestag di ancorare questo fondo speciale nella Legge fondamentale. Il 9 marzo il ministro delle finanze Christian Lindner (FDP) vuole presentare il bilancio per il 2022 al gabinetto. Il cancelliere tedesco ha anche fatto notare che con l’attacco all’Ucraina Putin era iniziata “una guerra di aggressione a sangue freddo.

 E questo per una ragione: la libertà degli ucraini mette in discussione il loro stesso regime oppressivo. 

Questo è disumano. 

Questo è contro il diritto internazionale. Niente e nessuno può giustificarlo”.

L’attacco russo all’Ucraina è stato condannato all’unanimità dai rappresentanti di tutti i gruppi parlamentari

. Anche la sinistra e l’estrema destra dell’AfD, alleati della Lega di Salvini,

che in precedenza avevano respinto la politica delle sanzioni contro la Russia, hanno espresso le loro critiche a Putin.

Tradotto e redatto da Giovanni De Ficchy

Rispondi